Binotto: "Giusto ridurre il carico aerodinamico 2021"

Il team principal Ferrari affronta i temi caldi di Barcellona. Per Mattia la direttiva tecnica che vieterà il quali mode impatterà su tutti i motori, ma è difficile sapere quanto fintanto che non si leggerà il provvedimento. Secondo il reggiano l'appello al Tribunale Internazionale FIA servirà ad andare oltre la diatriba sulle prese dei freni Racing Point, ma sarà utile per definire la proprietà intellettuale delle vetture. E sul conflitto di interessi di Wolff non si esprime.

Binotto: "Giusto ridurre il carico aerodinamico 2021"

In attesa dei verdetti delle qualifiche, la Ferrari prosegue le sue battaglie anche nel paddock, dove a motori spenti l’attività non è da meno dei confronti in pista.

Gara dopo gara, anziché assottigliarsi, il numero di fronti aperti aumenta sempre più, passando dal nuovo Concorde Agreement al caso Racing Point, fino alla novità del weekend, ovvero il caso ‘quali-mode ban’, il divieto che arriverà prima di Spa all’utilizzo di mappe motore differenti tra qualifica e gara.

Mattia Binotto ha fatto il punto nella conferenza stampa dei team principal, che vi proponiamo integralmente.

La lettera che ha inviato la FIA ai team pochi giorni in merito alle mappe utilizzate dalla power unit può sembrare un attacco alla supremazia Mercedes. Cosa ne pensi?

“Non è la prima e non sarà l’ultima direttiva tecnica in merito alle power unit, il che conferma quanto sia complesso e difficile gestire l'insieme dei regolamenti. Ci sono state molte direttive tecniche che sono state emesse negli ultimi mesi in merito alle power unit, e credo che alla fine tutte abbiano influenzato chi progetta e realizza i motori".

"Anche quello di cui stiamo parlando in qualche modo interesserà tutte le power unit, è difficile oggi dire se penalizzerà più un motore rispetto ad un altro semplicemente perché non abbiamo ancora in mano la direttiva tecnica”.

Qual è la tua opinione in merito alla posizione di Toto Wolff che lo vede coinvolto in così tanti ambiti diversi?

“Non è la prima volta che nel nostro sport, o nello sport in senso generale, ci sono persone che hanno interessi e in più di una società. È difficile per me giudicare, ma credo che la cosa più importante sia il rispetto dei regolamenti, i quali devono a loro volta assicurare che non ci siano conflitti d’interesse".

"Qualora ce ne fossero, non spetta certamente a me giudicare, ma qualcuno dovrà farlo e sono abbastanza sicuro che chi deve sorvegliare questo aspetto lo sta già facendo. Se non sono stati sollevati problemi in tal senso, deduco che non ce ne siano”.

La scorsa settimana ti è stato chiesto se ritieni possibile copiare completamente una monoposto di Formula 1 come ha fatto la Racing Point utilizzando delle fotografie, e hai risposto che ritieni sia molto difficile o probabilmente impossibile.

Come pensi che abbia fatto la Racing Point? Credi che ci sia stata una sorta di collusione inappropriata tra Racing Point e Mercedes al di là del problema della questione legata alle prese d’aria dei freni?
“Onestamente, non credo di avere la risposta, e non credo che spetti a me giudicare. Il motivo per cui abbiamo confermato il nostro appello è perché dobbiamo cercare di avere dei chiarimenti e la massima trasparenza".

"Penso che le prese d’aria dei freni siano un punto di discussione, ma credo che alla fine la decisione della corte d'appello internazionale aprirà una discussione più ampia sul concetto di monoposto ‘copia’, un argomento che per noi è importante e credo lo sia anche per il futuro della Formula 1".

"Stiamo parlando della proprietà intellettuale di un progetto, ovvero un bene molto importante di un'azienda. Se un team, in qualche modo, avesse la possibilità di copiare la monoposto utilizzata da una squadra avversaria nella stagione precedente, i regolamenti dovrebbero in qualche modo proteggere il concorrente che vede la sua proprietà intellettuale violata, ed è per questo che al momento penso sia importante andare avanti e capire”.

La FIA ha comunicato ai team che prevede di ridurre ulteriormente il livello di carico aerodinamico nel 2021 per motivi di sicurezza. Cosa pensi di questa decisione e quanto credi che impatti sui programmi di ricerca e sviluppo, dato che potrebbero volerci settimane o mesi per finalizzare i dettagli?
“È importante ricordare che per il 2021 il regolamento aerodinamico è già stato modificato dal Consiglio mondiale imponendo una riduzione delle prestazioni aerodinamiche a causa della preoccupazione in merito all’utilizzo degli pneumatici".

"Era previsto che nel 2021 avremmo dovuto introdurre in Formula 1 nuovi pneumatici da 18 pollici, ma è stato tutto posticipato al 2022, quindi gli pneumatici saranno quelli attuali anche il prossimo anno".

"Non c'è dubbio che aumentando le prestazioni aerodinamiche lo stress sugli pneumatici è sempre maggiore, credo che Silverstone sotto questo aspetto sia stato un buon esempio. Capisco che la Pirelli si sia preoccupata per questa situazione, così come capisco che la FIA sia preoccupata alle problematiche legate alla sicurezza, e lasciatemi dire, le modifiche che sono già state approvate per il 2021 non erano sufficienti".

"Ci saranno così ulteriori modifiche all'aereodinamica per motivi di sicurezza, e non credo che ci sia nulla di cui in possiamo lamentarci. Certamente avrà un impatto su tutte le auto, sulla nostra ricerca e sviluppo, ma sono anche abbastanza consapevole che è necessario per la sicurezza, e la sicurezza viene sempre prima”.

Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG e Direttore esecutivo Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Toto Wolff, Direttore esecutivo (Business), Mercedes AMG e Direttore esecutivo Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
1/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Dettaglio ala posteriore Ferrari
Dettaglio ala posteriore Ferrari
2/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il muretto dei box Ferrari
Il muretto dei box Ferrari
3/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
4/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 con la griglia per i test aerodinamici
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 con la griglia per i test aerodinamici
5/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli del posteriore della Ferrari SF1000
6/12

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
8/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Ferrari SF1000 ala anteriore e dettaglio naso
Ferrari SF1000 ala anteriore e dettaglio naso
9/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari, prove pit stop
Ferrari, prove pit stop
10/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, Marc Gene e altri membri del team camminano sul circuito
Sebastian Vettel, Ferrari, Marc Gene e altri membri del team camminano sul circuito
11/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mercedes davanti ma Verstappen è un pungolo
Articolo precedente

Mercedes davanti ma Verstappen è un pungolo

Prossimo Articolo

Leclerc: "Soddisfatto della simulazione di gara"

Leclerc: "Soddisfatto della simulazione di gara"
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021