Monza, Libere 2: Bottas davanti, ma le Ferrari sono a tiro!

condivisioni
commenti
Monza, Libere 2: Bottas davanti, ma le Ferrari sono a tiro!
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
01 set 2017, 13:33

Le due Mercedes dettano in passo nel secondo turno di prove libere del GP d'Italia, ma Vettel limita il distacco della Ferrari a un decimo, rivelando che la Rossa può essere competitiva, mentre Raikkonen, quarto, è più staccato.

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-17 locks up and runs wide alongside Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Kimi Raikkonen, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, pit stop action during practice
Stoffel Vandoorne, McLaren
Fernando Alonso, McLaren MCL32
Esteban Ocon, Sahara Force India VJM10
Felipe Massa, Williams FW40, practices a pitstop

La Mercedes si conferma in testa, ma la Ferrari si è avvicinata molto. La novità della seconda sessione di prove libere del GP d'Italia è che Valtteri Bottas è riuscito a mettere la sua W08 davanti a quella del compagno di squadra, Lewis Hamilton di 56 millesimi di secondo, in un turno caratterizzato dal sole e dal caldo (la temperatura dell'asfalto è aumentata di 12 gradi rispetto al mattino).

Il finlandese, con una guida più pulita di quella molto aggressiva del tre volte campione del mondo, ha ottenuto con gomme Supersoft un tempo di 1'21"406, mentre il compagno di squadra è arrivato a 1'21"462 pur mettendo due ruote oltre la pista alla Roggia. Lewis si è lamentato del surriscaldamento dei freni posteriori, segno che non è stato ancora trovato il giusto bilanciamento aerodinamico.

Le frecce d'argento in condizione da qualifica dettano la loro legge, come era del resto previsto, ma le due Ferrari hanno quasi azzerato il gap di un secondo che si era visto in mattinata, quando le Rosse erano entrate in pista in una configurazione molto conservativa.

Sebastian Vettel ha contenuto a poco più di un decimo il distacco dalla Mercedes di Valtteri Bottas, rivelando che la Rossa è in grado di fare la sua bella figura anche a Monza nel "tempio della velocità", mentre ha fatto un po' più di fatica Kimi Raikkonen che non è andato oltre a 1'21"804, rimediando quasi tre decimi dal leader del campionato mondiale piloti.

Le prime quattro monoposto hanno scavato un solco con tutte le altre vetture: la Red Bull anziché agganciarsi ai due top team rischia di essere risucchiata nel gruppo di centro. Max Verstappen con 1'22"409 ha rimediato un distacco di un secondo dalla vetta, rivelando la mancanza di potenza del motore Tag Heuer (Renault). Il team di Milton Keynes ha scelto un'ala posteriore molto scarica per puntare a velocità massime non troppo penalizzate in fondo ai lunghi rettilinei.

L'olandese è tornato a stare davanti a Daniel: l'australiano, che è stato fra i primi piloti a girare in assetto da qualifica, ha rimediato tre decimi da Max, dopo uno spettacolare traversone all'Ascari. Positiva la prestazione delle due McLaren con Stoffel Vandoorne addirittura settimo davanti a Fernando Alonso, con i due piloti che si sono tirati le scie staccati di appena 51 millesimi di secondo.

Le due MCL32 aiutandosi hanno raggiunto una soglia di prestazione degna della Force India di Esteban Ocon: il francese, nono, ha colto un 1'22"977, lasciando Felipe Massa a otto millesimi di secondo con la Williams.

Carlos Sainz ha festeggiato il compleanno dei 23 anni con dei segnali di fumo: lo spagnolo ha dovuto accostare la sua Toro Rosso all'Ascari per la rottura del motore Renault della sua STR12 non appena aveva iniziato la sua simulazione di gara, dopo aver confermato l'11esimo posto del primo turno nella versione da qualifica, mentre Daniil Kvyat è precipitato al 18esimo posto con un'ala posteriore di diverso disegno più carica.

In ripresa la Renault dopo il pessimo avvio della mattinata Nico Hulkenberg e Jolyon Palmer hanno marciato du conserva al 12esimo e 13esimo posto, davanti ai deludenti Sergio Perez (Force India) e Lance Stroll (Williams) non particolarmente a suo agio su una pista a basso carico aerodinamico.

Poca gloria per le Haas con Kevin Magnussen che ha subito il cedimento della sospensione posteriore sinistra all'uscita della seconda curva di Lesmo, per le sollecitazioni ai quali i cinematismi sono sottoposti sui cordoli affrontati ad alta velocità.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 25 1'21.406     256.182
2 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 24 1'21.462 0.056 0.056 256.006
3 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 33 1'21.546 0.140 0.084 255.742
4 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 34 1'21.804 0.398 0.258 254.936
5 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 34 1'22.409 1.003 0.605 253.064
6 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 22 1'22.752 1.346 0.343 252.015
7 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda 31 1'22.947 1.541 0.195 251.423
8 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 31 1'22.968 1.562 0.021 251.359
9 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 43 1'22.977 1.571 0.009 251.332
10 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 42 1'22.985 1.579 0.008 251.308
11 55 spain Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Renault 21 1'23.150 1.744 0.165 250.809
12 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 14 1'23.272 1.866 0.122 250.441
13 30 united_kingdom Jolyon Palmer  Renault Renault 34 1'23.317 1.911 0.045 250.306
14 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 43 1'23.352 1.946 0.035 250.201
15 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 36 1'23.403 1.997 0.051 250.048
16 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 31 1'23.567 2.161 0.164 249.557
17 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 20 1'23.650 2.244 0.083 249.310
18 26 russia Daniil Kvyat  Toro Rosso Renault 28 1'24.253 2.847 0.603 247.525
19 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 39 1'24.894 3.488 0.641 245.656
20 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 25 1'25.295 3.889 0.401 244.502

 

 

Prossimo Articolo
Sauber: quattro opportunità in FP1 per Leclerc negli ultimi GP

Articolo precedente

Sauber: quattro opportunità in FP1 per Leclerc negli ultimi GP

Prossimo Articolo

Vettel: "Giornata non ideale, ma domani possiamo fare meglio"

Vettel: "Giornata non ideale, ma domani possiamo fare meglio"
Carica commenti