Toro Rosso: STR13 passa il crash test. Gilhome non è più capo aerodinamico

Due novità dal team di Faenza: la prima scocca per il motore Honda ha brillantemente superato l'omologazione FIA del telaio, mentre Brendhan Gilhome, capo del reparto aerodinamico, avrebbe ricevuto il benservito.

La Toro Rosso avrebbe deciso di fare a meno di Brendan Gilhome, il responsabile degli aerodinamici che era a capo della struttura di Bicester, dove la squadra di Faenza ha la sua galleria del vento.

La notizia non trova alcuna conferma ufficiale, visto che le fonti della squadra non sono state autorizzate a dare spiegazioni su alcune dinamiche interne. Ma è indubbio che in Toro Rosso ci sia una fase di ricambio, perché se Marco Matassa, ex ingegnere di pista, ha deciso di andare alla FDA, per andare da Massimo Rivola, è ormai risaputo anche in Gran Bretagna che Brendhan Gilhome avrebbe ricevuto il benservito.

Il tecnico australiano, quindi, chiude con la squadra diretta da Franz Tost dopo quasi cinque anni di attività: in precedenza era stato parte del team Mercedes a Brackley e alla Sauber.

Stando alle indiscrezioni alcuni dati aerodinamici degli ultimi sviluppi della STR12 non erano aderenti fra i numeri visti in galleria del vento sul modello in scala e quelli registrati in pista. Non è stato ancora deciso dal direttore tecnico, James Key, se sarà il vice di Gilhome, Ben Mallock.

La notizia positiva del giorno è che la STR13 che monterà il motore Honda in esclusiva ha brillantemente superato le prove di crash ottenendo l'omologazione della FIA.

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Brendon Hartley , Pierre Gasly
Team Toro Rosso
Articolo di tipo Ultime notizie