Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
99 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
116 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
130 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
172 giorni
02 set
Prossimo evento tra
179 giorni
09 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
280 giorni

Il muretto Red Bull ha aperto la porta alla vittoria di Hamilton

IL GP dell'Emilia Romagna ha consacrato il successo di Hamilton, ma sono state le scelte della Red Bull a favorire la vittoria numro 83 dell'esa-campione a Imola. L'anticipo del pit stop di Verstappen al giro 18 ha costretto la Mercedes a rispondere con la sosta di Bottas, mentre Hamilton, che era terzo, si è ritrovato al comando pronto a costruire una limpida vittoria con un rush da campione con le medie a un passo quasi da qualifica.

Il muretto Red Bull ha aperto la porta alla vittoria di Hamilton

La vittoria conquistata oggi a Imola da Lewis Hamilton è figlia di una notevole performance del sei volte campione del Mondo, ma non solo. A spianare la strada al pilota della Mercedes verso la vittoria numero 93 è stata una scelta fatta al muretto box della Red Bull, una decisione che ha aiutato molto Hamilton rivelandosi poi un boomerang per lo stesso Max Verstappen, che al via era riuscito a passare la Mercedes numero 44 sfilando in seconda posizione.

Il terzetto di testa ha preso il via con gomme medie, ed il primo stint di gara era stato pianificato su una distanza dai 25 ai 30 giri. Un po' a sorpresa la Red Bull ha richiamato ai box Verstappen al giro 18 (quando era a 2”5 da Bottas) mettendo un po' in crisi il muretto box della Mercedes che ha dovuto prendere una decisione: rischiare l’undercut da parte di Max, mantenendo il piano originale, o richiamare subito ai box Bottas per coprire l’olandese?

Ha prevalso la scelta più conservativa ed, infatti, il leader della corsa è tornato in pista il giro successivo, completando il suo pit-stop (gomme hard come per Verstappen) e tornando in pista con un piccolo ma cruciale margine sulla Red Bull.

Questa situazione ha aperto uno scenario che ha favorito il ritorno nella lotta per il successo di Hamilton, che ha visto la possibilità di prendere il comando della corsa senza dover provare un doppio (ed impossibile) sorpasso in pista.

Non deve stupire che Lewis abbia proseguito il suo stint dopo i pit-stop di Bottas e Verstappen, poiché è stato il tandem di testa a cambiare i piani e non il contrario. Per poter sperare nella vittoria, Hamilton era però chiamato a costruire un margine tale da consentirgli di completare il suo pit-stop e tornare in pista in prima posizione, ovvero ventisette secondi.

Facile a dirsi, ma Lewis una volta in testa ha cambiato ritmo. “Dai Bono, andiamo a prendercela”, ha urlato via-radio al suo ingegnere Peter Bonnington, e così ha fatto.

Dal girare sul passo del minuto e diciannove secondi, Hamilton a partire dal giro 19 è passato ad una sequenza impressionante: dieci giri a passo da qualifica che lo hanno portato al giro 29 (coperto in 1’17”502!) ad un margine su Bottas di ventotto secondi, contro i 22”8 che aveva nel momento in cui il suo compagno di squadra è uscito dai box dopo il pit-stop. Nel giro in cui Hamilton è entrato in pit-lane la corsa è stata anche congelata in regime di virtual safety car, ma il sorpasso di fatto era già portato a termine. Il congelamento gli ha consentito di poter scaldare il set di hard senza affanni, potendo contare su un vantaggio di quattro secondi.

Dopo essere stato sfilato da Hamilton, Bottas ha visto acutizzarsi i problemi (accusati già dal secondo giro) legati a un detrito della Ferrari di Vettel finito sotto la sua monoposto. Il finlandese non ha solo perso una posizione su Verstappen, poi recuperata con il ritiro dell’olandese, ma ha dovuto alzare il ritmo, consentendo a Hamilton di prendere un margine di 24 secondi. Un gap che ha permesso a Lewis di poter mantenere la testa al giro 51 quando la corsa è stata congelata in regime di safety car in seguito all’incidente di Verstappen.

Bottas ha imboccato subito la corsia box, montando un set di gomme soft, mentre Hamilton ha completato l’operazione il giro successivo tornando in pista di un soffio davanti al compagno di squadra. È stato l’ultimo momento di tensione per Lewis, che ha poi completato gli ultimi sei giri in programma dando la caccia al giro più veloce, obiettivo raggiunto proprio sotto la bandiera a scacchi.

condivisioni
commenti
Perez: "La seconda sosta? Completamente senza senso!"

Articolo precedente

Perez: "La seconda sosta? Completamente senza senso!"

Prossimo Articolo

Mondiale Piloti F1: Hamilton ipoteca la settima corona

Mondiale Piloti F1: Hamilton ipoteca la settima corona
Carica commenti
Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea Prime

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea

La presentazione più attesa della Formula 1 era sicuramente quella della Aston Martin e i cambiamenti dicono che c'è molto di più di una fantastica livrea, perché l'idea è quella di creare solide fondamenta, più che ripartire da un team già avviato.

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021 Prime

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021

La Haas affronterà il 2021 senza portare alcun aggiornamento aerodinamico sulla sua monoposto. Il team ha deciso di puntare tutto sul 2022, preservando le risorse economiche. Sarà la scelta giusta?

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande? Prime

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande?

L'Aston Martin AMR21 è la monoposto che segna il rientro del costruttore inglese in Formula 1. I punti di contatto con Mercedes W11 e W12 sono evidenti, a prima vista, ma andando nello specifico vediamo come certe soluzioni abbiano preso direzione propria. Sarà la monoposto che permetterà a Sebastian Vettel di potersi rilanciare dopo ultime stagioni opache in Ferrari?

Formula 1
4 mar 2021
Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso? Prime

Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso?

L'Alpine A521 succede alla Renault R.S.20, andando a riprenderne molti dei punti di forza senza tuttavia evolverli. Andiamo a conoscere più da vicino il team di Enstone che riporta in F1 Fernando Alonso e che, in questa stagione, sarà diretto da Davide Brivio

Formula 1
4 mar 2021
F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica Prime

F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica

Il 3 marzo del 1992 ci lasciava Lella Lombardi, l'unica donna a conquistare punti nella storia della Formula1. Riviviamo la sua storia, la sua impresa, e il suo più grande amore: le corse.

Formula 1
3 mar 2021
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

Formula 1
3 mar 2021
I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1 Prime

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1

23 gare sono troppe? La Red Bull riuscirà a lottare con la Mercedes? Sainz sarà al livello di Leclerc in Ferrari? Karun Chandhok ha analizzato i 10 punti interrogativi della stagione 2021 di Formula 1.

Formula 1
2 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021