Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Prove Libere 1 in
16 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
60 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
74 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
78 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
95 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
109 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
137 giorni
05 set
Gara in
144 giorni
12 set
Gara in
151 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
165 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
169 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
179 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
193 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
200 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
242 giorni

F1, Eifel, Qualifiche: Bottas in pole, Leclerc quarto!

Bottas conquista la 14esima pole della carriera al Nurburgring e precede di due decimi il suo compagno Hamilton: la Mercedes monopolizza la prima fila. Terzo c'è Verstappen con la Red Bull davanti alla sorprendente Ferrari di Leclerc che si arrampica in seconda fila, mentre delude Vettel che è solo 11esimo.

F1, Eifel, Qualifiche: Bottas in pole, Leclerc quarto!

Valtteri Bottas non china il capo al suo capitano e regala alla Mercedes l'11esima pole stagionale nella qualifica del GP dell'Eifel. Il finlandese ha siglato il nuovo record della pista in 1'25"269 con le gomme Soft: il "boscaiolo" ha centrato nell'ultimo run un giro perfetto sfruttando il DAS per la prima volta anche nel giro lanciato con la chiara intenzione di mantenere le gomme anteriori in temperatura nonostante il freddo (c'erano 19 gradi sull'asfalto).

Bottas ha sorpreso Lewis Hamilton che si è dovuto accontentare della seconda posizione con un distacco di 256 millesimi dal compagno di squadra. Il campione del mondo è stato insidiato molto da vicino dalla Red Bull di Max Verstappen che è arrivato ad appena 37 millesimi di secondo dalla freccia nera.

Valtteri festeggia la sua 14esima partenza al palo della carriera che è anche la terza della stagione 2020: la Casa della Stella aggiunge un altro tassello alla costruzione del record a cui ambisce, segnare con la W11 tutti i via nella posizione al palo per fare meglio della McLaren nel 1988.

Verstappen ha espresso il suo meglio sulla RB16: Max domani potrebbe essere una spina nel fianco delle frecce nere se riuscirà a fare un buono start. La Red Bull nel giro secco è arrivata ad appena 293 millesimi dalla vetta, segno che la monoposto di Milton Keynes sta spingendo al massimo lo sviluppo della vettura disegnata da Adrian Newey.

Ma la sorpresa di giornata è certamente la Ferrari che arpiona una seconda fila insperata con Charles Leclerc. Il monegasco ha tirato fuori una zampata nell'ultimo run che gli ha permesso di avere ragione di Alexander Albon per 12 millesimi di secondo. Il ragazzo del Cavallino non ha commesso alcuna sbavatura, riuscendo a sfruttare una Rossa con le novità aerodinamiche nei barge board.

La SF1000 sembra aver fatto un importante salto di qualità magari avendo trovato la messa a punto della sospensione posteriore idraulica che per la prima volta sembra aver funzionato a dovere. La Ferrari torna a essere terza forza, anche se il distacco dalla vetta resta di sette decimi.

Alexander Albon è quarto, ma come al solito, l'anglo-thailandese lascia il solito mezzo secondo al compagno di squadra: la posizione sulla griglia è onorevole, il distacco no.

Daniel Ricciardo è sesto con la Renault: l'australiano ha preceduto Esteban Ocon mostrando quello che è il limite della macchina. Lando Norris è ottavo con la McLaren, mentre Carlos Sainz è decimo.Lo spagnolo è deluso perché le novità aerodinamiche che aveva a disposizione non hanno funzionato come si stesse aspettando.

Fra i due c'è Sergio Perez con la Racing Point: il messicano in Q3 ha deciso di fare un solo run, preferendo usare l'unico treno di gomme Soft nuovo rimasto, mentre i due piloti McLaren hanno preferito preparare l'ultimo tentativo con uno svolto con pneumatici usati.

Il team di Silverstone non eccelle nelle strategie e l'ha dimsotrato ancora una volta.

Prosegue il momento difficile di Sebastian Vettel che ancora una volta non entra in Q3 dopo aver pagato mezzo secondo dal compagno di squadra in Q2: il tedesco non è riucito a chiudere un giro pulito visto che il suo miglioramento nel passaggio dalle gomme Medie alle Soft non è stato pari alle attese.

