Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
39 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
Autore

Giorgio Piola

Ultime notizie di Giorgio Piola

Griglia
Lista

Red Bull: sospensione sperimentale per le gomme 2020?

Martedì nella prima ora di test Pirelli ad Abu Dhabi, quando erano permesse delle modifiche per la rilevazione dei dati, la RB15 di Verstappen ha provato una sospensione anteriore con un bracket più sporgente in funzione di un migliore sfruttamento delle gomme 2020.

Ecco perché la Williams è un vero... cancello!

Nei test Pirelli di Abu Dhabi la FIA ha autorizzato che le monoposto venissero strumentate nella prima ora per effettuare delle prove aerodinamiche. Sulla FW42 guidata da George Russell è apparso un rastrello enorme. E anche gli altri team non hanno scherzato.

Honda RA619H: dubbi e certezze da 345,6 km/h!

Scopriamo nel disegno di Giorgio Piola la power unit giapponese che ha permesso a Max Verstappen di toccare in gara ad Abu Dhabi un picco di velocità alla speed trap di quasi 15 km/h superiore alla Ferrari. Quando erano le Rosse a svettare, gli uomini Red Bull avevano lanciato una campagna denigratoria. E adessoo?

Mercedes: ecco le novità 2020 provate da Hamilton

Nelle prove libere di Abu Dhabi abbiamo visto le W10 che erano dei laboratori in vista della stagione 2020: Bottas ha provato (e rotto) un motore dotato di soluzioni per il prossimo anno, mentre Hamilton si è dedicato ad una sospensione con attacchi diversi. Riproposta anche l'ala anteriore convertita all'outwash della Ferrari.

Ferrari: a Vettel nel crash si è rotto anche il cambio

I meccanici della Ferrari hanno messo un paravento davanti al box del Cavallino mentre stanno sostituendo la trasmissione che si è rotta nel crash del pilota tedesco nei minuti finali del primo turno di libere del GP di Abu Dhabi. Seb non pagherà alcuna penalizzazione.

Ferrari: lo scarico wastegate adesso ha le corna

La squadra del Cavallino ad Abu Dhabi ha portato una soluzione inedita dello scarico wastegate: il tubo unico si divide in due terminali che sono inclinati di 5 gradi per rispettare il regolamento al limite. Si tratta di un interessante esperimento in vista del 2020. Sarà copiato?

Mercedes: flap a corda corta come sulla Ferrari

Tanto la Mercedes che la Red Bull già lavorano per la stagione 2020: entrambi i top team hanno adottato sull'ala anteriore dei flap che facilitano l'effetto outwash dei flussi d'ariac he girano intorno alla ruota anteriore.

Red Bull: due telecamere inserite nell'ala centrale

La RB15 di Alexander Albon è stata strumentata per le prove libere del GP di Abu Dhabi: nell'ala centrale, davanti alla bocca dei radiatori, sono state "annegate" due telecamere che servono a riprendere il comportamento della gomma anteriore. Serviranno anche nei test di delibera delle Pirelli 2020 della prossima settimana?

Rilevazioni fonometriche: Leclerc col motore più potente

Siamo riusciti ad avere i dati delle rilevazioni fonometriche svolte in qualifica a Interlagos: la power uniit del monegasco ha una decina di cavalli in più di quello di Vettel. Il motore del tedesco vale quello Mercedes di Hamilton, mentre l'Honda di Verstappen paga solo 25 cavalli dalla vetta.

Red Bull: l'ala anteriore con l'outwash è solo per il 2020

Max Verstappen ha sperimentato a Interlagos una nuova ala anteriore che lascia trasparire il cambiamento di filosofia aerodinamica del team di Milton Keynes che sembra orientato a privilegiare la riduzione del drag piuttosto che la ricerca del carico.

Haas: riproposta l'ala copia di quella Ferrari di Baku

La squadra americana ha portato anche nel GP del Brasile l'ala anteriore che ha fatto il suo debutto ad Austin: è identica a quella che la Ferrari ha usato a Baku.

Gomme 2020: ecco perché in F1 non cala la... pressione

La Pirelli propone pneumatici con un profilo più panciuto di 6 mm grazie a una nuova costruzione. L'idea è di abbassare le pressioni per ridurre i rischi di surriscaldamento visti nel 2019 con una finestra di utilizzo più ampia. Scopriamo anche le implicazioni aerodinamiche e i dubbi dei team dopo il test ad Austin.

