Vettel subito tartassato: "Sono carico, non penso al futuro"

Il tedesco ha bisogna di una corazza per proteggersi da chi già alla presentazione della nuova Ferrari lo ha messo sotto pressione sul contratto. In difesa del suo pilota è intervenuto Binotto chiarendo: “Sebastian al momento è la nostra prima scelta”. Ma il ferrarista ha capito cosa la aspetta.

Vettel subito tartassato: "Sono carico, non penso al futuro"

La prima conferenza stampa del 2020, che ha visto sul palco del teatro Valli di Reggio Emilia Mattia Binotto, Sebastian Vettel e Charles Leclerc, ha messo in chiaro quale sarà il tormentone che terrà banco per i prossimi mesi, almeno fino a quando la pista non saprà offrire argomenti più appassionanti: il futuro di Sebastian Vettel. Non tanto tra i media italiani, a dire il vero, ma senza ombra di dubbio l’argomento sembra appassionare molto i britannici, che vedono Hamilton come una possibile soluzione per la Ferrari 2021.

Vettel dovrà dotarsi di una notevole dose di pazienza, perché dalla prima domanda che gli è stata ufficialmente rivolta nel 2020 ha capito quale sarà la tendenza. Anzi, l’antipasto era arrivato con la prima domanda rivolta a Binotto in merito ad un possibile interessamento della Ferrari a Hamilton in chiave 2021. Risposta secca: “Sebastian al momento è la nostra prima scelta”.

Atto secondo, parola a Seb: come ti senti in questa situazione? “Come ha detto Mattia è importante iniziare a vivere quello che ci aspetta, ovvero iniziare a lavorare con la macchina che si trova alle nostre spalle. Non mi sento vecchio, avete citato Lewis che è più ‘vecchio’ di me….”.

 

La conferenza è proseguita sul questo leitmotiv, e a Vettel è stato chiesto se rispetto a dodici mesi fa si sente ridimensionato, e quale é il suo feeling in merito alla stagione che si appresta ad iniziare.

“Non ricordo come mi sono sentivo 12 mesi fa – ha risposto Seb - so che di sicuro ora mi sento molto carico, ogni volta che vedi la macchina prendere forma è sempre molto appassionante, trascorri il tempo a parlare con gli ingegneri in merito alle idee e ai concetti. Come ho detto non ricordo esattamente come mi sono sentito l'anno scorso, ma penso che ma siamo fiduciosi e cauti".

"L'anno scorso penso che avevamo avuto subito un buon feeling, un ottimo primo giorno, un'ottima prima settimana di test, ma poi è stato abbastanza duro arrivare in Australia, e scoprire che non eravamo dove credevamo di essere. Penso che indipendentemente da ciò che accadrà nelle prossime due settimane, rimarremo cauti in vista dell’Australia”.

Poi Seb, ulteriormente sollecitato, ha spiegato che non è la prima volta che si appresta ad iniziare una stagione senza un contratto per l’anno successivo.

Leggi anche:

“Tre anni fa non avevo un contratto fino al mese di agosto – ha chiarito – quindi teoricamente potevo ritrovarmi fuori dal team a meno di sei mesi dalla fine sel Mondiale. Come ho già detto, arriverà il momento in cui affronteremo il discorso in merito al futuro e penso che avremo abbastanza tempo per farlo. Quindi non mi metterò alcun ulteriore stress o pressione a causa di questa situazione. Mi sento bene, sono fiducioso, penso che l'anno scorso sia stato un buon anno per me nell’aver imparato molte cose che mi aiuteranno a far meglio. Non sono stressato, ma certamente sono ambizioso di dimostrarlo a me stesso”.

Ci vorrà una corazza, intorno a Vettel, per permettergli di lavorare nella serenità necessaria per far bene. Un’armatura quanto mai necessaria, perché Seb non è impermeabile come sembra alla pressione esterna e già nella prima serata dell’anno ha dovuto toccare con mano il clima (esterno al team) che si respira intorno alla sua figura.

La risposta, prima ancora di conoscere il suo futuro, potrebbe arrivare dalla pista, e sarebbe un toccasana dal grande peso specifico, per se, per la Ferrari, per il suo futuro da corsa.

Sebastian Vettel, Ferrari, Charles Leclerc, Ferrari, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari, Charles Leclerc, Ferrari, Ferrari SF1000
1/10

Foto di: Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
2/10

Foto di: Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
3/10

Foto di: Motorsport.com

Sebastian Vettel, Charles Leclerc, Marc Gene, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Sebastian Vettel, Charles Leclerc, Marc Gene, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
4/10

Foto di: Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari, al GP del Belgio del 2019
Sebastian Vettel, Ferrari, al GP del Belgio del 2019
5/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, dopo le Qualifiche
Sebastian Vettel, Ferrari, dopo le Qualifiche
6/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
7/10

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
8/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
9/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il casco di Sebastian Vettel, Ferrari
Il casco di Sebastian Vettel, Ferrari
10/10

Foto di: JMD Jens Munser Designs

condivisioni
commenti
GP della Cina: domani sarà ufficiale l'annullamento
Articolo precedente

GP della Cina: domani sarà ufficiale l'annullamento

Prossimo Articolo

Binotto: "Ferrari non è il team da battere, ma siamo ambiziosi"

Binotto: "Ferrari non è il team da battere, ma siamo ambiziosi"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Max andava preso per il collo. Lewis un pro" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max andava preso per il collo. Lewis un pro"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021