MotoGP, Jerez, Libere 2: bella zampata di Morbidelli

Tempi alti rispetto alla mattina con le Yamaha Petronas che fanno doppietta, ma le M1 sembrano in difficoltà sul passo. Cadono i due Marquez, stupiscono le KTM.

MotoGP, Jerez, Libere 2: bella zampata di Morbidelli

La temperatura si è fatta veramente infernale a Jerez de la Frontera e, come era ampiamente ipotizzabile, i tempi della mattinata non sono stati avvicinabili per i piloti della MotoGP, con il solo Fabio Quartararo che in FP2 è stato più veloce che nella FP2, ma senza riuscire ad inserirsi nella top 10 cumulativa che varrebbe la Q2 diretta.

Nella FP2 si sono issate davanti a tutti le due Yamaha Petronas, con Franco Morbidelli che ha messo tutti in fila con un crono di 1'38"125, nonostante nelle prime fasi del turno sia anche incappato in un lungo alla curva 1.

L'italiano ha preceduto di 27 millesimi il compagno di squadra Quartararo, ma la sensazione è che le M1 siano tornate a far abbastanza fatica con le temperature elevate, soprattutto per quanto riguarda il passo gara. Basta vedere che Maverick Vinales non è andato oltre al settimo tempo e che Valentino Rossi si ritrova addirittura 20esimo, staccato di oltre un secondo.

Sembrano essersi trovate particolarmente a loro agio invece le KTM, con Brad Binder capace di issarsi fino alla terza posizione e Pol Espargaro autore del quinto tempo. La miglior prestazione di giornata è rimasta quindi quella segnata in mattinata da Marc Marquez, che in FP2 si è dovuto accontentare però del quarto tempo, rimanendo anche vittima di una scivolata alla curva 2.

Leggi anche:

In generale non è stato un turno facile per i fratelli Marquez, perché anche Alex è finito ruote all'aria, tra l'altro in un punto più veloce come la curva 8. E il campione del mondo della Moto2 sembra particolarmente in difficoltà, come certificato dal suo 21esimo tempo pomeridiano.

A tenere in alto una RC213V ci ha pensato Cal Crutchlow, sesto. Detto poi del settimo tempo di Vinales, a completare il quadro delle prime dieci posizioni c'è un terzetto di Ducati e stupisce che ad aprirlo sia la vecchia GP19 con i colori Avintia affidata a Johann Zarco, seguita da Andrea Dovizioso e Pecco Bagnaia. Va detto comunque che la top 10 è tutta racchiusa in mezzo secondo.

Rispetto alla mattinata c'è stato un bel passo avanti anche di Danilo Petrucci, risalito fino alla 13esima piazza. Sono arretrate invece le due Suzuki, che occupano la 14esima e la 16esima posizione rispettivamente con Alex Rins e Joan Mir, intervallate tra loro dall'Aprilia di Aleix Espargaro, protagonista di un bel salvataggio alla Dry Sac, oggi nota come curva Dani Pedrosa.

Dalla RS-GP forse ci si aspettava qualcosina in più in questo weekend, ma Massimo Rivola ha confermato ai microfoni di Sky che per il momento i tecnici di Noale hanno limitato un pochino il regime di rotazione del motore per questioni di affidabilità.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Italy Franco Morbidelli Yamaha 20 1'38.125     162.270
2 France Fabio Quartararo Yamaha 19 1'38.152 0.027 0.027 162.225
3 South Africa Brad Binder KTM 19 1'38.250 0.125 0.098 162.064
4 Spain Marc Márquez Alenta Honda 20 1'38.369 0.244 0.119 161.868
5 Spain Pol Espargaro KTM 19 1'38.372 0.247 0.003 161.863
6 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 19 1'38.390 0.265 0.018 161.833
7 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'38.596 0.471 0.206 161.495
8 France Johann Zarco Ducati 18 1'38.610 0.485 0.014 161.472
9 Italy Andrea Dovizioso Ducati 19 1'38.614 0.489 0.004 161.465
10 Italy Francesco Bagnaia Ducati 18 1'38.625 0.500 0.011 161.447
11 Japan Takaaki Nakagami Honda 19 1'38.687 0.562 0.062 161.346
12 Spain Iker Lecuona KTM 18 1'38.816 0.691 0.129 161.135
13 Italy Danilo Petrucci Ducati 17 1'38.836 0.711 0.020 161.103
14 Spain Alex Rins Suzuki 21 1'38.845 0.720 0.009 161.088
15 Spain Aleix Espargaro Aprilia 18 1'38.904 0.779 0.059 160.992
16 Spain Joan Mir Suzuki 19 1'38.933 0.808 0.029 160.945
17 Portugal Miguel Oliveira KTM 19 1'39.004 0.879 0.071 160.829
18 Australia Jack Miller Ducati 16 1'39.156 1.031 0.152 160.583
19 Spain Tito Rabat Ducati 20 1'39.181 1.056 0.025 160.542
20 Italy Valentino Rossi Yamaha 18 1'39.222 1.097 0.041 160.476
21 Spain Alex Marquez Honda 19 1'39.604 1.479 0.382 159.861
22 United Kingdom Bradley Smith Aprilia 21 1'39.703 1.578 0.099 159.702
condivisioni
commenti
Ciabatti: "Lorenzo torna in Ducati? E' un'idea nella sua testa"

Articolo precedente

Ciabatti: "Lorenzo torna in Ducati? E' un'idea nella sua testa"

Prossimo Articolo

Dovizioso replica a Ducati: "Mai avuti problemi di motivazioni"

Dovizioso replica a Ducati: "Mai avuti problemi di motivazioni"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021