WRC: la stagione 2022 sarà l'ultima della carriera per Dani Sordo

Dani Sordo, pilota di Hyundai Motorsport, ha svelato ad AS che alla fine della prossima stagione si ritirerà dalle corse. "Voglio ancora aiutare Hyundai, ma a fine 2022 smetto", ha dichiarato lo spagnolo.

WRC: la stagione 2022 sarà l'ultima della carriera per Dani Sordo

Dani Sordo, pilota del team Hyundai Motorsport di WRC, si ritirerà alla fine della stagione 2022. Prima o poi doveva succedere, ma dopo un paio d'anni solidi, forse i migliori della carriera, fa impressione pensare che tra poco più di un anno lo spagnolo appenderà il casco al chiodo.

"La prossima sarà la mia ultima stagione". Lo ha detto così Sordo. Una frase molto semplice rilasciata ad AS in un'intervista alla vigilia del Rally di Catalogna, a cui prenderà parte da pilota titolare Hyundai sulla terza i20 Coupé WRC per cercare di tenere viva la flebile speranza di Mondiale Costruttori della Casa coreana.

Sarà dunque l'ultimo rally di casa che disputerà al volante di una WRC Plus, "le Gruppo B della nostra generazione", le ha definite il nativo di Torrelavega. L'anno prossimo Sordo potrà correre al volante della i20 N Rally1 ibrida, figlia del nuovo regolamento che sarà introdotto il 1 gennaio dell'anno prossimo e che sarà valido per almeno 3 anni.

"Sono contento di provare a guidare le vetture ibride, ma le auto attuali sono fantastiche. Penso lo possano essere anche le nuove, ma sarà difficile battere quelle odierne, che sono state il Gruppo B di questa generazione. Hanno segnato un'epoca. Sono le auto più veloci, quelle in grado di fare le curve come mai avevo fatto prima, ma devo ammettere che mi piaceva di più la sensazione che mi davano auto come la Citroen Xara, che si muovevano di più, erano più naturali dal punto di vista della maneggevolezza. Con quelle attuali, in curva ti si spegne il cervello".

 

Dunque il rinnovo con Hyundai, quello firmato da Sordo pochi giorni fa, è annuale: "Era quello che volevo, e penso che anche loro siano felici". Mi piace che conti su di me e pensano che posso passare un altro anno ad aiutare la squadra. Conservo ancora intatta la passione, continuo a dare tutto me stesso, ed è qualcosa che vedo quando faccio un test o arrivo a un rally come quello in Catalogna. Senza la passione questo non funziona. Non voglio fare tutto il campionato, ma voglio fare alcune gare e collaborare con la squadra".

Per Sordo il Rally di Catalogna 2021 sarà il primo in cui sarà navigato da Candido Carrera. Il nuovo navigatore ha preso il posto di Borja Rozada qualche settimana fa e ha esordito nel WRC assieme a Sordo all'Acropoli, nel mese di settembre, arrivando al quarto posto.

L'ultimo, calendario permettendo, lo farà l'anno prossimo al volante della i20 N Rally1, poco prima di chiudere la carriera quando avrà già compiuto 39 anni. Sordo è infatti un classe 1983, nato il 2 maggio di quell'anno.

condivisioni
commenti
WRC: Rovanpera si è ripreso e al Rally di Catalogna ci sarà
Articolo precedente

WRC: Rovanpera si è ripreso e al Rally di Catalogna ci sarà

Prossimo Articolo

WRC, Pirelli: in Spagna ecco le nuove PZero RA WRC HA da asfalto

WRC, Pirelli: in Spagna ecco le nuove PZero RA WRC HA da asfalto
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021