Dietro alla Rossa ci sono le due AlphaTauri con Pierre Gasly 12esimo davanti a Daniil Kvyat con un distacco che non arriva a un decimo. Molto positiva la prestazione di Antonio Giovinazzi che ha portato l'Alfa Romeo a un'inattesa 14esima posizione: l'italiano ha dato un saggio delle sue qualità per meritare il rinnovo del contratto con la squadra di Hinwil.

Il pugliese ha messo la C39 davanti alle due Haas: Kevin Magnussen, con la VF-20 che non è mai stata aggiornata da inizio stagione, ha già fatto un miracolo a meritarsi l'ultima piazza della Q2, mentre non è uscito dalla Q1 Romain Grosjean.

Il francese è 16esimo per 20 millesimi di secondo, altrimenti avrebbe passato la tagliola con un giro molto buono, dato che si è visto annullare la tornata più veloce per aver ecceduto alla curva 4: un piccolo errore che è costato molto caro.

Dietro al transalpino c'è George Russell con la Williams: l'inglese ha preceduto il compagno Nicholas Latifi di tre decimi. Il canadese si sta avvicinando nelle prestazioni del giovane britannico che è considerato una grande promessa del futuro. Non ha impressionato Kimi Raikkonen solo 19esimo con l'Alfa Romeo C39: questa volta Iceman ha pagato un distacco da Giovinazzi di tre decimi.

Ultimo, ma non poteva essere diversamente, Nico Hulkenberg: il tedesco è stato chiamato a sostituire Lance Stroll che non sta bene (c'è il dubbio COVID-19). Nico è arrivato in autodromo all'ora di prenza e ha fatto in tempo a infilarsi nell'abitacolo del canadese per lanciarsi nella qualifica su un circuito che la F1 non toccava dal 2013. Nico ha cercato di prendere confidenza con la RP20 che già conosceva, visto che aveva preso il posto di Sergio Perez nelle due gare a Silverstone, quando il messicano era stato colpito dal virus.

Hulkenberg ha cercato di evitare i guai e si è accontentato di essere in coda al gruppo, ma domani lo vedremo sicuramente rimontare su un tracciato che conosce bene...

Cla Pilota Tempo Gap km/h
1 Finland Valtteri Bottas 1'25.269   217.345
2 United Kingdom Lewis Hamilton 1'25.525 0.256 216.694
3 Netherlands Max Verstappen 1'25.562 0.293 216.600
4 Monaco Charles Leclerc 1'26.035 0.766 215.410
5 Thailand Alexander Albon 1'26.047 0.778 215.379
6 Australia Daniel Ricciardo 1'26.223 0.954 214.940
7 France Esteban Ocon 1'26.242 0.973 214.892
8 United Kingdom Lando Norris 1'26.458 1.189 214.356
9 Mexico Sergio Perez 1'26.704 1.435 213.747
10 Spain Carlos Sainz Jr. 1'26.709 1.440 213.735
11 Germany Sebastian Vettel 1'26.738 1.469 213.664
12 France Pierre Gasly 1'26.776 1.507 213.570
13 Russian Federation Daniil Kvyat 1'26.848 1.579 213.393
14 Italy Antonio Giovinazzi 1'26.936 1.667 213.177
15 Denmark Kevin Magnussen 1'27.125 1.856 212.715
16 France Romain Grosjean 1'27.552 2.283 211.677
17 United Kingdom George Russell 1'27.564 2.295 211.648
18 Canada Nicholas Latifi 1'27.812 2.543 211.050
19 Finland Kimi Raikkonen 1'27.817 2.548 211.038
20 Germany Nico Hulkenberg 1'28.021 2.752 210.549
condivisioni
commenti
Terzo motore per Vettel, le due Mercedes e Albon

Articolo precedente

Terzo motore per Vettel, le due Mercedes e Albon

Prossimo Articolo

Vettel: "Con questa Ferrari non posso fare di più"

Vettel: "Con questa Ferrari non posso fare di più"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP dell'Eifel
Location Nürburgring
Team Ferrari , Red Bull Racing , Mercedes
Autore Franco Nugnes
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.2) - It's a long way to the top

Dodicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la seconda di 3 puntate sull'asturiano. Buon ascolto!

Formula 1
12 apr 2021
F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Formula 1
12 apr 2021
Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

Formula 1
11 apr 2021
F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021