Horner: "Verstappen? Foratura totalmente istantanea"

La Red Bull è convinta che un detrito abbia causato la foratura "totalmente istantanea" che ha portato al ritiro Max Verstappen nel Gran Premio dell'Emilia Romagna, costando al team il secondo posto.

Horner: "Verstappen? Foratura totalmente istantanea"

Verstappen era comodamente in seconda posizione prima della foratura della gomma posteriore destra alla Villeneuve lo facesse finire in testacoda a 12 giri dal termine.

Un epilogo frustrante per Verstappen, dopo che l'olandese era riuscito a sorpassare la Mercedes di Valtteri Bottas otto giri prima, dopo una battaglia serrata che era durata praticamente per tutta la gara.

Dopo la gara, il team principal Christian Horner ha quindi spiegato che il team sospetta che Verstappen abbia colpito dei detriti a causa della natura istantanea della foratura.

"Pensiamo che abbia colpito qualche detrito o qualcosa del genere, perché era alla radio con il suo ingegnere in quel momento e boom, la gomma si è forata improvvisamente" ha detto Horner dopo la gara.

"Quindi ha suggerito che qualcosa abbia provocato una foratura totalmente istantanea, e questo è stato il risultato".

"E' molto frustrante, soprattutto dopo che era riuscito a sorpassare Valtteri. Oggi avevamo un ritmo abbastanza buono, quindi è fastidioso non aver conquistato quel secondo posto".

Verstappen era scattato bene dalla terza posizione in griglia, superando al via Lewis Hamilton, poi è stato il primo a rientrare ai box nel tentativo di fare un undercut nei confronti del leader Valtteri Bottas.

La Mercedes ha risposto fermando il finlandese un giro più tardi, ma ha anche optato per allungare lo stint di Hamilton, permettendo al pilota britannico di scavalcare sia Bottas che Verstappen una volta completato il suo pit stop.

Leggi anche:

Horner ha detto che era impossibile per la Red Bull coprire entrambe le strategie, dato che aveva una sola monoposto in lotta per la vittoria.

"A quel punto eravamo in un panino a livello di strategia" ha detto Horner.

"Se vai per l'undercut, loro possono allungare lo stint della macchina dietro e non si possono coprire entrambe le opzioni. Devi scegliere quale vuoi provare a battere".

"In realtà avevamo scelto di provare a battere Lewis, perché credevamo che Valtteri con gomme nuove avrebbe avuto più ritmo dopo il pit stop, ma in realtà non è stato così".

"Ha commesso diversi errori e questo ha permesso a Lewis di attaccare. Poi è arrivata anche una Virtual Safety Car e di fatto ha avuto un pit stop 'gratuito'".

A quel punto Bottas non è riuscito a tenere il ritmo di Hamilton e Verstappen è rimasto nella sua scia, approfittando di un lungo del finlandese alla Rivazza per soffiargli la seconda posizione.

"Eravamo consapevoli dei danni che stava gestendo Valtteri, e questo ovviamente ha dato a Lewis un vantaggio enorme anche in termini di passo" ha detto Horner.

"Questo ha reso ancora più importante per Max metterlo sotto pressione per provare ad indurlo all'errore, cosa che poi ha ottenuto".

"Stavo parlando con lui e ha detto che Valtteri gli ha fatto una specie di brake test nella curva successiva, che è una cosa consentita".

"Max ha rischiato di tamponarlo, ma ha avuto la pazienza di aspettare il rettilineo per usare il DRS e passarlo alla seconda curva".

Scintille fuoriescono dal retrotreno della Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen,
Scintille fuoriescono dal retrotreno della Red Bull Racing RB16 di Max Verstappen,
1/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
2/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
3/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
4/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
5/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
6/17

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
7/17

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
8/17

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
9/17

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
10/17

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing in conferenza stampa
Max Verstappen, Red Bull Racing in conferenza stampa
11/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pole Sitter Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1 e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggia nel parco chiuso
Pole Sitter Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1 e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggia nel parco chiuso
12/17

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
13/17

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
14/17

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
Max Verstappen, Red Bull Racing dopo essersi ritirato dalla gara
15/17

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
16/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
17/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

condivisioni
commenti

Video correlati

F1: Magnussen KO per un forte mal di testa causato dal cambio
Articolo precedente

F1: Magnussen KO per un forte mal di testa causato dal cambio

Prossimo Articolo

Bottas ha pagato otto decimi al giro per il detrito nel fondo!

Bottas ha pagato otto decimi al giro per il detrito nel fondo!
Carica commenti
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021