Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Qualifiche
WEC Sebring

WEC | Fuoco brucia tutti, Ferrari 499P in Pole Position a Sebring

Ferrari già nella storia WEC all'esordio con una grandissima Pole firmata dal calabrese al volante della Rossa #50 contro le Toyota, mentre Pier Guidi chiude 4° sulla #51. Indietro Cadillac e Porsche, in LMP2 primato per United, in LMGTE AM vola Sarah Bovy per le Iron Dames.

#50 Ferrari AF Corse Ferrari 499P: Antonio Fuoco, Miguel Molina, Nicklas Nielsen

Foto di: Ferrari

E' una Pole Position pazzesca quella che Antonio Fuoco ha regalato alla Ferrari nella prima Qualifica che la nuovissima 499P ha affrontato nel FIA World Endurance Championship, la cui stagione 2023 scatterà venerdì con la 1000 Miglia di Sebring.

Le prove cronometrate andate in scena nella serata in Florida hanno regalato emozioni anche nelle altre categorie, con United Autosports a svettare in Classe LMP2 e una grande Sarah Bovy a portare le Iron Dames davanti a tutti in LMGTE AM.

#50 Ferrari AF Corse Ferrari 499P: Antonio Fuoco, Miguel Molina, Nicklas Nielsen

#50 Ferrari AF Corse Ferrari 499P: Antonio Fuoco, Miguel Molina, Nicklas Nielsen

Photo by: JEP / Motorsport Images

HYPERCAR: emozione Ferrari, Toyota battute

Emozionante è sicuramente il termine che più si addice per descrivere quanto visto nei 15' finali di Qualifiche, con un Fuoco che ha letteralmente... bruciato tutti andando a prendersi una clamorosa Pole Position.

Le Toyota sembravano favorite e infatti Brendon Hartley aveva già realizzato un ottimo tempo con la GR010 Hybrid #8, seguito dalla #7 di Kamui Kobayashi, ma il calabrese di AF Corse è stato fenomenale al volante della 499P #50, specialmente nel settore centrale, volando davanti a tutti in 1'45"067.

Non poteva iniziare meglio la storia del prototipo LMH del Cavallino Rampante, con il rammarico di avere in quarta posizione la #51 di Alessandro Pier Guidi, protagonista di una sbavatura che probabilmente gli è costato qualche decimo prezioso per ambire almeno al terzo posto.

La gara sarà sicuramente un'altra cosa, ma nel frattempo i sorrisi e gli abbracci degli uomini in Rosso contro i musi lunghissimi di quelli ai box Toyota la dicono lunga dell'esito di questo primo duello nella categoria regina.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sébastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sébastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

Photo by: Toyota Racing

Gli altri sono lontani perché la Cadillac #2 conclude quinta con Alex Lynn in abitacolo, ad 1" pieno dal leader e con dietro le due Porsche 963 di Kévin Estre (#6) e Michael Christensen (#5), entrambe a 2".

Male le Peugeot, con la 9X8 #94 di Loic Duval ottava a 2"3, mentre va peggio alla #93 di Mikkel Jensen, nona a 3"1 dopo aver anche avuto un problema che ha costretto il danese a fermarsi per un reset dei sistemi in avvio di sessione.

In coda al gruppo e mai della partita la Glickenhaus #708 di Olivier Pla e la Vanwall #4 di Tom Dillmann, entrambe ad oltre 4" dalla vetta.

#2 Cadillac Racing Cadillac V-Series.R: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

#2 Cadillac Racing Cadillac V-Series.R: Earl Bamber, Alex Lynn, Richard Westbrook

Photo by: JEP / Motorsport Images

LMP2: Jarvis-Pole col brivido

In Classe LMP2 è la United Autosports a strappare la Pole Position con Oliver Jarvis, autore di un 1'49"974 sulla Oreca 07-Gibson #23 seppur il britannico abbia fatto correre un brivido lungo la schiena dei suoi compagni andando largo e sulla terra.

Nonostante gli sforzi, le altre Oreca si devono arrendere per questione di pochi decimi, in una classifica che si conferma ravvicinata e pronta a regalare spettacolo in gara. In prima fila si piazza l'ottimo Pietro Fittipaldi con la #28 di Jota, per pochissimo davanti a Robin Frijns sulla #31 del Team WRT e a Matthieu Vaxivièere con la #36 di Alpine.

