Guerrieri vince nel caos di Gara 2 a Sepang e riapre il Mondiale

Pioggia, buio e incidenti hanno rimescolato le carte nel secondo round, andato al perfetto argentino, mentre Michelisz è ottavo senza correre rischi. Podio per Azcona e Kristoffersson, Girolami e Ceccon in Top5, Muller tamponato da Catsburg è sesto, fuori Tarquini.

Guerrieri vince nel caos di Gara 2 a Sepang e riapre il Mondiale

Un perfetto Esteban Guerrieri riapre la lotta per il titolo Mondiale del FIA WTCR vincendo Gara 2 a Sepang dopo una serie di colpi di scena clamorosi.

Il primo di questi è dovuto dalla pioggia, che dopo le insidie create in Gara 1 ha cominciato a scendere copiosa sul tracciato di Kuala Lumpur poco prima del via, con diversi concorrenti che avevano optato per il mix di gomme slick-rain a ritrovarsi in seria difficoltà.

Questo ha comportato che allo spegnimento dei semafori, le sportellate e i sorpassi cominciassero fin dalla prima curva, con il poleman della griglia invertita Ma Qing Hua a venire risucchiato nel gruppo, superato immediatamente da Néstor Girolami, mentre Mikel Azcona e Guerrieri risalivano dall'ottava e nona piazza fino al podio.

Alla curva 9 il patatrack, con Nicky Catsburg a franare contro Yvan Muller e la Hyundai i30 N dell'olandese a prendere fuoco per una perdita d'olio. Il francese della Lynk & Co ha invece proseguito, ma subito dietro a loro anche il leader della serie Norbert Michelisz è andato lungo, scivolando nelle retrovie. Guerrieri è passato al comando, ma il fuoco sulla vettura di Catsburg ha costretto i commissari a sospendere il tutto.

Leggi anche:

Da regolamento, la gara è ripresa dietro alla Safety Car secondo l'ordine registrato nell'ultimo settore completato prima della sospensione. Girolami si è quindi ritrovato davanti a Guerrieri, Azcona, Kevin Ceccon, Muller, Augusto Farfus, Johan Kristoffersson, Tiago Monteiro, Yann Ehrlacher e Rob Huff, con Michelisz 13° e Catsburg impossibilitato a ripartire (avendo causato la bandiera rossa) nonostante il miracolo degli uomini della BRC nel risistemare la sua auto.

Guerrieri ha subito avuto il via libera dal suo compagno di squadra della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport Girolami, portando autorevolemente la propria Honda Civic Type R a vincere una gara che lo rimette in piena corsa per il titolo, dato che Michelisz è stato prudentissimo nei sorpassi accontentandosi dell'ottavo posto.

Grande bagarre invece per la piazza d'onore che alla fine viene vinta da un Azcona bravissimo a superare con la sua Cupra griffata PWR Racing la Honda di Girolami al giro 8, mentre l'argentino ha poi ceduto il terzo gradino del podio alla Volkswagen Golf GTI di Johan Kristoffersson (Sébastien Loeb Racing).

Top5 anche per il combattivo Ceccon, nuovamente a punti con l'Alfa Romeo Giulietta Veloce del Team Mulsanne-Romeo Ferraris, seguito dalle Lynk & Co 03 di Muller ed Ehrlacher, Michelisz e dalle altre due Volkswagen Golf GTI della Sébastien Loeb Racing con sopra Rob Huff e Benjamin Leuchter.

A punti vanno anche Aurélien Panis al volante della Cupra preparata dalla Comtoyou Racing-DHL, Monteiro con la Honda della KCMG, Mehdi Bennani (Volkswagen Golf GTI - Sébastien Loeb Racing) e le Audi RS 3 LMS di Jean-Karl Vernay (Leopard Racing Team WRT) e Niels Langeveld (Comtoyou Racing).

