Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
FP1 in
109 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
116 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
137 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
151 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
165 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
193 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
200 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
214 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
219 giorni
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
233 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
247 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
254 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
268 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
282 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Red Bull: c'è la dentellatura del cerchio posteriore

condivisioni
commenti
Red Bull: c'è la dentellatura del cerchio posteriore
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
15 ott 2019, 15:20

A Suzuka c'era una grande attesa per il super-motore della Honda che, invece, ha deluso. La curiosità della RB15 era nel cerchio posteriore con un disegno inedito che mostrava una dentellatura nella parte interna visibile solo con la gomma smontata. Ma è servita a poco...

La Red Bull è stata la grande delusione del GP del Giappone: i tecnici della Honda, con una certa spavalderia, erano convinti di lottare alla pari con Ferrari e Mercedes a Suzuka, avendo fornito alla squadra di Milton Keynes un super-motore con una vita di appena due GP.

La power unit nipponica, invece, non ha rispettato le attese tanto che Max Verstappen ha pagato sette decimi in qualifica e Alexander Albon, per quanto quarto al traguardo, ha preso un distacco di oltre un minuto dal vincitore Valtteri Bottas.

Insomma, niente di che dopo tutto il battage di lancio che era stato fatto aspettando l’appuntamento per il quale si era scomodato tutto il board della Honda.

Red Bull RB15, lo sfogo del DRS più stretto

Red Bull RB15, lo sfogo del DRS più stretto

Photo by: Giorgio Piola

Eppure nel team di Adrian Newey avevano lavorato sodo nello sviluppo della RB15: hanno rivisto lo sfogo del DRS nella parte superiore del telaio, riducendo sensibilmente l’apertura della “buca delle lettere”.

Ma la curiosità forse più interessante riguarda l’ultima evoluzione dei cerchi posteriori: la zigrinatura radiale fra le razze e la porzione più esterna del canale non è affatto una novità, così come la verniciatura di nero che permette di trattenere il calore da trasferire alle gomme, mentre ha incuriosito i tecnici del paddock vedere che sulla superficie di solito coperta dal pneumatico sia stata realizzata una dentellatura a rilievo utile ad aumentare la trasmittanza termica.

Ogni squadra, infatti, ha sviluppato i suoi metodi per portare il più in fretta possibile gli pneumatici nella giusta finestra di funzionamento: la Red Bull fra i top team è quello che ha dedicato più energie su questo tema, traendo meno risultati di quanto a Millton Keynes si potessero aspettare…

Prossimo Articolo
La FIA non chiarisce il giallo del giro in meno al GP del Giappone

Articolo precedente

La FIA non chiarisce il giallo del giro in meno al GP del Giappone

Prossimo Articolo

La F1 accetta il piano dell'Hard Rock Stadium per il GP di Miami

La F1 accetta il piano dell'Hard Rock Stadium per il GP di Miami
Carica commenti