Telemetria: l'ala mobile chiusa è costata 183 millesimi a Max

Lo staff di Matteo Bobbi è riuscito a conteggiare quale è stato il danno che il poleman del GP d'Olanda ha patito nel giro decisivo della Q3 a causa del mancato dunzionamento del DRS. La Mercedes è risultata più veloce sul dritto, mentre la Red Bull eccelle sui curvoni medio-veloci. Scopriamo le differenze.

Telemetria: l'ala mobile chiusa è costata 183 millesimi a Max

Max Verstappen ha centrato la decima pole position della carriera per soli 38 millesimi di secondo: Lewis Hamilton nel secondo run della Q3 del GP d’Olanda è arrivato a un soffio dal mettere in discussione la partenza al palo della Red Bull che a Zandvoort, pista dove è difficile superare, vale metà vittoria come a Monte Carlo.

L’olandese, però, ha chiuso il suo giro migliore senza aprire l’ala mobile nel rettilineo d’arrivo. Facendo una comparazione GPS con il primo run (Max aveva ottenuto lo stesso tempo di 1’08”923 poi ottenuto da Hamilton e avrebbe siglato la pole position avendo chiuso il tempo prima dell’epta campione) è emerso che il mancato funzionamento del DRS è costato a Max 138 millesimi. Il pilota ha attivato il pulsante, ma il flap non si aperto. Forse nella concitazione l’arancione ha spinto il pulsante un attimo prima del detection point.

Verstappen ha ammesso anche di aver infilato due marce insieme nella tornata risolutiva, per cui ci ha lasciato ancora qualcosa nella prestazione assoluta: i numeri dicono, quindi, che la vettura di Adrian Newey, almeno sulla carta, è più competitiva rispetto alla Mercedes di Hamilton.

Il grafico della telemetria elaborato dallo staff di Matteo Bobbi esalta le differenze fra le due monoposto che si contendono il mondiale. La W12 è indiscutibilmente più veloce nel dritto, mostrando una differenza di 7 km/h sul rettilineo sulla Red Bull di Max priva di ala mobile e, in generale la freccia nera sembra più a suo agio nei tratti di alta velocità, mentre la RB16B eccelle nelle curve di media e alta velocità.

La vettura di Adrian Newey impressiona nei banking: in particolare alla mitica curva 3 sopraelevata la differenza è stata di 11 km/h rivelando una downforce invidiabile che si è misurata in modo evidente anche nella transizione fra la curva 7 e 8 e in generale fino alla curva 10.

Le due caratteristiche quale effetto avranno sulla gara? Nei long run la RB16B è parsa leggermente più veloce della Mercedes, ma il GP d’Olanda sarà fortemente condizionato dalla partenza e dalla strategia di gara, con Lewis Hamilton che cercherà di mettere il sale sulla coda del padrone di casa.

condivisioni
commenti
Red Bull: c'è un ricciolo nel convogliatore di flusso

Articolo precedente

Red Bull: c'è un ricciolo nel convogliatore di flusso

Prossimo Articolo

Perez scatterà dalla pit lane per aver cambiato motore

Perez scatterà dalla pit lane per aver cambiato motore
Carica commenti
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021