Ferrari: Leclerc ha saputo giocare il jolly di un pit stop

Leclerc riesce a estrarre il massimo dalla Ferrari SF1000 sfruttando una strategia di gara che gli ha permesso di concludere il GP 70° anniversario al quarto posto. Vettel, invece, continua a deludere restando fuori dalla zona punti, immerso in una crisi che va oltre le semplici ragioni tecniche. La Ferrari ottimizza al massimo il potenziale a disposizione e azzecca una strategia azzardata con una sola sosta per il cambio gomme.

Ferrari: Leclerc ha saputo giocare il jolly di un pit stop

“Yes Yes Yes”. Tagliato il traguardo Charles Leclerc ha festeggiato il quarto posto di Silverstone come una vittoria. Alla vigilia della corsa il monegasco non sperava certo di arrivare ai piedi del podio, e lo stupore per il risultato ci sta tutto, come ci sta la sorpresa di Leclerc quando nel giro di rientro ha chiesto via-radio al suo ingegnere i primi dieci classificati. Xavi Marcos ha risposto scorrendo la top-10, e Charles ha replicato: “Ma dov’è Seb?”.

C’è una Ferrari a due velocità, quella di Leclerc che in un anno difficile prova a giocare tutti i jolly possibili (oggi a Silverstone è stata la sosta singola) e quella di Vettel, che sembra afflitta da un male oscuro che ha reso irriconoscibile il quattro volte campione del Mondo.

Al netto del macroscopico errore commesso nel Gran Premio della Stiria, il percorso di Leclerc è quello di un fuoriclasse che garantisce un valore aggiunto che mai come in questo momento è vitale per la Ferrari. Non c’è solo Leclerc, perché anche il race-team sta lavorando egregiamente con il materiale a disposizione, ma Charles è la parte più evidente di un gruppo di ‘racers’ che sta cercando di aggrapparsi a tutto.

“Il piazzamento di oggi per noi vale come una vittoria – ha commentato Leclerc - anche se non è consueto sbilanciarsi in questo modo per un quarto posto. Eppure se mi avessero detto questa mattina che avrei chiuso così scattando dall’ottava posizione in griglia avrei firmato immediatamente”.

Sono giornate che servono, che stemperano (anche solo per poco) la tensione di una squadra sotto pressione, perché quando ti chiami Ferrari sei ‘condannato’ a lottare per la vittoria, a prescindere da tutto.

“A livello di strategia la squadra aveva qualche perplessità sul fare una sola sosta – ha confermato Charles - anche considerando come erano ridotte alcune gomme nella gara della settimana scorsa. Ma a volte, da pilota, riesci a percepire dalla vettura alcune sensazioni che non si vedono nemmeno sui dati che compaiono sui monitor".

"Per questo ho insistito per fare una sosta sola, ero convinto che saremmo riusciti a farcela. In tempi duri come questi dobbiamo essere in grado di cogliere ogni opportunità che ci si presenta e oggi ci siamo sicuramente riusciti. Sono molto contento del risultato odierno”.

Il successo è ancora lontano, anche con un super-Leclerc e con un gruppo di lavoro che sta facendo il massimo durante i weekend di gara, ma oggi l’importante è tenere botta in attesa di tempi migliori.

Nonostante la Stiria, Leclerc è quarto nel Mondiale, con 45 punti contro i 10 di Vettel, e sono numeri che fotografano perfettamente la situazione.

Il ‘caso’ Vettel è destinato a tenere banco, fermo restando che probabilmente basterebbe un risultato positivo per stemperare il tutto, ma il risultato deve arrivare. Il Vettel attuale sembra frenato da un problema importante, che può essere tecnico (ma il team lo esclude categoricamente) o una situazione di disagio che si riflette in ciò che vediamo in pista.

Dopo la corsa Seb ha espresso dei dubbi sul pit-stop chiamato dal team quando Leclerc è arrivato alle sue spalle, spostando la sua strategia su due soste. Una polemica inutile che non fa bene a nessuno.
“Non abbiamo sacrificato Seb – ha chiarito Binotto – nella posizione in cui si trovava non sarebbe cambiato nulla anticipando o ritardando la sosta di qualche giro, ma in ogni caso non c’è stato alcun sacrificio nei confronti di Seb per favorire Charles. Abbiamo sempre detto che massimizzare i punti della squadra è la prima priorità, ed è quello che abbiamo cercato di fare”.

“Il risultato di Sebastian è stato condizionato dall’episodio del primo giro – ha concluso Binotto - dovremo far di tutto per mettere anche lui nella miglior situazione possibile per sfruttare al meglio il suo talento e il potenziale della vettura”. Una mano tesa al tedesco in un momento difficile, forse il più difficile in assoluto della sua lunga carriera.

condivisioni
commenti
Verstappen: "W11 in crisi di gomme, dovevo provarci per forza"
Articolo precedente

Verstappen: "W11 in crisi di gomme, dovevo provarci per forza"

Prossimo Articolo

Racing Point: un'altra reprimenda dai commissari sportivi

Racing Point: un'altra reprimenda dai commissari sportivi
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021