Morbidelli: "Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Marquez e Rossi"

Franco Morbidelli, il principale candidato ad ereditare la Yamaha che Maverick Viñales lascerà libera nel team ufficiale nel 2022, ammette che ammira Valentino Rossi e Marc Márquez per i loro successi, ma in nessun modo li invidia per la loro popolarità.

Morbidelli: "Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Marquez e Rossi"

Morbidelli è uno dei piloti più riflessivi del campionato, un'impressione che può essere confermata in ogni sua apparizione di fronte ai giornalisti.

L'italiano ha vissuto da lontano la vicenda tra Viñales e Yamaha durante l'ultimo Gran Premio di Assen, dove lo spagnolo e la Yamaha hanno formalizzato il loro divorzio per la prossima stagione, un anno prima della data prevista nel contratto che hanno firmato all'inizio del 2020.

Il vice-campione del mondo in carica si sta riprendendo a casa dall'operazione che ha subito al ginocchio sinistro, che è stato gravemente contuso per qualche tempo e che ha infortunato definitivamente meno di una settimana fa durante un allenamento.

È stato sostituito domenica scorsa ad Assen da Garrett Gerloff, che viene anche indicato come un possibile sostituto per il Sepang Racing Team (Petronas SRT) se Franco dovesse essere chiamato dal team ufficiale Yamaha nel 2022.

I chirurghi che lo hanno operato al menisco e al legamento crociato anteriore non hanno dato una tempistica precisa, almeno non pubblicamente, ma sembra improbabile che il pilota romano possa correre in Austria per il primo Gran Premio dopo la pausa, previsto per l'8 agosto.

Morbidelli ha già firmato un'estensione del suo accordo con SRT per il 2022. Tuttavia, il suo contratto contiene una clausola che stabilisce che, se riceve un'offerta da una squadra ufficiale, ha il potere di romperlo.

Leggi anche:

In questa fase della stagione e se prendiamo in considerazione le pochi alternative offerte dal mercato, la mossa più logica sarebbe proprio questa. Nel caso di una soluzione di questo tipo, Morbidelli tornerebbe nel box con Fabio Quartararo, già suo compagno di squadra nel 2019 e 2020.

Nel caso del #21, le sue prestazioni nel 2021 non assomigliano minimamente a quelle dell'anno scorso, in cui, alla fine dell'anno, era considerato da molti il pilota più in forma di tutti.

A questo punto della stagione, Morbido era quinto in classifica generale, con una vittoria (Misano) e due podi, oltre a quello che gli è sfuggito a Jerez quando si è rotto il motore della sua M1. Attualmente è 13° in classifica, con un solo podio (terzo a Jerez) e quattro zero, oltre a quello legato alla sua assenza in Olanda.

Nonostante i suoi scarsi risultati, dovuti anche ad una moto ormai vecchia di due anni, Morbidelli rimane fedele alla sua filosofia di non essere ossessionato dala vittoria, piuttosto a tutto ciò che è in suo potere sulla strada per ottenerla.

"Vincere è un riflesso del lavoro che hai fatto prima di arrivare lì; è un riflesso della persona e dello sportivo che sei. Raramente mi concentro sulla vittoria, perché è l'ultimo passo, quello che viene da solo. Mi concentro sui piccoli passi prima di quell'ultimo passo. Per essere un pilota migliore e una persona migliore. E poi, se tutto funziona, arriva la vittoria", ha detto in una conversazione con Motorsport.com.

Morbidelli non nasconde il fatto che sente una sorta di sana invidia quando guarda indietro a tutti i trionfi sportivi che sono stati raggiunti da stelle come Rossi, Marquez e Mick Doohan, per citare solo tre dei più grandi. Tuttavia, non vuole sentire parlare della pressione che affrontano quando lasciano il paddock.

"Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Valentino, Marquez o Doohan. Vorrei vivere la mia vita. Sono molto concentrato sulla mia vita. Mi ispiro quando vedo grandi sportivi come Marc o Vale, in quelle aree dove hanno avuto successo e io non ancora", ha detto Morbidelli.

condivisioni
commenti
Ezpeleta: "Il caso di Rossi molto diverso da quello di Lorenzo in Honda"

Articolo precedente

Ezpeleta: "Il caso di Rossi molto diverso da quello di Lorenzo in Honda"

Prossimo Articolo

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021