Hamilton diventa Cavaliere su nomina di Johnson

Lewis riceverà l'onoreficenza dal Primo Ministro britannico nel New Year Honours di giovedì, dopo che sono state superate le perplessità sullo status fiscale del sette volte campione del mondo. Stupisce, invece, che il contratto con la Mercedes scada domani e non ci sia ancora stato il rinnovo che è dato per scontato, ma a cui manca la firma. L'atteggiamento di Hamilton sta infastidendo i vertici della Daimler che non capiscono la strategia del loro pilota.

Hamilton diventa Cavaliere su nomina di Johnson

Lewis Hamilton sta vivendo un periodo controverso: da una parte ha ricevuto la notizia che sarà nominato Cavaliere da Boris Johnson, dall’altra non dà segni di voler rinnovare il contratto con la Stella.

Il Primo Ministro britannico ha voluto riconoscere l’onorificenza dopo che il pilota della Mercedes ha vinto il settimo titolo mondiale piloti di F1.

Johnson ha inserito Lewis nella lista ristretta nonostante una forte opposizione di chi voleva vederci chiaro sullo status fiscale dell’epta campione del mondo. Hamilton sarà insignito nel New Year Honours di giovedì, dopo averlo inserito fra i personaggi “overseas”, vale a dire la lista che "riconosce le figure che hanno prestato un servizio eccezionale al Regno Unito all'estero e a livello internazionale".

Il 35enne di Stevenage si è distinto non solo per le sue doti da fuoriclasse al volante di una F1, ma è diventato un elemento trainante nella campagna di sensibilizzazione sulla diversità.

Lewis riceve un’onoreficenza che in precedenza era andata a Jack Brabham, Stirling Moss e Jackie Stewart, ma chiude l’anno 2020 senza aver rinnovato il contratto con la Mercedes. Il prolungamento dell’intesa è sempre stato dato per scontato, ma non era pensabile che Hamilton lasciasse scadere l’accordo che decade con la fine dell’anno.

Toto Wolff, team principal della squadra di Brackley, ha lasciato intendere che la firma potrebbe arrivare anche prima dei test invernali di Barcellona in marzo, ma questa situazione di incertezza non piace affatto al marchio tedesco che in passato ha già vissuto l’imprevisto ritiro di Nico Rosberg, fresco campione del mondo nel 2016.

Quell’esperienza aveva dato molto fastidio ai vertici della Stella che rimasero presi in contropiede dalla decisione del tedesco di ritirarsi dalla F1 e più in generale dalle corse dopo essere riuscito a battere proprio Hamilton.

Ola Kallenius, presidente Daimler AG, non capisce cosa impedisca a Lewis di firmare un prolungamento di contratto, dal momento che i paletti economici erano stati fissati da tempo: un ingaggio di oltre 40 milioni di dollari e un bonus del 10% nel caso il pilota inglese diventi iridato per l’ottava volta. E, ciliegina sulla torta, avrebbe aggiunto in regalo la One, l’Hypercar derivata dalla F1 che inizialmente doveva essere consegnata con un prezzo di favore.

Hamilton avrebbe voluto parlare del contratto proprio con Kallenius, ma secondo le indiscrezioni filtrate dalla Germania, il presidente vuole che la questione venga risolta dal team principal, facendo notare che non è il caso di tirare troppo la corda visto che George Russell ha già dimostrato di essere maturo per guidare una freccia d’argento.

Cosa si nasconde dietro a questo guadagnare tempo che non piace ai pragmatici tedeschi?

condivisioni
commenti
Nei segreti della tecnica: McLaren MCL35
Articolo precedente

Nei segreti della tecnica: McLaren MCL35

Prossimo Articolo

F1: il governo catalano dà l'ok al GP di Spagna 2021

F1: il governo catalano dà l'ok al GP di Spagna 2021
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021