Verstappen e il Mondiale: "Il tempo stringe? Io resto calmo"

Max Verstappen insiste di non essere preoccupato che "il tempo stringa" sul suo sogno di vincere il campionato Mondiale di Formula 1.

Verstappen e il Mondiale: "Il tempo stringe? Io resto calmo"

L'olandese e la Red Bull avevano sperato di diventare il più giovane vincitore del Mondiale di F1 nella storia, ma il completo dominio della Mercedes nell'era dei turbo ibridi ha messo fine a quel sogno.

Verstappen è già troppo vecchio per battere il record di Sebastian Vettel, che conquistò la sua prima corona Mondiale a soli 23 anni e 134 giorni.

Ma nonostante non abbia ottenuto questo riconoscimento, Verstappen si dice tutt'altro che preoccupato per la situazione in cui si trova.

"Naturalmente vorrei lottare per il campionato nel 2021, ma dovremo scoprirlo", ha detto, parlando con Motorsport.com.

"Voglio dire, sono ancora molto giovane. E naturalmente, sapete, la gente dice che il tempo stringe. Ma sono molto rilassato. Ed è la vita. Inoltre, sai, a volte non si possono forzare le cose. Quindi resto calmo".

Con la Red Bull fiduciosa di poter fare progressi dopo aver risolto i problemi con la RB16, e con la Honda che porterà un motore completamente nuovo, Verstappen è ottimista sui progressi di questa stagione.

"Penso che possiamo fare un grande passo", ha detto. "Ma mi aspetto anche che gli altri facciano un passo avanti. Quindi spero solo che il nostro sia un po' più grande degli altri".

Leggi anche:

Mentre Verstappen si avvia verso il 2021, spinto dalla vittoria nell'ultima gara gara dell'anno scorso ad Abu Dhabi, la Red Bull non si fa illusioni sul compito che dovrà affrontare nello sfidare la Mercedes.

Il padre di Verstappen, Jos, è chiaro nel dire che per suo figlio è più importante l'assalto al 2021 che come si è conclusa la stagione precedente.

"E' bello vincere l'ultima gara della stagione, ma è ancora meglio vincere la prima l'anno prossimo", ha detto.

"E' bello vincere l'ultima gara, naturalmente, per il morale di tutta la gente in fabbrica. Questo dà una spinta in più a tutti".

"Ma, come ho detto prima, penso che sia ancora più importante riuscire a vincere la prima gara del 2021. Questo indicherebbe che abbiamo una macchina con cui competere. Ed è quello che ci è mancato un po'".

Alla domanda di Motorsport.com sulle possibilità di colmare il divario con la Mercedes, Jos Verstappen ha risposto: "Penso che le modifiche al regolamento che ci saranno per il 2021 siano ancora abbastanza significative. Il resto della vettura deve essere adattato alle modifiche in corso di realizzazione. Si tratta principalmente di aerodinamica, quindi devono fare le cose per bene".

"E speriamo che anche la Honda porti qualcosa in più. In questo caso sembreremo un po' più forti di quanto abbiamo non lo siamo stati nel 2020".

condivisioni
commenti
F1 2020: una stagione di lotte politiche ed unità tra i team

Articolo precedente

F1 2020: una stagione di lotte politiche ed unità tra i team

Prossimo Articolo

Ferrari: il motore non cambia l'architettura dell'ibrido

Ferrari: il motore non cambia l'architettura dell'ibrido
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021