Dovizioso replica a Ducati: "Mai avuti problemi di motivazioni"

Il forlivese ha replicato al fatto che la Ducati debba valutare le sue motivazioni per il rinnovo, spiegando che quello non è mai stato un suo problema.

Dovizioso replica a Ducati: "Mai avuti problemi di motivazioni"

"Non risponderò al discorso mercato, come ho già chiarito mercoledì. Ci potrebbero essere delle cose da dire, ma non è il momento e non aiuterebbe nessuno. Sono focalizzato sulle prestazioni, come è giusto che sia da pilota, perché questo è il mio lavoro".

Andrea Dovizioso ci ha provato a stare lontano dalle voci di mercato alla conclusione della prima giornata di prove del Gran Premio di Spagna, ma poi si è un po' lasciato andare e in un certo senso ha risposto al direttore sportivo Paolo Ciabatti, che parlando del suo rinnovo con Sky aveva detto: "Dobbiamo vedere quanto è motivato".

Il forlivese infatti ha proseguito spiegando che quella è una cosa che a lui non è mai mancata: "Problemi di motivazioni non ne ho mai avuti nella mia carriera e non ne avrò mai. Questo non credo che sarà mai un mio limite. Uno ha problemi di motivazioni quando si è stufato di una situazione a livello sportivo. Ma io vivo di sport, vivo di corse. Ho addirittura fatto una gara di cross, rompendomi una clavicola, proprio perché ero alla ricerca dell'adrenalina. Non è il mio caso dai...".

Intanto però c'è un weekend da correre a Jerez e per ora non è ancora riuscito a trovare del tutto il feeling che vorrebbe con la sua Desmosedici GP, quindi si vede ancora un gradino più in basso rispetto ad un gruppettino di quattro piloti che hanno qualcosa in più di lui a livello di passo.

"E' ancora difficile da capire, ma lo sarà anche domani, perché i 25 giri in questa condizione sono una situazione estrema. Se uno non è qua, non può capire il caldo che c'è. Jerez con 10-15 gradi in meno di adesso ha sempre fatto una differenza enorme dalla mattina al pomeriggio, che sarà ancora più grande. In più c'è la gomma nuova".

"Al momento, per quello che si è visto oggi, Vinales, Quartararo, Rins e Marquez sono quelli che hanno qualcosina in più a livello di passo. Noi a livello di velocità siamo lì, ma essere veloci è una cosa ed essere costanti è un'altra. Non sono ancora contento da dire che ce la giochiamo, ma abbiamo ancora un giorno per migliorare diversi dettagli".

Leggi anche:

Una delle difficoltà è data dall'arrivo della nuova costruzione della gomma posteriore, perché per il momento il vice-campione del mondo non è riuscito a trovare la chiave per sfruttarne al meglio gli aspetti positivi.

"Quando ci sono dei cambiamenti, possono andare in una direzione come in un'altra. Sono stati fatti dei cambiamenti e questa gomma è stata scelta perché nei test tutti si sono trovati abbastanza bene a livello di tempi, perché offre più grip, quindi si può andare più forte. I dettagli di una gomma però li capisci solo quando inizi a fare un certo tipo di lavoro".

"Semplicemente, questa gomma, come tutte, ha delle caratteristiche che si possono adattare un pochettino meglio ad una moto piuttosto che ad un'altra. Io non voglio dire che non va bene per la nostra moto. Stiamo solo facendo più fatica ad adattarci e a sfruttare il potenziale della gomma, perché è abbastanza diversa: quando cambi una carcassa, l'effetto è molto più grande di una mescola".

"Da fuori, sembra che si possa adattare meglio a quelle moto che scorrono molto. Ma questa è una supposizione, perché anche oggi siamo stati abbastanza veloci. Le gare ci faranno capire meglio tutte le valutazioni che stiamo facendo in questo momento".

Essendo cambiata la gomma, potrebbe essere difficile anche fare un confronto con il passato per capire se sono stati fatti passi avanti sui problemi storici della Rossa, come il turning, ma Andrea sembra abbastanza convinto che il DNA della Desmosedici GP sia rimasto abbastanza intatto.

"Il lavoro fatto non ha modificato tanto il DNA. Si cerca sempre di migliorare tutto e abbiamo fatto dei piccoli cambiamenti. Le gomme condizionano tutto, perché stiamo lavorando su dettagli completamente diversi da quelli su cui abbiamo lavorato negli ultimi anni. Le gomme condizionano tutto e tutti, ma le caratteristiche della moto sono rimaste simili a livello di punti deboli e punti forti".

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
7/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP, Jerez, Libere 2: bella zampata di Morbidelli

Articolo precedente

MotoGP, Jerez, Libere 2: bella zampata di Morbidelli

Prossimo Articolo

Rossi deluso: "Oggi non sono mai stato veloce"

Rossi deluso: "Oggi non sono mai stato veloce"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021