Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie

NASCAR | In Texas vince Reddick, Button e Raikkonen 18° e 29°

Nonostante un risultato che li ha messi nelle retrovie, i due ex piloti di Formula 1 hanno ben figurato ad Austin. Sfruttando un pit stop anticipato e una neutralizzazione, Raikkonen era riuscito a rimontare fino alla top ten prima del "caos" finale, mentre Button ha lottato con un problema alla vettura e tanto sovrasterzo. I due hanno comunque ben figurato, in una gara a tratti dominata da Reddick.

Kimi Raikkonen, Trackhouse Racing, Onx Homes / iLOQ Chevrolet Camaro

Tra i nomi dei piloti che hanno preso parte all’ultima tappa del campionato NASCAR ad Austin c’erano anche due volti noti “europei”, ovvero Kimi Raikkonen e Jenson Button. Su una pista su cui aveva già corso durante la loro militanza in Formula 1, il finlandese ha fatto il proprio ritorno su una macchina da corsa dopo aver partecipato alla tappa di Watkins Glen la passata stagione, quando fu costretto al ritiro per un contatto al termine di una gara in cui, fino a quel momento, stava comunque ben figurando.

Per il campione del mondo 2009, invece, si è trattata della prima apparizione nella Nations Cup, un piccolo assaggio di quello che sperimenterà poi alla 24 ore di Le Mans, dove correrà con una vettura modificata in rappresentanza del campionato NASCAR.

Kimi Raikkonen non ha ottenuto il risultato sperato al COTA, tracciato su cui aveva vinto in Formula 1 nel 2018, ma ha comunque ben figurato alla sua seconda partenza nella NASCAR Cup Series. Il campione del mondo di Formula 1 2007 è partito 22° nella gara di domenica e ha corso nella zona di centro gruppo per la maggior parte della giornata, specie prima di fermarsi poche tornate prima della fine della seconda stage, allungando quindi il primo stint.

Tuttavia, sfruttando un secondo pit stop anticipato e una caution giunta proprio nei passaggi finali, il finlandese si è trovato in una posizione perfetta per capitalizzare e guadagnare diverse posizioni in pista fino a risalire in top ten. Quello che è seguito Raikkonen lo ha definito come “caos”, con molteplici incidenti e diverse ripartenze che hanno allungato la parte conclusiva della corsa. Alla fine, tuttavia, il finlandese è finito in testacoda ed è stato anche penalizzato per aver tagliato alcune curve del primo settore.

A quel punto non è riuscito a recuperare le posizioni perse, finendo 29°: "Penso che non sia andata male", ha detto dopo la gara il campione del mondo 2007. "Siamo stati sfortunati per gli incidenti che si sono verificati. È stata una di quelle cose, purtroppo. Poi non c'erano più gomme, erano ormai andate. Continuavano a fare ripartenze e ripartenze, quindi credo che dopo il testacoda che ho avuto, le gomme fossero finite”.

“È un peccato perché quando eravamo lì, ma poi siamo ripartiti, abbiamo sbagliato posto e momento [Raikkonen in una delle ripartenze era sulla linea esterna ed è stato portato largo]. Si trattava di cercare di non avere problemi nelle prime curve e ogni volta. Sembrava che si potesse andare molto bene, ma tre curve dopo qualcuno andava nella direzione sbagliata. C'è un po' di confusione e di blocco".

Kimi Raikkonen, Trackhouse Racing, Onx Homes / iLOQ Chevrolet Camaro

Kimi Raikkonen, Trackhouse Racing, Onx Homes / iLOQ Chevrolet Camaro

Photo by: Nigel Kinrade / NKP / Motorsport Images

Sul suo futuro nella serie, Raikkonen non ha fornito particolari indizi, anche se il manager di Trackhouse Racing ha in più occasioni spiegato che, fino a quando il finlandese vorrà prendere parte, la vettura #91 sarà a sua disposizione.

Alla sua prima partecipazione nel campionato NASCAR, anche Button ha dovuto incontrare un periodo di apprendistato che lo ha messo a dura prova, specie nella gestione degli pneumatici nel traffico. L’inglese ha raccontato la sua prima esperienza come una montagna russa di emozioni, tra incidenti e ripartenze che lo hanno costretto a mantenere sempre alta la guardia.

"È stata una montagna russa di emozioni. All’inizio è stato terribile. Voglio dire, dovevo essere ultimo alla fine della gara. E mi sono detto: 'Tutti quanti: Andate. Devo solo guidare e trovare il ritmo'. Non ho mai affrontato una curva troppo larga, così spesso. E cercando di posizionare l'auto nel punto giusto, ho sbagliato ogni volta”, ha detto Button parlando della sua prima corsa in NASCAR, anche se ha già confermato che non sarà l’ultima.

Jenson Button, Rick Ware Racing, Mobil 1 Ford Mustang

Jenson Button, Rick Ware Racing, Mobil 1 Ford Mustang

Photo by: Nigel Kinrade / NKP / Motorsport Images

“Di solito, se sei un po' lento in curva, nessuno cerca di sorpassarti dall'esterno. Perché non riuscirebbero ad arrivare fino in fondo alla curva successiva. Ma qui lo fanno. Il primo stint è stato davvero pessimo, è stato imbarazzante per me. Mi sono detto: "Bene, ragazzi, dobbiamo rientrare ai box, rinfrescare le gomme e ho bisogno di aria fresca".

"L'ho fatto. Il ritmo era buono, la costanza era buona. Sono stato molto contento e ho superato alcune vetture, il che è stato piacevole”, ha poi aggiunto il campione del mondo 2009 riferendosi alle difficoltà nel gestire le coperture nel traffico, dato che avvertiva anche alcuni fastidiosi problemi di bilanciamento che lo spingevano a lottare con il sovrasterzo.

Leggi anche:

Button, tra l’altro, è stato anche suo malgrado protagonista di un contatto proprio con Raikkonen che, secondo il britannico, ha danneggiato la vettura: “Ho ricevuto un forte colpo da Kimi. La macchina non era a posto. Ogni volta che giravano, le gomme posteriori si muovevano e subito dopo andavo in sovrasterzo”.

“È stato davvero difficile, ma verso la fine abbiamo fatto delle buone scelte fermandoci e montando gomme fresche. Mi sono divertito negli ultimi tre restart: ho ottenuto un buon piazzamento e dei buoni sorpassi”, ha spiegato. Button prenderà parte ad altre due gare del campionato, tra cui la tappa di Indianapolis, in quello che rappresenta anche un programma di “apprendistato” prima del grande appuntamento di Le Mans.

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente NASCAR Cup | Kimi Raikkonen correrà a Watkins Glen con Chevrolet

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia