Tarquini: "In Argentina non si è visto il reale potenziale LADA"

Nonostante un weekend molto deludente a Termas de Río Hondo, Gabriele Tarquini resta convinto che la sua LADA Vesta TC1 sia una vettura competitiva. Catsburg guarda avanti, delusione per Valente.

Voltare pagina e guardare avanti senza prendere in considerazione quanto ottenuto in Argentina.

Questo è ciò che Gabriele Tarquini si è ripromesso di fare appena lasciato l'autodromo di Termas de Río Hondo, dove le LADA Vesta TC1 hanno sofferto e mostrato passi indietro rispetto alle ultime gare del WTCC.

In Sud America, oltretutto, il "Cinghiale" ha praticamente visto sfumare la possibilità di classificarsi in una buona posizione in Qualifica, visto che sulla sua vettura è andato K.O. il motore nelle Libere 2 e i meccanici lo hanno dovuto sostituire a tempo di record per la sessione successiva, senza poter proseguire il lavoro sul set-up.

Per questo Tarquini afferma che la sua LADA è una macchina più competitiva di quanto visto in sudamerica ed è meglio pensare ai prossimi eventi.

"I risultati ottenuti in Argentina non rispecchiano il nostro reale valore, a mio parere - dice l'abruzzese - Le qualifiche sono andate male e partendo dal fondo della griglia è sempre durissima recuperare. Penso che il nostro passo fosse almeno da Top10. Anche se non abbiamo potuto lottare per il podio credo che siamo molto migliori di quanto visto in questo weekend".

Anche Nicky Catsburg torna a casa a mani vuote, ma l'olandese guarda avanti forte della sua crescita in un anno di WTCC.

"Personalmente mi ritengo soddisfatto perché ritengo che stia migliorando come pilota - ha detto l'olandese, che è passato al WTCC a metà del 2015 - Le partenze sono ottime e siamo riusciti a far crescere la vettura durante le gare. Penso che se nella Main Race almeno quinto avrei mantenuto quella posizione perché il ritmo c'era. Non vedo l'ora di essere in Giappone per recuperare ciò che abbiamo perso in questo weekend".

Ancor peggio è andata ad Hugo Valente, costretto ad un doppio ritiro nelle due gare di domenica.

"E' stato un weekend frustrante, l'unica consolazione è che sono stato il più rapido dei piloti LADA in qualifica. Nella Opening Race ho combattuto con Nicky Catsburg, ma al quinto giro ho perso potenza e sono dovuto rientrare ai box. Nella Main Race speravo di fare meglio, ma c'è stata una foratura dovuta probabilmente ad un contatto e questo mi ha costretto nuovamente al ritiro".

“Dobbiamo analizzare il weekend in ogni dettaglio per capire cosa non ha funzionato – ha aggiunto il Team Principal dei russi Victor Shapovalov – E’ difficile dire quale è stata la causa, se una o più cose. Sicuramente il tipo di pista e la zavorra hanno influito molto sul nostro rendimento e ritmo. In questo evento non ci sono stati fatti positivi, per cui dobbiamo ripartire e guardare avanti”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WTCC
Evento Termas de Rio Hondo
Circuito Autodromo Termas de Rio Hondo
Piloti Gabriele Tarquini , Nicky Catsburg , Hugo Valente
Team Lada Sport
Articolo di tipo Intervista