Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Perez: "La seconda sosta? Completamente senza senso!"

Il messicano è stato uno dei grandi protagonisti della gara ad Imola, ma il suo muretto è andato in tilt quando è entrata la safety car chiamandolo ai box per una sosta che lo ha privato del podio.

condivisioni
commenti
Perez: "La seconda sosta? Completamente senza senso!"

Il Gran Premio dell’Emilia Romagna avrebbe potuto regalare a Sergio Perez il primo podio della stagione, ma il messicano, complice una scelta completamente sbagliata del team, ha chiuso la gara sul tracciato di Imola in una deludente sesta posizione alle spalle della Ferrari di Charles Leclerc.

Perez non aveva brillato in qualifica, ottenendo solamente l’undicesimo tempo, ma il mancato passaggio in Q3 gli ha consentito di poter partire in gara con le gomme medie. Proprio con queste coperture Perez ha costruito un piccolo capolavoro.

Il messicano, uno dei migliori interpreti delle Pirelli, dopo un buon avvio è riuscito a preservare la durata delle sue medie per poi salire in quarta piazza una volta effettuata l’unica sosta programmata.

Il momento che, però, ha rivoluzionato completamente la gara di Perez e della Racing Point è arrivato in occasione dell’ingresso in pista della safety car.

Quando Max Verstappen ha forato, e si è fermato nella ghiaia della via di fuga, il muretto ha chiamato ai box Perez per montargli gomme soft. La scelta, però, si è rivelata completamente sbagliata.

Leggi anche:

Daniel Ricciardo e Charles Leclerc, infatti, hanno optato per restare in pista con gomme dure e così il messicano, sopravanzato anche da Kvyat alla ripartenza, si è visto costretto a gettare al vento un podio che sembrava ampiamente alla sua portata.

La delusione per Perez è stata cocente ed il messicano, una volta conclusa la gara, non si è fatto problemi nel criticare la scelta di effettuare una seconda sosta.

“Non lo so, devo analizzare il tutto, ma in quel momento non aveva senso. La chiamata è arrivata in ritardo, ma è sempre facile prendere la decisione giusta dopo la gara”.

“Oggi superare è stato molto difficile. Non ho ancora parlato con il team, ma credo che avranno una spiegazione per questa sosta”.

“Onestamente fa male. Avevamo il podio a portata di mano. Un risultato così è difficile da digerire, ma sono certo che loro sono delusi così come lo sono io.  Siamo una squadra, vinciamo e perdiamo tutti insieme, ma oggi la chiamata ai box è stata sbagliata”.

Perez ha voluto sottolineare come la prima parte di gara, condotta magistralmente su gomme medie, sia stata semplicemente perfetta così come la strategia di montare gomme dure al giro 27. Purtroppo, però, il suo muretto è andato in tilt quando si è presentata la variabile della safety car che ha indotto in errore gli strateghi della Racing Point.

“Il primo stint è stato incredibile. Abbiamo attuato una grande strategia con una chiamata perfetta ai box. Ci eravamo messi in una posizione per poter puntare al podio. Ad ogni modo da una giornata negativa dobbiamo cercare di trovare gli aspetti positivi”.

“E’ una giornata dolorosa anche in classifica perché siamo arrivati dietro i nostri diretti rivali ed abbiamo regalato il podio a Ricciardo”.

Sergio Perez, Racing Point

Sergio Perez, Racing Point
1/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
2/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
3/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
4/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
5/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, lascia il garage

Sergio Perez, Racing Point RP20, lascia il garage
6/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
7/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point, cammina sul circuito

Sergio Perez, Racing Point, cammina sul circuito
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
12/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
13/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point, nell'abitacolo

Sergio Perez, Racing Point, nell'abitacolo
15/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
16/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20, esce dal garage

Sergio Perez, Racing Point RP20, esce dal garage
18/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
19/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
21/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP20

Sergio Perez, Racing Point RP20
22/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Entusiamo Alfa Romeo: Raikkonen e Giovinazzi a punti!

Articolo precedente

Entusiamo Alfa Romeo: Raikkonen e Giovinazzi a punti!

Prossimo Articolo

Il muretto Red Bull ha aperto la porta alla vittoria di Hamilton

Il muretto Red Bull ha aperto la porta alla vittoria di Hamilton
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Emilia Romagna
Sotto-evento Gara
Location Imola
Piloti Sergio Perez
Team Racing Point
Autore Marco Di Marco
Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021
Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1 Prime

Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1

Antonio Giovinazzi si gioca in questa stagione la sua permanenza in Formula 1. Cerchiamo di capire da chi si deve guardare il pilota di Martina Franca, quali possono essere i possibili scenari futuri e come può garantirsi una riconferma per i prossimi anni.

Formula 1
23 feb 2021
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità Prime

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

L'Alfa Romeo C41 non è certamente tra le monoposto più rivoluzionarie della storia della Formula 1. A livello visivo, l'unica vera grande modifica riguarda il muso anteriore, ora più snello anche se non così estremo per concezione. L'ombra della C39 della passata stagione è molto presente sulla monoposto 2021

Formula 1
23 feb 2021
Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda Prime

Red Bull: la visione a lungo termine dietro l'accordo con Honda

L'accordo tra la Red Bull e la Casa giapponese per gestire in autonomia le power unit Honda a partire dal 2022 avrà benefici anche a lungo termine consentendo al team diretto da Horner di giocare allo stesso livello dei costruttori generalisti.

Formula 1
22 feb 2021