Ocon critica Renault: gomme senza termo coperte!

Il francese alla bandiera a scacchi del GP d'Italia ha ricevuto i complimenti del suo ingegnere Mark Slade per l'ottavo posto, ma il transalpino ha dato il via a un siparietto via radio che è stato interrotto dall'intervento di Cyril Abiteboul. Esteban si è lamentato dell'occasione persa perché alla ripartenza della gara dopo la bandiera rossa è stato costretto a schierarsi con gomme soft, perche le medie non erano state riscaldate.

Ocon critica Renault: gomme senza termo coperte!

Dopo la bandiera a scacchi del Gran Premio d’Italia nelle comunicazioni radio di Alpha Tauri, McLaren e Racing Point c’è stato un susseguirsi di urla di gioia e complimenti. Ma non tutte gli scambi piloti-team sono stati densi di lusinghe.

Mark Slade, ingegnere di Esteban Ocon, si è complimentato con il suo pilota per l’ottava posizione: “Ottimo lavoro Esteban, ottavo posto dal dodicesimo al via non è niente male. Daniel ha chiuso sesto, abbiamo conquistato dei bei punti per la squadra. Ben fatto, amico”.

La replica di Ocon è stata però di tutt’altro tono: “Non sono d'accordo. Penso che ci siamo persi completamente in questa gara. Avevamo un’enorme opportunità”.

“Non commentare via-radio, per favore. Ne parliamo dopo nel meeting”, è stata la replica dell’ingegnere, a cui si è nuovamente accavallato Ocon: “No, dobbiamo affrontare la realtà...”.

A questo punto si è inserito nella conversazione Cyril Abiteboul, che ha invitato Ocon a tacere: “Esteban, non è questo il posto”.

Il motivo dello sconforto di Ocon è emerso dopo la corsa. A seguito dello stop legato alla bandiera rossa, il francese avrebbe voluto riprendere la corsa con il set di pneumatici a mescola media che aveva a disposizione (scelta fatta da Ricciardo) ma la squadra ha commesso un errore e le gomme non sono state riscaldate nelle termo coperte in vista della nuova partenza.

A quel punto Ocon ha dovuto montare un set di soft, che si sono rapidamente degradate complicando il suo ultimo stint di gara.
“Purtroppo non ho potuto usare le medie – ha confermato Ocon – se avessimo potuto montarle lo avremmo fatto. Con le soft il passo è stato molto buono nei primi due giri, ma già al terzo giro è peggiorato in modo significativo”.

Il francese ha poi sottolineato le circostanze poco fortunate che hanno condizionato la corsa di chi ha cambiato le gomme in regime di safety car.

“Al via del Gran Premio ho montato le soft – ha spiegato - la squadra voleva che prendessi dei rischi all'inizio per cercare di recuperare posizioni, e sono riuscito a passare Kvyat, che aveva le hard, così come Gasly che montava le soft. Una partenza buona, direi, poi ho completato il pit-stop in regime di safety car, ma subito dopo è arrivata la bandiera rossa che ci ha condizionato molto. Non siamo stati fortunati, ma due macchine in zona punti è comunque un buon risultato per la squadra”.

condivisioni
commenti
Ferrari: la SF1000 al Mugello torna al Rosso del 1950!

Articolo precedente

Ferrari: la SF1000 al Mugello torna al Rosso del 1950!

Prossimo Articolo

Report F1: Mercedes sbaglia, Gasly gode mentre la Ferrari sprofonda

Report F1: Mercedes sbaglia, Gasly gode mentre la Ferrari sprofonda
Carica commenti
Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica" Prime

Piola: "Russell straordinario con una Williams più carica"

In questo nuovo video di Motorsport. com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i motivi che hanno portato il Gran Premio di Russia a regalare una qualifica sorprendente: McLaren in pole, con Norris, davanti a Sainz e Russell. Cos'ha reso questi tre piloti così veloci?

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto" Prime

Bobbi: "Norris prende i cordoli come sull'asciutto"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, andiamo ad analizzare i vari stili di guida in occasione delle qualifiche del GP di Russia di F1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Formula 1
24 set 2021
Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Formula 1
24 set 2021
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021