Ferrari: un doppio ritiro in cerca di risposte

Leclerc si è schiantato nella percorrenza della Parabolica in un pauroso crash causato da un repentino sovrasterzo mentre la Rossa era in piena accelerazione: il monegasco è andato oltre i limiti della SF1000 commettendo un grave errore di valutazione dopo aver scalato la quarta posizione. Vettel, invece, è rimasto senza freni subito forse per il cedimento di un cestello. La Brembo effettuerà dei test al banco dinamico per capire cosa è successo.

Ferrari: un doppio ritiro in cerca di risposte

La Ferrari sta battendo tutti record. Ma quelli negativi. La caduta della Rossa non si ferma. Si sperava che Spa-Francorchamps segnasse il punto di non ritorno, ma evidentemente non si è ancora raschiato il barile. Negli ultimi due GP la SF1000 non è arrivata a punti e nel mondiale Costruttori è precipitata al sesto posto, scavalcata anche dalla Racing Point che ha agguantato un podio con Lance Stroll e un punticino anche con Sergio Perez.

Le Ferrari sono state costrette al ritiro: Sebastian Vettel per un problema emerso ai freni posteriori che ha costretto il tedesco a fermarsi al sesto giro, mentre Charles Leclerc ha pagato l’eccessiva fiducia su una Rossa “traditrice” che lo ha mollato in piena fase di accelerazione quando aveva già lasciato la corda della Parabolica nel giro 25.

Due problemi distinti con un uguale risultato: zero punti. La sequenza dei guai che attanagliano la monoposto di Vettel è impressionante. Il tedesco è anche poco fortunato: rimedia uno spavento al giorno. Al botto fra le due curve di Lesmo del venerdì, si aggiunge la paura di essere rimasto senza freni alla Prima Variante: nell’unico punto della pista dove c’era una via di fuga molto lunga.

“Il doppio ritiro di oggi è la conclusione peggiore di un fine settimana molto difficile – ha spiegato Mattia Binotto - . Dopo il Belgio sapevamo che anche qui saremmo stati in grossa difficoltà e così è stato, come si è visto ieri in qualifica, ma non vedere la bandiera a scacchi con nessuna delle due vetture fa male”.

“Dispiace ancora di più che uno dei due ritiri, quello di Sebastian, sia avvenuto a causa di un problema di affidabilità della vettura: situazioni del genere – in questo caso un guasto all’impianto frenante – non devono accadere. È una stagione molto dura ma è nelle difficoltà che si diventa più forti”.

Il team principal glissa, ma Vettel ha investito i cubi di polistirolo nella via di fuga della Prima Variante senza poter percorrere i previsti zig zag. Il tedesco ha avuto un serio problema al corner posteriore sinistro. Prima della staccata della Parabolica si era visto un pezzo di carbonio volare via dal retrotreno.

Molto probabilmente si è staccato un pezzo del cestello che copre l’impianto frenante che ha iniziato a strisciare sul cerchio, causando un surriscaldamento che ha letteralmente cotto i freni posteriori, causando la successiva uscita della SF1000 alla fine del rettilineo d’arrivo.

Vettel è riuscito a portare la Rossa fino ai box, mentre dalla ruota posteriore sinistra uscivano lingue di fuoco che evidenziavano la gravità del danno che ha portato allo stop definitivo. Tutto l’impianto frenante è stato smontato e verrà spedito alla Brembo che effettuerà dei test al proprio banco dinamico per studiare le cause che possono aver messo in crisi il sistema.

La telemetria ha segnalato che alla ruota posteriore sotto esame c’erano temperature molto superiori alla norma, segno che qualcosa era successo: nei prossimi giorni i test dovrebbero dare delle risposte esaurienti su cosa può essere successo alla Rossa.

Charles Leclerc, invece, si era portato a un’insperata quarta posizione grazie a prodigiosi sorpassi e una tattica sagace: il monegasco si è abituato a guidare oltre il limite della propria macchina, cercando di trarre quello che la SF1000 non è in grado di dare. Il risultato è un pauroso botto in un punto della pista dove non esce mai nessuno.

Leclerc si è piantato nelle protezioni all’esterno con il muso e il lato sinistro della vettura a una velocità stimata intorno ai 220 km/h, dopo un improvviso sovrasterzo che il giovane pilota non ha potuto riprendere a causa del ridotto carico aerodinamico.

Il ragazzo si è lasciato prendere dalla foga “annusando” la possibilità di cogliere un risultato che cancellasse la striscia negativa. E, invece, ha rimediato un brutto errore che certo gli toglierà un po’ di fiducia su questa SF1000 così infida.

Certo Charles si è lasciato prendere la mano, ma la sua Ferrari si è imbizzarrita, proprio come era successo al venerdì a Sebastian Vettel fra le due curve di Lesmo, un altro punto dove è raro andare a sbattere quando le monoposto sono in accelerazione. E, allora, i dubbi che la sospensione posteriore idraulica non risponda ai cambiamenti di altezza dettati dall’assetto Rake sono qualcosa più di un sospetto.

Insomma, da qualunque parte la si guardi, questa Ferrari colleziona problemi e rotture. È evidente che è la cartina al tornasole di un qualcosa che non gira a dovere nel Reparto Corse. Un conto è che i piloti rimediano delle figuracce con una SF1000 che non va e un altro conto è che siano a rischio di brutti botti perché c’è qualcosa che non funziona a dovere oppure cede.

La prossima settimana arriva il Mugello. La Ferrari celebrerà il 1000esimo GP sulla pista di casa e sarà lecito aspettarsi qualcosa di speciale per un giorno storico. Il tracciato sarà più favorevole alla Rossa e la Scuderia ha avuto l'opportunità di provare dopo il lockdown con una vettura 2018, per cui avrà un piccolo vantaggio da far valere. Come dice Laurent Mekies, bisogna voltare pagina. Speriamo che il direttore sportivo francese abbia ragione…

condivisioni
commenti
Mercedes: Wolff ammette la fiera degli errori

Articolo precedente

Mercedes: Wolff ammette la fiera degli errori

Prossimo Articolo

F1 2020: gli orari TV di Sky e TV8 del GP Toscana Ferrari 1000

F1 2020: gli orari TV di Sky e TV8 del GP Toscana Ferrari 1000
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021