Force India: l'11esimo posto di Ocon cercato per partire con le supersoft

condivisioni
commenti
Force India: l'11esimo posto di Ocon cercato per partire con le supersoft
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
28 ott 2018, 18:15

Esteban Ocon ha rinunciato al passaggio in Q3 nella certezza che partire con le gomme meno dure sarà un grande vantaggio in gara rispetto a chi si è qualificato con le hypersoft, con una durata molto limitata a causa del graining.

Esteban Ocon, Racing Point Force India F1 Team, con il suo volante
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11 e Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Esteban Ocon, Racing Point Force India F1 Team
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11
Esteban Ocon, Racing Point Force India VJM11

Non è proprio frequente sentire un ingegnere dire al suo pilota via-radio “Ottimo, obiettivo raggiunto” e scoprire che il target era…l’11esimo posto. Eppure ieri il team-radio ricevuto da Esteban Ocon dopo la sessione Q2 disputata a Città del Messico era esattamente questo.

Prima delle qualifiche gli ingegneri della Force India avevano deciso di puntare su una strategia alternativa a causa dei grandi problemi di graining che hanno evidenziato gli pneumatici hypersoft portati in Messico dalla Pirelli. Una mescola indispensabile per Ocon e Perez qualora avessero puntato al passaggio nella Q3, ma questa scelta avrebbe comportato utilizzare quel set di gomme al via della gara.

La Force India ha così deciso di puntare su una strategia differente, rinunciando di proposito al passaggio in Q3 (decisamente alla portata) ma tenendosi la possibilità di poter scattare al via del Gran Premio con gomme supersoft, le uniche che nelle simulazioni di gara completate venerdì sono state esenti dal graining.

E se l’obiettivo è quello di non arrivare nella top-10 per non essere obbligati a partire con le coperture con cui si è fatto il tempo in Q2, il miglior piazzamento possibile sullo schieramento è ovviamente l’undicesima posizione, posizione centrata da Ocon.

“Non è proprio il massimo sacrificare una sessione – ha commentato Ocon – ma se questa scelta si rivelerà ottima in gara, allora bene venga. L’11esima posizione era il nostro obiettivo, e sono contento di essere riuscito a posizionarmi proprio al posto giusto. Credo che come potenziale avremmo potuto giocarcela con le Renault, avevamo il ritmo per passare agevolmente in Q3 se avessimo montato le hypersoft, ma sono contento di non dover iniziare il Gran Premio con questa mescola”.

“L’unico rischio – ha concluso Ocon – è rappresentato da una gara sotto la pioggia (nella notte c'è stata una perturbazione ndr), ma incrocio le dita. Ben venga invece la pioggia durante la notte, poiché in quel caso toglierebbe la gomma che si è depositata sull’asfalto oggi, una condizione migliore per noi e molto meno agevole per chi scatterà con le hypersoft”.

Prossimo Articolo
Renault: perché un motore criticatissimo in Messico trova prestazioni inattese?

Articolo precedente

Renault: perché un motore criticatissimo in Messico trova prestazioni inattese?

Prossimo Articolo

F1 Messico: Verstappen domina, Hamilton soffre ma è penta campione del mondo

F1 Messico: Verstappen domina, Hamilton soffre ma è penta campione del mondo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Messico
Sotto-evento Domenica, gara
Location Autódromo Hermanos Rodríguez
Piloti Esteban Ocon
Team Force India
Autore Roberto Chinchero
Tipo di articolo Analisi