Hanno invece perso parecchio terreno nel corso della gara Ma e Farfus, Gabriele Tarquini si è arreso dopo la sospensione, Thed Björk è finito in fondo e Frédéric Vervisch - che partiva dalla seconda fila - ha accusato un guasto alla trasmissione proprio poco prima del via.

Migliore delle wildcard è Mitchell Cheah sulla Hyundai i30 N del Team Engstler, il suo compagno di squadra Hafizh Syahrin è 22°, Douglas Khoo (Cupra - Viper Niza Racing) 24° e Joao Paulo De oliveira 18° dopo una escursione fuori pista che gli ha negato un bel recupero a bordo della Honda-KCMG.

La classifica Mondiale Piloti dice che Michelisz ha solo 10 punti in più di Guerrieri e i due partiranno appaiati in Gara 3. Muller è matematicamente fuori dai giochi.

Fra i Team la Cyan Racing Lynk & Co sale a 614 punti, la BRC Hyundai N Squadra Corse insegue a 581 e la ALL-INKL.COM Münnich Motorsport è a 563, dunque tutto apertissimo anche qui.

Gara 3 sarà visibile su Motorsport TV.

Cla   # Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   86 Argentina Esteban Guerrieri Honda 11 1:28'45.146     128.3   25
2   96 Spain Mikel Azcona CUPRA 11 1:28'46.169 1.023 1.023 127.0   20
3   14 Sweden Johan Kristoffersson Volkswagen 11 1:28'46.514 1.368 0.345 127.7   16
4   29 Argentina Néstor Girolami Honda 11 1:28'47.344 2.198 0.830 127.1   13
5   31 Italy Kevin Ceccon Alfa Romeo 11 1:28'47.459 2.313 0.115 126.9   11
6   100 France Yvan Muller Lynk & Co 11 1:28'47.646 2.500 0.187 125.8   10
7   68 France Yann Ehrlacher Lynk & Co 11 1:28'49.040 3.894 1.394 125.9   9
8   5 Hungary Norbert Michelisz Hyundai 11 1:28'49.644 4.498 0.604 125.7   8
9   12 United Kingdom Robert Peter Huff Volkswagen 11 1:28'50.179 5.033 0.535 125.7   7
10   33 Germany Benjamin Leuchter Volkswagen 11 1:28'51.416 6.270 1.237 125.9   6
11   21 France Aurélien Panis CUPRA 11 1:28'52.112 6.966 0.696 125.8   5
12   18 Portugal Tiago Monteiro Honda 11 1:28'53.967 8.821 1.855 125.6   4
13   25 Morocco Mehdi Bennani Volkswagen 11 1:28'54.657 9.511 0.690 125.3   3
14   69 France Jean-Karl Vernay Audi 11 1:28'55.241 10.095 0.584 125.6   2
15   10 Netherlands Niels Langeveld Audi 11 1:28'55.851 10.705 0.610 125.7   1
16   27 Mitchell Cheah Hyundai 11 1:28'56.420 11.274 0.569 125.2    
17   55 China Ma Qing Hua Alfa Romeo 11 1:28'58.753 13.607 2.333 125.5    
18   38 Joao Paulo   11 1:28'59.554 14.408 0.801 125.8    
19   8 Brazil Augusto Farfus Hyundai 11 1:28'59.813 14.667 0.259 123.9    
20   50 Netherlands Tom Coronel CUPRA 11 1:29'01.831 16.685 2.018 124.2    
21   111 Guernsey Andy Priaulx Lynk & Co 11 1:29'02.993 17.847 1.162 124.9    
22   15 Hafizh Syahrin Hyundai 11 1:29'03.305 18.159 0.312 124.4    
23   11 Sweden Thed Björk Lynk & Co 11 1:29'04.220 19.074 0.915 123.4    
24   65 Malaysia Douglas Khoo Koh Hui CUPRA 11 1:29'05.735 20.589 1.515 123.2    
25   22 Belgium Frédéric Vervisch Audi 11 1:29'06.541 21.395 0.806 127.3    
26   1 Italy Gabriele Tarquini Hyundai 11 1:29'55.768 1'10.622 49.227 124.0    
  dnf 52 United Kingdom Gordon Shedden Audi 9 1:22'22.643 2 Laps 2 Laps 124.6 Ritirato  
  dnf 9 Hungary Attila Tassi Honda 8 1:19'30.970 3 Laps 1 Lap 125.5 Ritirato  
  dnf 37 Sweden Daniel Haglöf CUPRA 5 1:11'36.739 6 Laps 3 Laps 122.9 Ritirato  
  dnf 88 Netherlands Nick Catsburg Hyundai 0         Ritirato  
condivisioni
commenti
Bandiera rossa in Gara 2 a Sepang, a fuoco la Hyundai di Catsburg
Articolo precedente