Quinto c'è Yifei Ye al volante della seconda Jota (#48), poi abbiamo Robert Kubica con la #41 del Team WRT e la seconda United (#22) nelle mani di Philip Hanson, che accusa un ritardo di 0"4 come la Prema #9 condotta da Andrea Caldarelli.

Nono si piazza Gabriel Aubry impegnato con la #10 della Vector Sport, il quale si tiene dietro la Prema #63 di Mirko Bortolotti, la #34 di Inter Europol Competition guidata da Albert Costa e il deludente André Negrao con l'altra Alpine (#35).

#22 United Autosports Oreca 07 - Gibson: Frederick Lubin, Philip Hanson, Filipe Albuquerque, #23 United Autosports Oreca 07 - Gibson: Joshua Pierson, Tom Blomqvist, Oliver Jarvis

#22 United Autosports Oreca 07 - Gibson: Frederick Lubin, Philip Hanson, Filipe Albuquerque, #23 United Autosports Oreca 07 - Gibson: Joshua Pierson, Tom Blomqvist, Oliver Jarvis

Photo by: JEP / Motorsport Images

LMGTE AM: Bovy batte Keating in un duello all'ultimo... decimo!

In Classe LMGTE AM il fatto che al volante si siano messi (per regolamento) i piloti dotati di licenza Bronze ha evidenziato maggiormente le qualità dei singoli. Da questo punto di vista, Sarah Bovy si conferma una bellissima sicurezza - e anche fuoricategoria per dirla tutta - andando a prendersi la Pole Position senza sbagliare di un millimetro pur correndo un paio di rischi notevoli.

E così le Iron Dames ricominciano da dove avevano lasciato, ossia partendo davanti a tutte nonostante il cambio di vettura, grazie all'1'58"949 stampato dalla belga all'ultimo passaggio al volante della Porsche 911 RSR-19 #85 dopo una lotta stupenda a suon di millesimi con l'idolo locale Ben Keating.

Il Campione in carica di categoria era l'altro grande atteso e per tutti i 15' si è continuato a sfilare a vicenda il primato con la Bovy, dovendo poi arrendersi per 0"396, ma guadagnando comunque la prima fila con la Corvette C8.R #33 preparata da Pratt&Miller.

Un po' a sorpresa il terzo posto va invece al debuttante Ahmad Al Harthy, che con la Aston Martin #25 di Ort by TF accusa un ritardo di 0"7 dalla vetta, risultando però il migliore delle Vantage.

#85 Iron Dames Porsche 911 RSR - 19: Sarah Bovy, Michelle Gatting, Rahel Frey

#85 Iron Dames Porsche 911 RSR - 19: Sarah Bovy, Michelle Gatting, Rahel Frey

Photo by: Porsche Motorsport

In Top5 ci sono poi due Ferrari: la 488 #83 di Richard Mille AF Corse nelle mani di Luis Pérez Companc termina quarta con +0"784 sul cronometro, seguita ad un paio di decimi dalla #21 del suo compagno di squadra Stefano Costantini.

Sesta la Porsche #56 di Project 1-AO affidata a PJ Hyett, lontanissimo dai sopracitati, così come Takeshi Kimura sulla Ferrari #57 di Kessel Racing, che batte le deludenti Aston Martin di Paul Dalla Lana (#98 NorthWest AMR) e Satoshi Hoshino (#777 D'Station Racing/TF).

Completa la Top10 Thomas Flohr al volante della Ferrari #54 di AF Corse, dietro al quale si piazzano le Porsche di Christian Ried (#77 Dempsey-Proton Racing) e Michael Wainwright (#86 GR Racing) con distacchi pesanti.

La 1000 Miglia di Sebring scatterà venerdì 17 marzo a mezzogiorno ora locale, le 17;00 in Italia, e durerà 8 ore.

FIA WEC - 1000 Miglia di Sebring: Qualifiche

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente WEC | Sebring, Libere 3: Ferrari dietro alle imprendibili Toyota
Prossimo Articolo WEC | Ferrari, è una 499P...ole straordinaria: "Sforzi ripagati"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia