MotoGP, Red Bull Ring: Yamaha in pole a sorpresa con Vinales

Pole position a sorpresa per la Yamaha con Vinales davanti ad un ottimo Miller con la Ducati Pramac. Quartararo completa la prima fila e Dovizioso apre la seconda.

MotoGP, Red Bull Ring: Yamaha in pole a sorpresa con Vinales

Ieri parlava di una strada persa e della necessità di trovare delle risposte, ma a quanto pare la notte deve aver portato consiglio a Maverick Vinales, perché il pilota spagnolo ha trovato una pole position, la prima stagionale e la decima in carriera in MotoGP, quanto mai inattesa al Red Bull Ring.

Su un tracciato di motore come quello austriaco, tutti si sarebbero aspettati di vedere al palo una Ducati o una KTM, invece a sorpresa c'è una Yamaha. Anzi, ci ne sono ben due nella prima linea dello schieramento, con quella di Fabio Quartararo in terza posizione.

Vinales ha sfoderato un 1'23"450 spuntandola per appena 68 millesimi sulla Ducati con i colori del Pramac Racing affidata a Jack Miller, unico certo di un posto nel factory team rosso il prossimo anno, al termine di una battaglia per la pole position che è stata davvero serratissima, con i primi cinque tutti racchiusi nello spazio di appena 162 millesimi.

In terza posizione, come già anticipato, c'è un Quartararo che è l'unico ad essere sempre scattato dalla prima fila in questa stagione e a sua volta ha chiuso a soli 87 millesimi dall'altra M1.

Volendo, gli sconfitti di giornata sono Andrea Dovizioso e Pol Espargaro, che sembrano essere i grandi favoriti per la pole position, ma si sono dovuti accontentare rispettivamente del quarto e del quinto posto in griglia. Per il forlivese comunque la prima da separato in casa con la Ducati è stata la miglior qualifica stagionale. La KTM invece forse in casa sognava almeno la prima fila.

A completare la seconda fila c'è Joan Mir con una Suzuki che continua ad avere nella qualifica il suo punto debole, come confermato dall'ottavo posto di Alex Rins. Tra le due GSX-RR si è inserita poi anche la Yamaha Petronas di Franco Morbidelli. La terza fila poi si chiude con l'altra Ducati di Johann Zarco, autore del miglior tempo in Q1.

Con il decimo tempo, Takaaki Nakagami è stato l'unico pilota della Honda a raggiungere la Q2, a riprova di quanto si stia facendo sentire l'assenza dell'infortunato Marc Marquez.

Dietro al giapponese ci sono poi la KTM Tech 3 di Miguel Oliveira e la Yamaha di Valentino Rossi, che dopo aver passato per un soffio la Q1, ha faticato decisamente di più nel segmento decisivo e sarà nuovamente in quarta fila.

E' stato un duello tutto italiano quello per evitare l'eliminazione in Q1 e alla fine ad avere la peggio è stato Danilo Petrucci. Il ducatista è sceso sotto all'1'24" con un 1'23"915, ma è stato beffato per appena 24 millesimi da Rossi.

"Petrux" quindi aprirà una quinta fila che lo vedrà con al suo fianco l'Aprilia di un Aleix Espargaro con il quale aveva anche trovato da ridire per averlo ostacolato in un giro lanciato in staccata alla curva 3 e successivamente anche all'ultima curva, con tanto di dito medio una volta che entrambi sono rientrati in pitlane dopo la bandiera a scacchi.

Quindicesimo posto in griglia per la Honda LCR di Cal Crutchlow, mentre a seguire in sesta fila ci sono le due KTM di Iker Lecuona e Brad Binder, atteso questa volta ad una gara decisamente in salita dopo aver vinto la scorsa settimana a Brno.

Piccolo passo avanti per Alex Marquez, anche se un 18esimo posto in griglia non è un risultato da festeggiare per un pilota ufficiale della Honda. In coda al gruppo invece Michele Pirro, collaudatore Ducati chiamato dal Pramac Racing a prendere il posto dell'infortunato Pecco Bagnaia.

Guarda il Gran Premio myWorld d’Austria live su DAZN. Attiva ora

Classifica Q2

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 9 1'23.450     186.276
2 Australia Jack Miller Ducati 9 1'23.518 0.068 0.068 186.125
3 France Fabio Quartararo Yamaha 9 1'23.537 0.087 0.019 186.082
4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 10 1'23.606 0.156 0.069 185.929
5 Spain Pol Espargaro KTM 9 1'23.612 0.162 0.006 185.915
6 Spain Joan Mir Suzuki 9 1'23.673 0.223 0.061 185.780
7 Italy Franco Morbidelli Yamaha 9 1'23.719 0.269 0.046 185.678
8 Spain Alex Rins Suzuki 8 1'23.731 0.281 0.012 185.651
9 France Johann Zarco Ducati 8 1'23.828 0.378 0.097 185.436
10 Japan Takaaki Nakagami Honda 9 1'23.872 0.422 0.044 185.339
11 Portugal Miguel Oliveira KTM 9 1'23.939 0.489 0.067 185.191
12 Italy Valentino Rossi Yamaha 10 1'23.995 0.545 0.056 185.068

Classifica Q1

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 France Johann Zarco Ducati 7 1'23.865     185.355
2 Italy Valentino Rossi Yamaha 9 1'23.891 0.026 0.026 185.297
3 Italy Danilo Petrucci Ducati 8 1'23.915 0.050 0.024 185.244
4 Spain Aleix Espargaro Aprilia 8 1'24.151 0.286 0.236 184.725
5 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 9 1'24.228 0.363 0.077 184.556
6 Spain Iker Lecuona KTM 9 1'24.405 0.540 0.177 184.169
7 South Africa Brad Binder KTM 9 1'24.485 0.620 0.080 183.994
8 Spain Alex Marquez Honda 9 1'24.490 0.625 0.005 183.983
9 Germany Stefan Bradl Honda 9 1'24.662 0.797 0.172 183.610
10 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 9 1'24.831 0.966 0.169 183.244
11 Spain Tito Rabat Ducati 7 1'25.287 1.422 0.456 182.264
12 Italy Michele Pirro Ducati 7 1'25.431 1.566 0.144 181.957
condivisioni
commenti
LIVE MotoGP, GP d'Austria: Libere 4 e Qualifiche

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP d'Austria: Libere 4 e Qualifiche

Prossimo Articolo

Stoner tuona: "Ducati, non puoi permetterti di perdere Dovizioso"

Stoner tuona: "Ducati, non puoi permetterti di perdere Dovizioso"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021