Verstappen: "W11 in crisi di gomme, dovevo provarci per forza"

Nona vittoria in carriera in F1 per l'olandese, che ha condotto una gara magistrale sfruttando anche le difficoltà di gomme delle Mercedes dovute a un degrado molto alto.

Verstappen: "W11 in crisi di gomme, dovevo provarci per forza"

Un'opportunità inaspettata si è tramutata in una delle vittorie più belle ottenute sino a ora da Max Verstappen nel corso della sua carriera in Formula 1. L'olandese, forte di una RB16 delicata come la seta sulle gomme Pirelli di un grado più morbide rispetto al weekend passato, è stato magistrale nella lettura di gara.

ha messo pressione alle Mercedes nel momento opportuno. Inizialmente sembrava solo un capriccio di chi vuole lottare con i più forti anche solo per qualche giro, invece Max e il suo team avevano iniziato a capire che l'impresa sarebbe stata possibile. Il resto l'ha fatto Verstappen con una gara impeccabile, guidato anche dal muretto di Milton Keynes che l'ha seguito passo dopo passo anche nella gestione degli pneumatici.

"Non mi aspettavo assolutamente di poter vincere questa gara, ma dopo il primo stint sembrava che la RB16 fosse molto delicata e gentile sulle gomme"; ha detto un raggiante Verstappen a fine gara. "Poi dovevamo anche capire come sarebbero andate le Mercedes con le gomme Hard".

"Avevamo tanto passo, non ho avuto alcun problema alle gomme. Ho potuto continuare a spingere e a ottenere questo risultato incredibile. E' stata una grande giornata, anche la strategia ha funzionato bene, è stata giusta e tutto è filato liscio".

"Non abbiamo avuto mai opportunità di lottare con le Mercedes, mentre oggi l'avevamo e ho fatto di tutto per provarci. Sono andato ai box a un certo punto per poi cercare di imporre il mio passo e costruirmi il vantaggio che ho portato fino alla fine".

Max ha raccontato il momento in cui ha iniziato a capire che l'impresa poteva essere possibile. La crisi di gomme delle Mercedes lo ha spinto a mettere pressione alle Frecce Nere e questo ha dato il via a una gara che ha portato a un risultato che, sino al via, sembrava irrealizzabile.

"A un certo punto avevo davanti le Mercedes e io stavo già gestendo le mie gomme, mentre le loro erano andate. Ho potuto rendermene conto. Ma da un certo punto di vista mi aspettavo una cosa simile, perché con le macchine piene di carburante a volte può succedere".

"Non avendo mai avuto l'opportunità di essere con loro, ho deciso di metter loro pressione e ci ho provato. Ho avuto un brivido quando sono stato vicino a Lewis in curva 13, perché è davvero difficile cercare di avvicinarsi alla monoposto che ti precede senza perdere aderenza, anche se le tue gomme sono messe meglio di quelle che monta chi ti precede".

"A un certo punto, le Mercedes sono state costrette ad andare ai box. Avevano le gomme finite. A quel punto è iniziata la mia gara. Io odio essere conservativo se la macchina va forte. A volte andare forte può essere un suicidio, perché puoi distruggere le tue gomme, ma non penso fosse il nostro caso, oggi".

condivisioni
commenti
Mercedes: la chiamata sbagliata nel rispetto degli accordi
Articolo precedente

Mercedes: la chiamata sbagliata nel rispetto degli accordi

Prossimo Articolo

Ferrari: Leclerc ha saputo giocare il jolly di un pit stop

Ferrari: Leclerc ha saputo giocare il jolly di un pit stop
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021