MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
3 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
54 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
173 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
194 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
215 giorni

Bagnaia: "Il motore mi ha salvato il podio!"

Dopo aver condotto la gara per una buona parte, il pilota della Ducati ha accusato un calo della gomma posteriore. Ha provato a difendersi da Vinales, ma non ha potuto nulla contro il pilota della Yamaha. Nel finale stava vedendo sfumare anche il podio, ma in volata è riuscito a piegare la Suzuki di Mir e a piazzarsi terzo.

Bagnaia: "Il motore mi ha salvato il podio!"

"Il motore mi ha salvato il podio!". Pecco Bagnaia lo ha detto sorridendo, ma in parte è vero. Dopo la bellissima pole position di ieri, il nuovo pilota della Ducati ha iniziato il suo 2021 con un podio, chiudendo al terzo posto un Gran Premio del Qatar che era stato capace di comandare fino al 15esimo giro.

Il piemontese le ha provate veramente tutte per tenere dietro uno scatenato Maverick Vinales, ma il calo della gomma posteriore si è fatto sentire parecchio sulla sua Desmosedici GP e quindi ad un certo punto ha dovuto lasciargli strada. Anzi, nel finale sembrava davvero ad un passo dal veder sfumare anche il podio, dopo aver subito i sorpassi dell'altra Ducati di Johann Zarco e la Suzuki di Joan Mir. All'ultima curva però il campione del mondo ha commesso un errore e Bagnaia ha sfruttato il poderoso motore Desmodromico per beffarlo in volata.

"Ho provato di tutto per tenerlo dietro, gli ho anche chiuso la porta in faccia in un giro che ormai era dentro e ho i segni sulla tuta", ha detto Pecco riguardo al duello con Vinales. "Purtroppo probabilmente ho sbagliato strategia, mettendomi davanti a spingere, perché quando mancavano 7-8 giri ho iniziato a fare molta fatica con la gomma dietro. Magari è stato anche dovuto al fatto che le condizioni erano molto diverse rispetto ai giorni scorsi".

Leggi anche:

"Io mi aspettavo di poter tenere il ritmo fino alla fine, invece gli ultimi giri per stare sull'1'55" ho dovuto spingere veramente tanto, faticando anche molto perché non avevo più gomma sul lato destro. Quando sono arrivato al parco chiuso infatti ho visto che era finita. Comunque sono contento, perché venivo da una seconda metà di stagione molto difficile, sia mentalmente che a livello di risultati, e quindi è stato bello ricominciare così con la mia nuova squadra".

Il campionato quindi è iniziato con il piede giusto, soprattutto dal punto di vista mentale: "Nella scorsa stagione ho commesso tanti errori, quindi era importante arrivare nel team ufficiale e migliorare quell'aspetto. Oggi le ho provate tutte, ma so che guidare senza prendere troppi rischi, senza andare oltre il limite, è fondamentale per vincere. Basta guardare quello che hanno fatto Mir e Morbidelli nella seconda parte della scorsa stagione. Questo è fondamentale ormai".

Eppure, l'espressione di Pecco alle interviste di rito non era quella di una persona troppo soddisfatta: "E' vero, però è sbagliato, perché non posso sentirmi così. Dopo la stagione dell'anno scorso, un risultato del genere può solo che rendermi orgoglioso del lavoro che abbiamo fatto".

 

"Anche il mio preparatore, essendo duro con me in certe situazioni, mi ha aiutato a crescere. Anche se adesso è un po' presto per dirlo, vedremo quando ci sarà una situazione più complicata. Però già oggi avrei potuto mollare un po' il ritmo, invece ci ho provato fino alla fine. Questo è un qualcosa che è cambiato in me rispetto all'anno scorso e spero che continui così".

Visti il degrado accusato oggi, gli è stato quindi domandato se magari la settimana prossima, quando si correrà sempre in Qatar, non proverà a gestire un po' di più: "Io ho paura che se ti metti a gestire ancora di più, finisci in mezzo al casino e per passare devi usare molto la gomma dietro, ritrovandoti di nuovo nella stessa situazione".

"Penso che questo passo fosse giusto se le condizioni fossero state come ieri. Invece oggi nel Warm-Up ho fatto molta fatica, ma abbiamo deciso di non toccare la moto e penso che comunque sia stata la scelta giusta. In gara però ho faticato, perché scendere sotto all'1'56" era molto difficile verso la fine della gara", ha concluso.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
1/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pole sitter Francesco Bagnaia, Ducati Team

Pole sitter Francesco Bagnaia, Ducati Team
2/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pole sitter Francesco Bagnaia, Ducati Team

Pole sitter Francesco Bagnaia, Ducati Team
3/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
4/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
5/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
6/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
7/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
8/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
9/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
10/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
11/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
12/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
13/18

Foto di: Ducati Corse

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
14/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Partenza, Francesco Bagnaia, Ducati Team in testa

Partenza, Francesco Bagnaia, Ducati Team in testa
15/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
16/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team in testa

Francesco Bagnaia, Ducati Team in testa
17/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team in testa

Francesco Bagnaia, Ducati Team in testa
18/18

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: “Più contento dei sorpassi su Ducati che della vittoria”

Articolo precedente

Vinales: “Più contento dei sorpassi su Ducati che della vittoria”

Prossimo Articolo

Rossi: "Stresso troppo la gomma posteriore"

Rossi: "Stresso troppo la gomma posteriore"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Qatar
Sotto-evento Gara
Location Losail International Circuit
Piloti Francesco Bagnaia
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021