Sainz: "Nel 2017 Sauber farà 2 passi indietro con il V6 Ferrari 2016"

condivisioni
commenti
Sainz:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
12 ott 2016, 14:01

Carlos Sainz Jr commenta l'annuncio del team Sauber, che l'anno prossimo correrà con i motori Ferrari 2016. "In bocca al lupo a loro, sarà difficile. Ma sarà un bene per noi, perché saranno dietro", ha affermato.

Marcus Ericsson, Sauber C35
Kevin Magnussen, Renault Sport F1 Team RS16 precede Felipe Nasr, Sauber C35, che va al bloccaggio in
Felipe Nasr, Sauber C35
Carlos Sainz Jr., Scuderia Toro Rosso
Carlos Sainz Jr., Scuderia Toro Rosso STR11 and Felipe Massa, Williams FW38 battle for position
Carlos Sainz Jr., Scuderia Toro Rosso
Marcus Ericsson, Sauber C35
Felipe Nasr, Sauber C35

Il fine settimana scorso il team Sauber di ha iniziato a porre basi importanti per il prossimo futuro, annunciando con quale motore correrà la prossima stagione di Formula 1 nel corso del weekend che ha ospitato il Gran Premio del Giappone, a Suzuka.

Monisha Kaltenborn ha ufficializzato che il prossimo anno il team elvetico correrà con i V6 ibridi della Ferrari, ma quelli che il team di Maranello sta utilizzando in questa stagione. Le C36 dell'anno prossimo correranno dunque con motori 2016, anche se equipaggiati con l'ultima evoluzione preparata dagli ingegneri Ferrari.

Per la Sauber si prospetta un'altra stagione difficile, perché non potrà usufruire di ulteriori pacchetti evolutivi, concentrandosi solo sulle performance della monoposto dal punto di vista meccanico e aerodinamico.

In questa stagione la Toro Rosso ha compiuto la stessa scelta. Sta correndo con i V6 Ferrari 2015 e sia Carlos Sainz Jr che Daniil Kvyat stanno lottando con la mancanza di aggiornamenti. Una situazione che, nelle ultime gare, ha reso i due piloti non certo contenti della situazione.

"Bene, vorrei augurare alla Sauber in bocca al lupo", ha affermato il giovane madrileno. "Normalmente sono un passo indietro rispetto agli altri e se loro correranno con un motore senza aggionramenti, allora finiranno per essere due passi indietro. Non è facile di sicuro, ma se loro saranno dietro sarà certamente un bene per noi".

Sainz ha poi spiegato che, alla lunga, il deficit di potenza rispetto agli altri propulsori diviene via via sempre più grande ed evidente. La situazione va di pari passo e diventa frustrante: "Sì, devo dire che è davvero frustrante. Ad esempio a Suzuka ho provato ogni cosa possibile per sorpassare. Non potete nemmeno immaginare. Con il DRS, con tutto quello che potevo. E' davvero frustrante perché ti rendi conto di fare molta fatica, ma a oggi è quello di cui possiamo disporre".

Informazioni aggiuntive di Jonathan Noble

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: la SF16-H ha un potenziale nascosto. Ma ha ancora senso cercarlo?

Articolo precedente

Ferrari: la SF16-H ha un potenziale nascosto. Ma ha ancora senso cercarlo?

Prossimo Articolo

GP degli USA: per ridurre i consumi bisogna andare più scarichi

GP degli USA: per ridurre i consumi bisogna andare più scarichi
Carica commenti