Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni
F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Mercedes: la campana forata per soffiare a centro ruota

condivisioni
commenti
Mercedes: la campana forata per soffiare a centro ruota
Di:
Co-autore: Giorgio Piola
23 feb 2020, 13:30

Il mozzo soffiante è vietato dal regolamento, ma sulla W11 i tecnici di Brackley hanno sviluppati dei concetti aerodinamici interessanti che permettono di riprodurre almeno parzialmente un concetto capace di migliorare le prestazioni.

La Red Bull ha iniziato i test con un’ala anteriore di filosofia upwash, per poi convertirsi a una soluzione outwash, seguita da tutti gli altri ad esclusione della Mercedes che resta fedele al suo credo, sebbene alla fine dello scorso anno abbia provato il concetto lanciato da Ferrari e Alfa Romeo.

Questa premessa è interessante, perché verrebbe da dire che alla squadra campione del mondo non dovrebbe interessare molto soffiare del flusso dai cerchi per deviare l’aria che arriva dall’esterno della ruota anteriore.

Ovviamente non è così, visto che sulla W11 sono state estremizzate delle idee che si erano già viste nella passata stagione. Guardate l’immagine di Giorgio Piola e avrete l’opportunità di ammirare il corner anteriore della Mercedes.

Mercedes W11: ecco i condotti per il soffiaggio dei flussi e la campana con i fori per fare passare l'aria

Mercedes W11: ecco i condotti per il soffiaggio dei flussi e la campana con i fori per fare passare l'aria

Photo by: Giorgio Piola

La presa d’aria dei freni (ormai è improprio chiamarla così) è più voluminosa di quella del 2019 e non deve stupire se la maggiore superficie non serve a raffreddare pinza Brembo e disco Carbon Industrie, ma a creare un più potente soffiaggio di aria con la sola funzione aerodinamica.

Il condotto più in alto, per esempio, pesca l’aria nella porzione più elevata della presa, ma poi arriva a soffiare quasi a centro ruota con una specifica canalizzazione in carbonio che vedete nell’immagine qui sotto.

La parte centrale della presa che si infila sotto al para disco ha la funzione di incanalare del flusso che deve sfogare dai vistosi fori della campana del disco che ha dimensioni più vistose perché costituita da un reticolo di buchi tondi che servono a far soffiare l’aria, nel tentativo di riprodurre in modo sempre più efficace l’effetto del mozzo forato, proibito dalle regole dal campionato 2019.

E’ evidente l’intenzione di trarre dei benefici aerodinamici ovunque sia possibile generare delle prestazioni. Fra l’altro vale la pena ricordare che la Mercedes non ha mai usato i mozzi forati che erano una caratteristica di Ferrari e Red Bull, ma ha sviluppato queste iniziative dopo che sono stati vietati.

Prossimo Articolo
Mercedes: un sensore dell'ibrido ha dato l'allarme motore

Articolo precedente

Mercedes: un sensore dell'ibrido ha dato l'allarme motore

Prossimo Articolo

Russell: "Sicuramente la Williams non sarà indietro come nel 2019"

Russell: "Sicuramente la Williams non sarà indietro come nel 2019"
Carica commenti