Horner: "Noi e Mercedes a pari livello per i prossimi GP"

Il team principal della Red Bull ha affermato come per i restanti 7 appuntamenti della stagione non ci sarà alcun circuito favorevole alla Mercedes o al team di Milton Keynes e la stessa linea di pensiero è stata espressa da Toto Wolff.

Horner: "Noi e Mercedes a pari livello per i prossimi GP"

Mancano solo 7 appuntamenti al termine della stagione 2021 della Formula 1 ed i due grandi protagonisti di quest’anno, Lewis Hamilton e Max Verstappen, sono separati in classifica da soli 2 punti.

Il pilota inglese è tornato in vetta al campionato al termine del Gran Premio di Russia, gara che sulla carta doveva essere favorevole alla Mercedes così come Monza. Tuttavia l’incidente avvenuto alla prima variante in occasione del GP d’Italia e la pioggia caduta nel finale a Sochi hanno stravolto ogni previsione ed Hamilton non è riuscito a prendere il largo in classifica nei confronti dell’olandese.

Ci si chiede adesso quali dei restanti circuiti saranno favorevoli alla Red Bull e quali alla Mercedes, ma Christian Horner ha preferito mettere le mani avanti.

“Sicuramente la Mercedes sarà molto competitiva in Turchia, anche alla luce della vittoria ottenuta lo scorso anno. Poi andremo ad Austin e credo che lì ce la giocheremo. In Brasile e Messico siamo sempre stati forti”.

“Non abbiamo alcun dato relativo al Qatar così come di Jeddah. Poi finiremo la stagione ad Abu Dhabi. Possiamo dire che al momento le possibilità di vittoria tra i due team siano 50 e 50”.

Leggi anche:

Dello stesso parere è Toto Wolff. Il boss della Mercedes ha sottolineato come per le restanti sette gare sia impossibile prevedere quali dei due team avrà un vantaggio.

“Ho smesso di indicare se un circuito è favorevole a noi sulla base dei successi raccolti in passato perché tutto è cambiato con i nuovi regolamenti”.

“Eravamo certi che a Monza ed a Sochi avremmo avuto un vantaggio, ma in realtà il divario di punti dopo questi due appuntamenti è minimo. Dubito che nelle prossime gare ci saranno differenze sostanziali tra le due squadre. Entrambe continueranno a svolgere il miglior lavoro possibile”.

“Non credo che né le squadre né i piloti possano sentirsi al sicuro nella situazione attuale perché non c’è alcun divario di punti in classifica”.

condivisioni
commenti
Ceccarelli: "La McLaren doveva proteggere la vittoria di Norris"

Articolo precedente

Ceccarelli: "La McLaren doveva proteggere la vittoria di Norris"

Prossimo Articolo

Rivoluzione Ferrari: ibrido ad alta tensione e batteria allo stato solido

Rivoluzione Ferrari: ibrido ad alta tensione e batteria allo stato solido
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021