Ferrari: l'affidabilità è il vero problema che preoccupa Maranello

condivisioni
commenti
Ferrari: l'affidabilità è il vero problema che preoccupa Maranello
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
14 mag 2018, 07:38

L'attenzione in Spagna si è polarizzata sulle gomme ribassate di 0,4 mm, ma la sensazione è che il team di Maranello cominci ad accusare dei problemi di affidabilità legati alla power unit. A Monte Carlo, però, la musica dovrebbe essere diversa.

Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-18, Sebastian Vettel, Ferrari SF71H e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, Sebastian Vettel, Ferrari SF71H e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09
Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-18, Sebastian Vettel, Ferrari SF71H e Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1 W09
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H, pit stop
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Sebastian Vettel, Ferrari, in griglia
Maurizio Arrivabene, Team Principal, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari
Ferrari SF71H, dettaglio posteriore
Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari, muretto box Ferrari
Ferrari SF71H, ala posteriore

L’analisi post-gara di Sebastian Vettel va oltre il tema del weekend, ovvero le ormai celebri gomme portate a Barcellona dalla Pirelli con un battistrada ridotto di 0,4mm. Se la Mercedes ha dominato il Gran Premio di Spagna dall’alto di una superiorità che ha riportato alla mente un recente passato, non è solo una questione di pneumatici.

La Ferrari a Montmelò non ha perso solo 31 punti nei confronti della Mercedes, ma anche 13 rispetto alla Red Bull, mancando clamorosamente il podio.

Che la SF71H non abbia calzato alla perfezione le nuove Pirelli è un dato di fatto, ma non il solo. Vettel ha sintetizzato in tre punti la sua analisi: performance, gestione gomme ed affidabilità. Partiamo dall’ultimo punto, tutt’altro che di secondo piano.

La Ferrari al traguardo è stata una sola, e questo ha poco a che fare con le gomme, e per la seconda volta in 48 ore Kimi Raikkonen si è ritrovato a comunicare via-radio un “no power” molto esplicativo.

E’ un allarme forte, perché il Mondiale 2018 si giocherà molto sull’affidabilità, e dopo le prime quattro gare le fumate iniziano ad essere più frequenti.

Dopo Raikkonen anche Ocon ha accostato a bordo pista per un calo di pressione dell’olio. “Speriamo di non dover sostituire il motore”, ha dichiarato la Force India, mentre in Ferrari un motore termico (più turbo) era già stato cambiato venerdì sera.

È condivisibile quanto sottolineato da Vettel, perché se le gomme della discordia si faranno da parte (almeno fino al Paul Ricard), le power unit continueranno a dover macinare chilometri.

Vettel ha separato la valutazione su una performance non all’altezza della Mercedes (“Non siamo stati abbastanza veloci, è stato evidente”) da quella relativa alla gestione degli pneumatici (“abbiamo faticato troppo nel corso del weekend con la gestione delle gomme, che saranno anche cambiate, ma sono cambiate per tutti”) ma serviranno delle verifiche.

A Barcellona si sono intrecciate molte variabili: temperature più basse del previsto, un asfalto nuovo, molti aggiornamenti tecnici e le nuove gomme.

E’ vero che la Ferrari ha mancato sia la performance (in gara, ma non in qualifica) che la gestione della gomma, ma a Maranello è probabile che sperino siano due problematiche intrecciate. Se così fosse, il ritorno alle gomme standard dovrebbe risolvere grossa parte dei problemi visti sul circuito di Catalunya, viceversa la situazione si rivelerebbe più complessa.

La prima risposta arriverà a Montreal, vista l’atipicità di MonteCarlo, la verifica sul Paul Ricard.

Resta poi una valutazione, forse scontata, ma passata in secondo piano a causa delle vicende del weekend. Barcellona è feudo Mercedes, lo si sapeva prima di arrivare a Montmelò, e la tradizione è stata confermata.

Quello che ha sorpreso è vedere Hamilton e Bottas dominare la scena dall’alto di una superiorità assoluta, concedendosi dopo il via anche qualche giro di bottone-magico nei momenti cruciali della corsa prima di tirare i remi in barca.

Hamilton, tornato Hamilton, pur esaltando il lavoro del team non ha spinto molto sull’acceleratore dell’entusiasmo, e curiosamente ha rinunciato al giro più veloce per preservare la power unit. Questo perché prima del via era arrivato l’ordine di non stressare troppo i motori, poiché nessuno dorme sogni tranquilli sul fronte dell'affidabilità.

L’impressione è che anche nel box Mercedes siano rimasti stupiti dall’apparente facilità con cui a Montmelò hanno fatto bottino pieno, con Hamilton capace di rifilare ben 27 secondi alla Ferrari di Vettel. La paura di Lewis, e la speranza Ferrari, è che Barcellona sia stata una puntata a parte nella storia del Mondiale 2018.

Prossimo Articolo
Ferrari: Vettel evidenzia tre punti di crisi e non ci sono solo le gomme

Articolo precedente

Ferrari: Vettel evidenzia tre punti di crisi e non ci sono solo le gomme

Prossimo Articolo

Sirotkin ha un problema con il sedile: "Correre è stato molto doloroso"

Sirotkin ha un problema con il sedile: "Correre è stato molto doloroso"
Carica commenti