Red Bull: sulla RB15 torna il nasino senza narice

Sul muso della Red Bull si è rivista a Interlagos un soluzione della RB15 che era apparsa sulla monoposto di Verstappen al GP di Monaco. Si lavora per il 2020.

Regole 2021 F1: tre divieti per la semplificazione

Con le F1, che dal 2021 imporranno il ritorno all'effetto suolo per generare la downforce, rinunciando all'efficienza delle ali, scatteranno anche una serie di divieti: dalle macchine saranno dandite i bargeboard, le sospensioni con il bracket e il terzo elemento a controllo idraulico.

Red Bull: test sulle flessioni dell'ala posteriore

La squadra di Milton Keynes nelle prove libere del GP degli Stati Uniti non si è limitata al collaudo delle gomme 2020, ma ha rilevato dei dati sulle flessioni dell'ala posteriore con due telecamere HD. C'era una strumentazione anche sui bracci delle sospensioni per vedere le variazioni di comportamento con l'assetto Rake.

Mercedes: sopra alla brake duct c'è una presa che fa discutere

Sulla W10 c'è bisogno di raffreddare il corner posteriore: c'è una presa d'aria che non fa parte della brake duct, ma è un'estensione del bracket della sospensione. A Brackley sono stati bravi a lavorare in una zona grigia del regolamento, ma c'è chi si chiede se la soluzione approvata dalla FIA sia effettivamente regolare.

Haas: una nuova ala anteriore per l'effetto outwash

La squadra americana ha portato un'ala nuova ad Austin che può essere considerata un esperimento un vista della monoposto 2020. Si cerca più downforce nel treno anterriore, ma si guarda anche a potenziare l'effetto outwash seguendo i dettami della Ferrari.

Mercedes: lo squarcio nel fondo di Lewis costava due decimi!

Un autorevole ingegnere del Circus ha quantificato quanto il fondo danneggiato sulla Mercedes del penta-campione abbia penalizzato le prestazioni nel GP del Messico che poi Lewis ha vinto. A giudicare da quanto si è visto in pista non è più la Ferrari il riferimento, ma lo scettro torna alla W10, anche se solo per un decimo.

Ferrari: ecco i mini tubi di Pitot sul fondo della SF90

La squadra del Cavallino nella prima sessione di prove libere del GP del Messico ha strumentato la SF90 per raccogliere utili dati nella zona posteriore del fondo montando mini tubi di Pitot, seguendo quanto in precedenza era statao fatto dalla Mercedes.

Mercedes: ci sono i generatori di vortice nei cestelli

La squadra campione ha intenzione di chiudere la partita del sesto titolo iridato di Hamilton in Messico e per cercare di insidiare la favorita Ferrari haa portato in Sud America un cestello dei freni che introduce quattro coppie di generatori di vortice oltre ad aumentare la portata di aria di raffreddamento.

Williams: ali diverse e vecchi pezzi riciclati!

La penuria di pezzi di ricambio che affligge la Williams, ha portato che al GP del Giappone le due FW42 di George Russell e Robert Kubica siano completamente diverse non solo nell'ala anteriore, ma anche nel fondo e nei bargeboard, riutilizzando parti che sono state riassemblate.

Ferrari: Vettel ha evitato la falsa partenza col freno a mano

Il tedesco, dopo aver fatto muovere la SF90 in anticipo dalla pole position, è stato molto reattivo nell'usare la leva misteriosa posta dietro al volante per fermare la Rossa al via del GP del Giappone, evitando che il sensore FIA segnalasse il jump start.

Mistero T-tray: perché si usa un attuatore idraulico?

La tendenza delle squadre è di cercare delle soluzioni che rallentino la discesa dello splitter, quando si solleva dopo un contatto su un cordolo: pare che un team di seconda fascia disponga di un attuatore idraulico montato sotto alle gambe del pilota per trarre vantaggi aero.

Red Bull: c'è la dentellatura del cerchio posteriore

A Suzuka c'era una grande attesa per il super-motore della Honda che, invece, ha deluso. La curiosità della RB15 era nel cerchio posteriore con un disegno inedito che mostrava una dentellatura nella parte interna visibile solo con la gomma smontata. Ma è servita a poco...