F1: Ocon perplesso dalla differenza di prestazioni con Alonso

Il francese della Alpine non ha saputo spiegare cosa lo abbia frenato in Russia dato che l'assetto della sua monoposto era identico a quello adottato da Alonso.

F1: Ocon perplesso dalla differenza di prestazioni con Alonso

Lo scorso Gran Premio di Sochi è stato particolarmente complicato per Esteban Ocon. Il pilota della Alpine ha concluso in quattordicesima posizione, doppiato, mentre il suo compagno di squadra, Fernando Alonso, è stato autore di una solida performance che l’ha visto chiudere in ottava piazza.

Il campione 2015 della GP3 ha riflettuto su quanto accaduto in Russia ammettendo di essere confuso dato che il set up adottato sulle due monoposto era praticamente identico.

Ocon, che già prima dell’estate aveva accusato un periodo di appannamento poi superato con l’inattesa vittoria al GP di Ungheria, vuole vederci chiaro anche in questo caso.

“Nelle ultime tre o quattro gare le monoposto hanno adottato un set up praticamente identico, ma in Russia c’è stata una differenza enorme e non abbiamo avuto le stesse opinioni sulla vettura”.

Esteban Ocon, Alpine A521

Esteban Ocon, Alpine A521

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

“Abbiamo un paio di idee su cosa potrebbe aver provocato questo problema e stiamo cercando di risolverlo in tempo in vista della gara della Turchia o al massimo per quella successiva”.

In occasione del GP di Silverstone la Alpine ha cercato di risolvere la crisi che stava attraversando Ocon mettendo a disposizione un nuovo telaio e la soluzione si è rivelata subito efficace. In Russia, invece, Esteban ha affrontato la gare più difficile della stagione.

“Per i primi due giri sono riuscito a mantenere una buona posizione, ma poi tutto si è complicato. Mi mancava il ritmo e perdevo molto terreno dalle vetture che mi precedevano. Ad essere onesto non avevo la possibilità né di attaccare né di difendere”.

“Dobbiamo rivedere molte cose prima di arrivare in Tuchia, ma troveremo ciò che non ha funzionato”.

“Non c’è una ragione particolare per questo risultato. Mi sentivo bene al volante come era già accaduto a Zandvoort ed a Monza”.

condivisioni
commenti
Seidl: "Un calendario ideale dovrebbe avere 20 gare"

Articolo precedente

Seidl: "Un calendario ideale dovrebbe avere 20 gare"

Prossimo Articolo

GP Turchia: ripulito l'asfalto a sorpresa, sarà più abrasivo

GP Turchia: ripulito l'asfalto a sorpresa, sarà più abrasivo
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021