FIA: ecco perché la partenza di Bottas non è un jump start

Valtteri Bottas ha evitato la penalità per sospetto jump start al Gran Premio d’Ungheria perché non ha avviato il sistema di rilevamento, secondo il direttore di gara Michael Masi.

FIA: ecco perché la partenza di Bottas non è un jump start

Valtteri Bottas si è mosso in avanti in partenza prima di fermarsi e ripartire di nuovo, distratto da una luce sul cruscotto, e questo ha portato Sebastian Vettel ad avvertire il team Ferrari di un jump start del pilota Mercedes. Le immagini sembrano confermare quanto dice il tedesco, ma la chiave della mancata violazione alle regole sta nel sistema di rilevamento costruito sul tracciato. Lo stesso Vettel ha evitato una penalità simile al Gran Premio del Giappone dello scorso anno, quando la sua Ferrari si è mossa poco prima che si spegnesse il semaforo.

Michael Masi, Direttore di Gara, spiega: “Ci sono due parti in questo caso. Il mezzo con cui viene determinato il jump start è in realtà chiaramente determinato dal regolamento sportivo, ed è stato lo stesso processo per un certo numero di anni, che è il transponder che viene montato su ogni vettura. C’è anche un sensore sull’asfalto. C’è un margine di tolleranza e, come visto in Giappone lo scorso anno, questo fattore è determinante. Dunque non c’è nient’altro da indagare. Abbiamo parlato immediatamente con coloro che controllano i tempi, hanno rivisto i dati e la vicenda si è conclusa”.

Se Bottas ha evitato la sanzione, i due piloti della Haas, Kevin Magnussen e Romain Grosjean, hanno ricevuto 10 secondi di penalità ciascuno per aver ricevuto dei messaggi via radio che davano indicazioni nel giro di formazione. Questo non è permesso, come affermato da Masi: “C’è una direttiva tecnica uscita nel 2017 che spiega quail comunicazioni il muretto deve dare ai piloti nel giro di formazione ed è relative all’Articolo 27.1 del regolamento sportive. Ogni piloti deve guidare la macchina da solo e senza aiuti”.

Leggi anche:

“Parte di tale convocazione è che entrambi i piloti sono stati chiamati dai loro ingegneri a cambiare le gomme sul giro di formazione, cosa che non è consentita da quella direttiva tecnica che è stata emanata all'epoca su ciò che può e non può essere detto. In termini essenziali, le uniche comunicazioni che si possono dare al pilota nel giro di formazione ha a che fare con questioni di sicurezza, quindi se si tratta di una questione di sicurezza imminente, allora quella comunicazione può avvenire”.

Infine, la Red Bull Racing è stata indagata per l'insolito reato di aver asciugato con i soffiatori il posto in griglia di Alex Albon, cosa per cui Masi aveva specificamente messo in guardia nelle note inviate alle squadre poco prima della partenza. Tuttavia, dopo aver esaminato le prove, i commissari non hanno preso alcun provvedimento: “Questa regola è stata in vigore per un bel po’ di anni. Era più che altro un promemoria che ho inviato prima dell'inizio della gara, per ricordare a tutti. I commissari hanno indagato e hanno ritenuto che non ci fosse bisogno di ulteriori azioni”.

“È stato un rapporto che è stato ricevuto, e i commissari hanno indagato, e ovviamente hanno voluto indagare in modo adeguato, per questo hanno aspettato fino a dopo la gara, perché è una cosa che è piuttosto estranea, chiamiamola così. Hanno fatto il loro giusto processo per assicurarsi che non si trattasse di qualcosa che si è verificato”.

condivisioni
commenti
Binotto: "Valutiamo la macchina e l'organizzazione"
Articolo precedente

Binotto: "Valutiamo la macchina e l'organizzazione"

Prossimo Articolo

Racing Point: "886 disegni provano la nostra legalità"

Racing Point: "886 disegni provano la nostra legalità"
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021