Ferrari: la Rossa è parsa inadeguata per la prima volta dall'inizio della stagione

Gli uomini del Cavallino, consapevoli di non disporre a Singapore di una SF71H competitiva, hanno provato una strategia aggressiva con le ultrasoft che non ha funzionato. L'importante è che Marina Bay resti un episodio, anche se la botta al morale è stata forte.

Ferrari: la Rossa è parsa inadeguata per la prima volta dall'inizio della stagione
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, e Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, nel parco chiuso alla fine della gara
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, Max Verstappen, Red Bull Racing RB14, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09 EQ Power+, Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, e il resto del gruppo, alla partenza
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
(Da sx a dx): Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Sebastian Vettel, Ferrari, festeggiano sul podio
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, precede Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, effettua un pit stop
Sebastian Vettel, Ferrari, parla con i media
Mattia Binotto, Chief Technical Officer Ferrari
Meccanici Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H

Meno quaranta, a sei gare dal termine. Può essere poco o tanto, ma l’impressione è la seconda, soprattutto osservando il trend confermato da Lewis Hamilton a partire dal Gran Premio di Germania. La Ferrari ha incassato a Singapore la sconfitta più cocente del 2018, e basterebbe l’espressione sul viso di Sebastian Vettel (dopo i 61 giri di Marina Bay) per raccontare un weekend che era stato immaginato (non solo nel box della Ferrari) in modo drasticamente diverso.

La gara di oggi non ha fatto che confermare i verdetti emessi dalla qualifica di ieri, ovvero un Lewis Hamilton stellare, un’ottima Mercedes ed un Max Verstappen esaltante con una Red Bull prevedibilmente competitiva su questa pista.

Ad essere meno prevedibile è stata la Ferrari, che per la prima volta in questo Mondiale ha dovuto accettare un verdetto che l’ha vista terza forza in campo.

La gara è stata figlia delle qualifiche, dicevamo, un copione visto parecchie volte su questa tipologia di piste. Nel box del Cavallino hanno voluto provare tutto il possibile per ribaltare verdetti che sembravano già scritti, e dopo l’ottimo primo giro inziale di Vettel (impeccabile Seb nel non rischiare alla prima curva con Verstappen ed anche il modo in cui in uscita dalla curva 5 ha preparato l’attacco all’olandese) è stato deciso di differenziare la strategia rispetto a Hamilton. Decisione che ci sta, considerando che a parità di condizioni sarebbe stato impossibile insidiare Lewis.

Il piano della Ferrari era chiaro: anticipare la sosta di Vettel, montare una mescola sulla carta più performance della soft annunciata dalla Mercedes, e sperare in un undercut. Se fosse andato a segno, tenere alle spalle una vettura a Marina Bay, anche con gomma più fresca, non sarebbe stata un’impresa impossibile.

Alla fine, però, gli esiti di una strategia ‘o la va o la spacca’ non sono stati quelli sperati, e i 14 punti che potenzialmente potevano essere guadagnati in classifica su Hamilton, sono diventate tre lunghezze perse, a causa dell’overcut subito da Verstappen.

Sono diversi i fattori che non hanno giocato a favore di Vettel. Quando Seb è tornato in pista dopo il pit-stop si è ritrovato alle spalle di Perez, e il messicano (in una giornata delle peggiori da quando è in Formula 1) non ha certo favorito il soprasso della Ferrari.

Vettel ha impiegato un giro più del previsto per liberarsi della Force India, e si è ritrovato con i freni surriscaldati. Nell’ultima tornata a pista libera, prima della sosta di Verstappen, Vettel non ha stampato il tempone necessario per respingere l’assalto della Red Bull, che infatti alla curva 2 lo ha sfilato per pochi ma cruciali centimetri.

Si è comunque pensato che la Ferrari numero 5 avrebbe beneficiato della mescola di vantaggio nei confronti di Verstappen (ultrasoft contro soft) ma è parso subito chiaro che il ritmo di Vettel non era granché. Seb si è probabilmente anche demoralizzato vedendosi alle spalle della Red Bull, comunicando al suo ingegnere Riccardo Adami al giro 18 che difficilmente avrebbe terminato la corsa senza un secondo pit-stop.

Una visione pessimista, poi smentita dallo stesso Seb, che però negli ultimi venti giri ha tirato i remi in barca vedendosi impossibilitato a passare la Red Bull proprio per non rischiare sul fronte pneumatici.

Con una strategia conservativa Vettel probabilmente avrebbe mantenuto la seconda posizione, ma non è questo il punto. Il verdetto del weekend è stato chiaro: la Ferrari a Singapore non è stata performante come era nelle aspettative, soprattutto in qualifica. E'  probabile che per la prima volta in questa stagione il lavoro di adattamento alla pista della monoposto non sia stato dei migliori, con il risultato di non riuscire a sfruttare le gomme in qualifica.

Hamilton stesso ha sottolineato come su questo tracciato “essere davanti è tutto”, evidenziando l’importanza di ritrovarsi al comando e guidare con aria pulita, marcando le strategie degli avversari. Ma il problema nato il sabato è stato confermato anche domenica. Vettel non è stato all’altezza di Hamilton, e Raikkonen non è riuscito ad avere la meglio su Bottas.

“Oggi chi ha vinto lo ha fatto con merito – ha sottolineato Maurizio Arrivabene - dopo il sorpasso di Sebastian su Verstappen abbiamo provato una strategia aggressiva, tentando l'undercut con le gomme Ultrasoft. Purtroppo, nel giro chiave ci siamo trovati dietro un'altra vettura che non ci ha permesso di essere abbastanza veloci. Nonostante il risultato di oggi, nulla è perduto. Con calma e determinazione affronteremo le sei gare che restano, per lottare fino alla fine”.

“Il nostro obiettivo non era quello di finire terzi – ha aggiunto Vettel - ma oggi non siamo stati abbastanza veloci”.

La speranza della Ferrari è quella di ritrovare la forma estiva già tra due settimane a Sochi, confidando che la tappa di Singapore si confermi a posteriori come un weekend da dimenticare e nulla più. Tecnicamente da Sochi per la Ferrari tutto potrebbe tornare nella norma, intesa come una buona norma, ma restano due aspetti non facili da mandare in archivio: una classifica di campionato che per restare aperta inizia a pretendere degli imprevisti del tandem Hamilton-Mercedes, e soprattutto una botta morale che a Singapore non è stata indifferente.

condivisioni
commenti
Force India: le gravi intemperanze di Perez non sono piaciute a Szafnauer

Articolo precedente

Force India: le gravi intemperanze di Perez non sono piaciute a Szafnauer

Prossimo Articolo

Hamilton: "Non avevamo novità, ma dalla W09 tiriamo fuori il 102%"

Hamilton: "Non avevamo novità, ma dalla W09 tiriamo fuori il 102%"
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021