Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie

F1 | Vettel e la maglietta ‘Invitation’: ecco cosa significa

Sebastian Vettel ha spiegato la storia che si cela dietro l'esclusiva maglietta "Invitation" che ha indossato per la sua ultima gara di Formula 1 ad Abu Dhabi lo scorso fine settimana.

Sebastian Vettel, Aston Martin, arriva nel paddock

Il tedesco si è ritirato dopo l'evento di Yas Marina avendo deciso di voler trascorrere più tempo a casa con la sua famiglia, in concomitanza anche con il suo impegno per la difesa dell'ambiente, che negli ultimi anni ha contribuito a far conoscere meglio le problematiche sociali e climatiche.

Quando è entrato nel paddock della F1 per l'ultima volta come pilota ad Abu Dhabi, Vettel ha sfoggiato una maglietta nera con un'immagine del mondo e sopra la scritta "Invitation".

Il disegno ha suscitato molte domande sul significato dell'indumento, che il quattro volte campione ha poi chiarito parlando ai fan sui social media, spiegando che il disegno si basava sul desiderio di invitare le persone a contribuire all'impatto del cambiamento climatico.

"Si tratta di un invito a vedere il potere e l'influenza che possiamo avere su molte persone", ha spiegato in un video su Instagram.

Vettel ha rivelato che la sua presa di coscienza di questioni più ampie è stata innescata dall'arrivo delle sue figlie e, poco dopo, dalla morte del suocero.

"Devo ammettere che quando ero giovane, quando avevo 20/25 anni, non ho mai fatto caso che c'era già un grosso problema, perché non mi riguardava. La vita dell'epoca era basata sul fatto che ero interessato alle corse, al successo. Poi sono successe un paio di cose".

"Ho scelto, insieme a mia moglie, di diventare padre. A 26 anni è nata la nostra prima figlia; l'anno dopo è arrivata la seconda. E in quello seguente a mio suocero è stato diagnosticato un cancro ed è morto dopo 18 mesi".

"Quindi, allo stesso tempo, mi sono trovato ad affrontare il futuro: vedere i miei figli, tenerli tra le braccia per la prima volta, ma allo stesso tempo di fronte alla morte, alla fine della vita. Mi ha fatto riflettere sulla mia, sul futuro che ci attende e sul mondo in cui viviamo".

Sebastian Vettel, Aston Martin, is joined on a run around the circuit by team members and well wishers as part of his farewell at his final Grand Prix

Sebastian Vettel, Aston Martin, is joined on a run around the circuit by team members and well wishers as part of his farewell at his final Grand Prix

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Vettel ha detto che, facendo un passo indietro e comprendendo l'opportunità che aveva di contribuire a influenzare il cambiamento, ha deciso di agire.

"Ho pensato: 'Come posso usare la voce che ho per cercare di affrontare cose davvero importanti per tutti noi, guardando al nostro mondo e al nostro clima?' Penso che il mondo stia cambiando rapidamente. E richiede che tutti noi consideriamo ciò che possiamo fare. Così ho iniziato a riflettere sulle cose che posso fare io per essere meno parte del problema e magari, qua e là, essere contribuire alla soluzione, ovviamente guardando ai grandi guadagni".

"Come mi muovo da una gara all'altra? Per motivi di tempo e di comodità, ovviamente, si ricade in questa situazione, viaggiando con jet privati in tutto il mondo e così via. Ho smesso completamente di farlo. E ho iniziato a sentirmi bene".

"Ho iniziato a interrogarmi sulla mia alimentazione: cosa mangio? Da dove viene il cibo? Ho iniziato a pensare: da dove prendo la mia energia? Come consumo? Quali vestiti compro? Ci sono davvero molte cose".

Vettel ha detto di essersi preso la responsabilità di cercare di coinvolgere altri piloti e di incoraggiare il pubblico a cambiare.

"Ho cercato di parlare anche agli altri piloti per sottolineare che siamo in una posizione unica per avere un impatto sul clima del nostro pianeta. Siamo con le spalle al muro, è ora di cambiare, è ora di riconsiderare le nostre azioni. Dobbiamo ovviamente pensare alle generazioni future".

"Non possiamo più permetterci di guardare altrove. Dobbiamo attuare alcuni cambiamenti nelle nostre vite e nelle vite di tutti e porci domande, ed è per questo che l'ho formulato come un invito. Cosa possiamo fare noi? Cosa potete fare voi? Si inizia con cose molto piccole".

"Noi, come piloti, abbiamo una posizione enorme per ispirare le persone, per avere un impatto su di esse. Ma credo che le azioni quotidiane siano importanti, sia che si scelga di raccogliere un pezzo di plastica, una bottiglietta che si vede quando si va a fare una passeggiata. Qualunque cosa sia, le piccole cose fanno la differenza. Ed è proprio questa l'idea alla base della maglietta, l'invito a far capire alle persone che ogni piccola cosa è importante".

"Questo vale anche per gli altri piloti, abbiamo una responsabilità comune verso il domani, per sperare di rendere questo mondo un posto migliore e proteggere il nostro futuro".

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Pirelli 2023: obiettivo ridurre il sottosterzo. Arriva la C0
Prossimo Articolo F1 | A Piero Ferrari le chiavi di Fiorano, 40 anni dopo il Drake

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia