Rossi: "Ho avuto un problema che non capitava da 12 anni..."

Il rientro del GP d'Europa ha fruttato solo il sesto zero consecutivo al "Dottore", che ora pare davvero frustrato dai problemi di motore della Yamaha.

Rossi: "Ho avuto un problema che non capitava da 12 anni..."

Valentino Rossi aveva una voglia pazza di tornare in sella alla sua Yamaha, al punto che il pesarese è stato disposto a cominciare il weekend del Gran Premio d'Europa solo nella giornata di sabato dopo essere guarito dal COVID-19.

Questo entusiasmo però non è bastato per interrompere la lunga striscia di zero che ha caratterizzato la seconda parte della sua stagione. Tra l'assenza per il Coronavirus, le cadute ed i problemi tecnici quello arrivato a Valencia è stato il sesto stop consecutivo per il "Dottore", che ha visto la sua M1 ammutolirsi dopo appena 5 giri.

"Quando la moto si è spenta, non mi sono neanche arrabbiato. Mi è venuto da ridere" ha provato a sdrammatizzare Valentino, quando gli è stato domandato dell'ennesima giornata no.

"Avevo solo bisogno di fare la gara, quindi ero partito molto tranquillo, perché volevo cercare di arrivare in fondo, per fare chilometri e prepararmi bene per la gara della settimana prossima. Invece non è stato possibile e a fermarmi è stato un problema che non succedeva da 12 anni mi hanno detto" ha aggiunto.

Visti i continui problemi legati al motore della Yamaha, non ultima la sanzione rimediata per valvole utilizzate in occasione del Gran Premio di Spagna, e le limitazioni di sviluppo previste per il 2021, al pesarese è stato chiesto se per la Casa di Iwata non fosse il caso si volgere lo sguardo al 2021 e magari passare da quattro cilindri in linea ad un motore a V.

"Io non credo che il problema sia che il motore è un quattro cilindri in linea. Per molti anni si è detto che questo potesse essere il guaio della Yamaha, perché è una concezione di motore un po' più vecchia rispetto a quello a V. Però anche la Suzuki ha un quattro in linea e va molto forte".

"Il problema è che noi abbiamo una difficoltà di performance, perché sul rettilineo siamo sempre i più lenti, a cui si aggiunge anche un problema di affidabilità. Di solito invece ne hai uno solo di questi due problemi, o ti manca performance o ti manca affidabilità. A noi invece mancano entrambe. E' come se gli altri fossero andati più avanti di noi a livello ingegneristico" ha spiegato.

Leggi anche:

Qualcuno ha posto però un dubbio anche sui piloti, visti i tanti alti e bassi di cui sono capaci di rendersi protagonisti Maverick Vinales e Fabio Quartararo, che l'anno prossimo formeranno la coppia del factory team. Secondo il 9 volte iridato però il problema non è questo.

"La Yamaha ha dei grandi piloti. Se togliamo me, perché non voglio parlare di me, Quartararo, Vinales e Morbidelli sono veramente forti. Con una moto competitiva si giocano il Mondiale. Io non penso che il problema siano i piloti e credo che la line-up della Yamaha sia molto forte anche per l'anno prossimo".

Secondo il parere di molti, è stata anche la gomma posteriore introdotta quest'anno dalla Michelin a generare questo andamento strano per la stagione 2020. Ma per Rossi la situazione in casa Yamaha non è cambiata molto rispetto al 2019 in realtà.

"A me non sembra molto diversa, nel senso che per noi è molto simile. Le volte che l'anno scorso l'abbiamo provata sembrava un po' meglio, perché ha più grip, ma è più morbida quindi il problema è riuscire a farla durare tutta la gara".

"Per non cambia molto dall'anno scorso, perché noi avevamo più o meno gli stessi problemi. E' come se negli ultimi anni gli altri abbiano capito qualcosa delle gomme e noi invece non ci siamo riusciti. Io comunque terrei queste, perché non credo che cambierebbe molto per noi".

Infine, ha dedicato un pensiero all'amico Davide Brivio per l'impresa che sta per compiere la Suzuki, che è ad un passo dal riconquistare il titolo della classe regina dopo ben 20 anni. E potrebbe farlo con una doppietta nel Mondiale piloti.

"Faccio tanti complimenti a Davide Brivio, ma anche a suo fratello. Siamo amici perché abbiamo lavorato tanto insieme. Hanno fatto un grandissimo lavoro, perché sono riusciti a fondere il metodo giapponese con quello italiano. E non penso che sia un caso che la Suzuki vada così forte, quindi gli faccio davvero tanti complimenti".

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing dopo il ritiro dalla gara
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing dopo il ritiro dalla gara
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il ritiro di Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Il ritiro di Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
7/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
8/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
9/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
10/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
11/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
12/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing parcheggia la moto e si ritira
13/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: la doppietta Suzuki al GP d'Europa

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: la doppietta Suzuki al GP d'Europa

Prossimo Articolo

Morbidelli: “Pressione della gomma davanti alle stelle”

Morbidelli: “Pressione della gomma davanti alle stelle”
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021