Mercedes: Wolff ammette la fiera degli errori

Il team principal della Mercedes analizza la giornata da dimenticare nel GP d'Italia con Bottas solo quinto e Hamilton settimo. L'inglese spergiura di non aver visto le segnalazioni sulla chiusura della pit lane e i tecnici del remote garage non hanno visto la segnalazione della direzione gara. Bottas, invece, si è lamentato della sua W11 che non andava già dopo il via sbagliato: resta un mistero cosa ha rallentato il finlandese.

Mercedes: Wolff ammette la fiera degli errori

È una domenica che la Mercedes ricorderà a lungo. Il potenziale della W11 sul circuito di Monza si è confermato micidiale, ma la classifica finale vede un quinto ed un settimo posto che sono davvero un brodino per il team campione del Mondo.

Il Gran Premio d’Italia è stata una gara imprevedibile, come imprevedibili si sono confermati i verdetti finali, ma le due Mercedes non hanno accusato imprevisti se non quelli comuni a tutti, ovvero una safety car ed una bandiera rossa che hanno spezzato una corsa che sembrava già pronta ad andare in archivio con la novantesima vittoria di Lewis Hamilton.

A fare il punto della difficile giornata è Toto Wolff. “Tutto è iniziato quando si è fermata la monoposto di Magnussen – ha spiegato il team principal della Mercedes – inizialmente c’era solo una bandiera gialla poi undici secondi dopo è stato comunicato l’ingresso della safety car. Quello che non siamo riusciti a capire è che mentre la safety car entrava in pista è stato bloccato l’accesso alla pit-lane".

"Ma non c’era il tradizionale semaforo rosso all’ingresso della corsia box, ma due croci gialle all’esterno (della Parabolica) e nessuna luce sul lato interno. Abbiamo visto il messaggio della pit-lane chiusa all'ultimo momento nel remote-garage, uno degli strateghi ha gridato in radio proprio mentre Lewis stava entrando nella corsia box".

"C'era confusione, perché stavamo preparando il cambio gomme, e tutti sulla pit-lane, compreso me, eravamo focalizzati su quello, nessuno ha osservato la pagina quattro (del monitor) in cui c’era la comunicazione che la pit lane era stata chiusa. Non siamo felici di quanto è accaduto, ovviamente, ma dobbiamo incassare quanto fatto”.

Lewis Hamilton ha avuto molto da recriminare. Il campione del Mondo ha confermato di non aver visto alcun semaforo rosso:
“Lewis non mente – ha confermato Toto – non ci avrebbe mai detto qualcosa non vera. Le indicazioni con le croci gialle erano all'esterno della Parabolica, non all’interno, e non c’era nessuna luce rossa all'ingresso della pit-lane, ed è per questo che è andato a trovare Michael (Masi) per confermagli che non aveva visto alcuna segnalazione”.

La direzione gara ha comunque agito come da prassi, e la penalità che ha retrocesso Hamilton in ultima posizione, azzerando di fatto le sue possibilità di poter lottare per la vittoria.

Mistero Bottas...

Se Hamilton si è visto sfuggire di mano un successo che il ritmo in pista ha confermato essere ampiamente alla sua portata, Valtteri Bottas ha invece disputato una gara anonima dopo una partenza poco felice.

L’impressione (confermata in parte anche da Hamilton) è che la Mercedes avesse scelto un assetto con un carico aerodinamico superiore alla concorrenza, una soluzione ottima per il giro veloce, ma penalizzante nel caso in cui si è chiamati a rimontare, circostanza non prevista dopo le qualifiche ma nella quale si sono ritrovati entrambi i piloti.

Bottas ha confermato grandi difficoltà contro Renault e McLaren sui rettilinei, anche quando ha beneficiato di DRS e scia, facendo sorgere il dubbio che sulla sua monoposto ci sia stato qualche problema".

“Dobbiamo cercare di scoprire cosa è successo sulla sua monoposto – ha confermato Wolff – Valtteri ci ha confermato che la macchina aveva dei problemi nelle curve a destra, al punto da pensare di avere una foratura. Purtroppo dai dati non è emerso nulla, ed è per questo che lo abbiamo tenuto in pista. Si vedeva chiaramente che soffriva in Parabolica, e questo non gli consentiva di uscire nel modo corretto pagando poi in rettilineo. Sono convinto che un pilota non avrebbe la sensazione di avere una foratura subito dopo il via senza avere un problema sulla monoposto”.

A incuriosire è stato anche un team-radio di Bottas, nel quale ha definito ‘stupido’ il dover correre con la configurazione di power unit che aveva a disposizione.

“Credo che Valtteri in quel momento fosse frustrato – ha spiegato Wolff - perché avevamo anche problemi di raffreddamento e gli è stato chiesto di uscire dalle scie per ovviare al problema”.

In questo caso la spiegazione di Wolff non cancella i dubbi, anche perché Bottas non è un pilota conosciuto per reazioni emotive. Ovviamente con la modalità ‘sorpasso’ avuta a disposizione della power unit fino a Spa, la sua gara sarebbe stata differente, e purtroppo per il finlandese il primo Gran Premio con il nuovo regolamento è stata quello in cui un ‘plus’ di potenza gli sarebbe servito di più.

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: il trionfo di Gasly e AlphaTauri a Monza

Articolo precedente

Fotogallery F1: il trionfo di Gasly e AlphaTauri a Monza

Prossimo Articolo

Ferrari: un doppio ritiro in cerca di risposte

Ferrari: un doppio ritiro in cerca di risposte
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021