Bandiera rossa in Gara 2 a Sepang, a fuoco la Hyundai di Catsburg

Prossimo Articolo

Clamoroso trionfo di Kristoffersson in Gara 3, Michelisz Campione

Clamoroso trionfo di Kristoffersson in Gara 3, Michelisz Campione
Carica commenti
Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali Prime

Nella tana del Cinghiale: Tarquini raccontato da amici e rivali

Annunciato il suo addio alle corse a tempo pieno, Gabriele Tarquini si appresta ad affrontare una nuova vita dopo tantissimi anni di carriera ed esperienze. Motorsport.com ha parlato con alcuni dei suoi più stretti amici e accerrimi rivali per conoscere aneddoti e restroscena che vi proponiamo in esclusiva.

WTCR
14 nov 2021
Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni Prime

Tarquini: bravura e intelligenza che fanno vincere a 59 anni

Ad Aragón il "Cinghiale" ha ottenuto l'ennesima vittoria di una carriera che pare non fermarsi mai. Ma oltre alle qualità di pilota, l'abruzzese conta sulla passione e una testa che da anni gli consente di restare al top: ecco come.

WTCR
13 lug 2021
Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde) Prime

Monteiro: dalla quasi morte alla resurrezione all'Inferno (Verde)

Il portoghese sul Nordschleife ha inaugurato la stagione 2021 del WTCR con una grandissima vittoria, che è la seconda nella serie dal rientro del 2019 dopo l'incidente che per poco lo ha ucciso. Ecco come è arrivata e perché è molto più reale della precedente.

WTCR
13 giu 2021
WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde) Prime

WTCR: il Paradiso per pochi eletti parte dall'Inferno (Verde)

Il Mondiale Turismo riparte nel weekend con le gare del Nurburgring, ma il sapore è sempre più quello di un campionato riservato esclusivamente agli ufficiali e ai più ricchi, estromettendo di fatto quei team che potevano ambire a qualcosa di grande con il concetto TCR.

WTCR
30 mag 2021
Tarquini: “Capisco Vale: è più facile dire smetto che continuo” Prime

Tarquini: “Capisco Vale: è più facile dire smetto che continuo”

Intervista esclusiva a Gabriele Tarquini, tra i piloti italiani più vincenti e longevi di sempre. In questa seconda chiaccherata in compagnia del portacolori Hyundai, andiamo a ripercorrere la sua carriera dopo il saluto alla Formula 1 e l'approdo nei vari campionati turismo dove si è regalato tanti successi e soddisfazioni. Impossibile, poi, non dedicare un pensiero al difficile avvio di stagione di Valentino Rossi

WTCR
11 mag 2021
WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta Prime

WTCR: l'uscita delle Alfa Romeo è una doppia sconfitta

La Romeo Ferraris non schiererà più le sue Giulietta nella massima serie turismo per via di un regolamento che mette sempre più da parte i privati, confermando ancora una volta la cecità sportiva dei vertici del Biscione.

WTCR
25 mar 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021