Vettel: "Non so dov'è finita la coppa da dare a Lewis"

Il tedesco è tornato sulla squalifica che è costato il secondo posto nel GP d'Ungheria: "Le regole sono regole, nel serbatoio non c'era la benzina necessaria, ma abbiamo dimostrato che non abbiamo tratto alcun vantaggio tecnico per cui il provvedimento è stato pesante. Non mi psiace tanto per il podio, quanto per i punti che erano preziosi".

Vettel: "Non so dov'è finita la coppa da dare a Lewis"

Sebastian Vettel è tornato sulla squalifica per mancanza di benzina che lo ha privato del secondo posto conquistato nel Gran Premio d’Ungheria. Come sempre, Seb ha descritto la situazione entrando nel merito del problema, ma con una premessa fondamentale: le regole sono regole.

Al netto di questo aspetto, Vettel ha evidenziato una certa amarezza per i punti persi (ma confermando che il podio resterà comunque nella sua memoria) e sottolineato che in questi casi sarebbe utile considerare una maggiore tolleranza considerando che una squadra ed un pilota vengono privati di un risultato senza avere avuto alcun beneficio tecnico.

Ti ha infastidito il dover rinunciare al tuo podio numero 123?
“No. Penso di essere molto, molto fortunato a poter scegliere tra così tanti! Se fosse stato ‘zero o uno’ allora probabilmente sì, mi avrebbe infastidito parecchio, ma così molto meno. Il podio di Budapest è stato cancellato dai libri di storia, ma non dalla mia memoria, e penso che la squadra alla fine la veda allo steso modo. Quello che ci fa più male sono i punti persi”.

Quando ti sei reso conto del problema?
“Durante la gara abbiamo avuto la quantità di carburante sotto controllo, almeno, così pensavamo, ma nel corso dell'ultimo giro abbiamo scoperto che qualcosa non era nei parametri, e siamo rimasti molto sorpresi quando in macchina non c’era la quantità di carburante che pensavamo ci dovesse essere. È molto amaro da mandar giù, ma queste sono le regole, quindi dobbiamo accettare il tutto e andare avanti”.

Credi che in questa situazione la squalifica sia una sanzione troppo dura?
“Le regole sono regole, ovviamente non sapevamo di avere un problema. Abbiamo constatato che il carburante non era nell'auto e siamo stati squalificati, ma pensavamo davvero che fosse nel serbatoio, quindi non credo che ci fosse molto altro da fare. È molto amaro perché per prima cosa penso che non abbiamo avuto alcun vantaggio da questa situazione, e poi non c'era alcuna intenzione così come alcuna spiegazione che ci ha portato a capire perché ci fosse meno carburante del previsto in macchina".

"Quindi è successo qualcosa nel corso della gara, forse una perdita, non so, qualcosa del genere, il carburante semplicemente non c'era più. Le regole sono chiare come sono, e siamo stati squalificati, ma forse servirebbe una maggiore tolleranza in mancanza di un vantaggio”.

Con il senno di poi, saresti stato in grado di salvarti facendo quello che ha fatto la Williams ovvero fermandoti subito dopo il traguardo?
“Non so. Il carburante di cui hai bisogno per entrare nelle regole è molto, molto poco, e il vantaggio che puoi ottenere è praticamente nullo. Le squadre sono molto spietate e se c'è la possibilità di guadagnare un posto o un punto penalizzando un avversario, è quello che fanno, è la competizione”.

Hai restituito il trofeo a Lewis?
“Non so dove sia la coppa, non l'ho più vista da allora, sarà da qualche parte ma non ho idea dove. Lo champagne lo abbiamo bevuto, quindi quello non lo possiamo restituire, era già finito domenica sera!”.

condivisioni
commenti
Red Bull: ricompare a Spa l'ala posteriore scarica di Baku

Articolo precedente

Red Bull: ricompare a Spa l'ala posteriore scarica di Baku

Prossimo Articolo

Sainz: "Prima parte di stagione decente. Ero vicino a Charles!"

Sainz: "Prima parte di stagione decente. Ero vicino a Charles!"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021