Quartararo: "Podio d’oro, vale come una vittoria”

Fabio Quartararo chiude il Gran Premio di Germania in terza posizione, un risultato più che soddisfacente per il pilota Yamaha su un tracciato che non ama e dove sentiva di non averne per vincere. Nel disastro Yamaha, tiene alta la testa e mantiene il comando della classifica, incrementando su Zarco, secondo a 22 lunghezze.

Quartararo: "Podio d’oro, vale come una vittoria”

Il Gran Premio di Germania doveva rappresentare il riscatto di Fabio Quartararo dopo la gara di Barcellona e così è stato. Il pilota Yamaha non ha vinto al Sachsenring, ma ha conquistato una terza posizione preziosa, che per lui vale davvero come un successo. Nel giorno del ritorno di Marc Marquez sul gradino più alto del podio, il francese è riuscito a capitalizzare mantenendo anche il primato in classifica.

Primato che non solo è rimasto, ma è anche incrementato: con il terzo posto in Germania infatti, Quartararo ha consolidato la sua prima posizione andando a 22 punti di vantaggio sul secondo, Johann Zarco. Il connazionale della Ducati qui è apparso più in difficoltà e, forte di ciò, El Diablo considera ancora più preziosa la terza posizione, considerano che il Sachsenring non è una pista che ama.

“Questo podio è davvero d’oro, vale come una vittoria – ha affermato Quartararo al termine della gara – Abbiamo avuto problemi per tutto il weekend, stamattina nel warm-up perdevo decimi ad ogni curva e anche in gara è stato così. Penso che questo podio sia d’oro per me, perché ho lottato fino alla fine ed è importante per il team, abbiamo faticato per tutto il weekend. Ora non vedo l’ora di Assen, una delle mie piste preferite e dove la moto va bene”.

Dunque il pilota di Nizza non puntava alla vittoria già dall’inizio del weekend e si era posto un obiettivo diverso: “L’obiettivo era chiaro, fare podio. E lo abbiamo fatto. Sinceramente non eravamo pronti per la vittoria perché Miguel Oliveira e Marc Marquez avevano qualcosa in più questo weekend. Noi non avevamo il passo e la terza posizione era la cosa più importante. Quindi noi con il team abbiamo detto ‘podio o finire davanti alle Ducati’ e così abbiamo fatto. Sono molto contento perché questo è un circuito che non mi piace e abbiamo fatto terzi”.

 

Quartararo continua a fare la differenza in Casa Yamaha, che al Sachsenring ha vissuto una delle sue gare peggiori della stagione. È notte fonda per il compagno di squadra del francese, che ha chiuso in ultima posizione, ma anche i due alfieri Petronas non hanno fatto meglio. Inconsapevole del risultato dei compagni di marca, il francese ha osservato la gara dal suo punto di vista: “Onestamente non mi aspettavo di fare così bene perché non so come hanno finito le altre Yamaha, ma io ho dato il massimo. Era tanto tempo che non davo tutto così per fare il podio e sono andato al limite in tutte le circostanze. Ma penso che è così che dobbiamo essere per stare davanti”.

“È stato difficile – ha proseguito – perché in gara sapevamo dove perdevamo, per me Curva 6 e 7 perdiamo almeno due decimi al giro. In questo senso possiamo lottare per il secondo posto, ma più vicino a Miguel. Sono veramente contento di questo podio perché penso che sia la prima volta che finisco tra i primi otto su questa pista”.

Quartararo ora comanda la classifica, ma dovrà fare attenzione e guardarsi le spalle da avversari che sembrano sempre più arrembanti. Oltre ai già noti, si aggiunge Oliveira, che ha dimostrato una grande costanza, e anche Marc Marquez, che il francese non si sente di escludere totalmente: “Per me con questa vittoria Marc ha guadagnato tanta fiducia. È vero che è una pista che va bene per la sua spalla, ma dobbiamo tenere un occhio su di lui, a Miguel Oliveira, che sono contento non abbia fatto un buon inizio di stagione e le tre Ducati che sono molto forti”.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
1/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
2/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
3/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
4/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
5/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
6/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing podium

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing podium
7/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
8/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, secondo classificato Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, secondo classificato Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
9/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, secondo classificato Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, terzo classificato Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, secondo classificato Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing, terzo classificato Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
10/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
11/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
12/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
13/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
14/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
15/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
16/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
17/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
18/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
19/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
20/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
21/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
22/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
23/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
24/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
25/25

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Viñales durissimo con Yamaha: “C’è una mancanza di rispetto”

Articolo precedente

Viñales durissimo con Yamaha: “C’è una mancanza di rispetto”

Prossimo Articolo

Rossi: "Se parti dietro, con la Yamaha è tutto complicato"

Rossi: "Se parti dietro, con la Yamaha è tutto complicato"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021