F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Ferrari: l'ala anteriore che flette riprende un concetto lanciato dalla Red Bull

condivisioni
commenti
Ferrari: l'ala anteriore che flette riprende un concetto lanciato dalla Red Bull
Di: Franco Nugnes
Co-autore: Giorgio Piola
03 ott 2018, 12:58

Nel GP di Russia la Ferrari ha utilizzato un'ala anteriore nuova che riprendeva un concetto sviluppato l'anno scorso da Newey sulla Red Bull utile a far abbassare il profilo principale. I turning vanes, invece, anicipano delle soluzioni che si vedranno nel 2019.

La Ferrari ha portato in Russia un importante sviluppo aerodinamico nell’anteriore della SF71H dopo che a Singapore si erano visti degli interventi nel retrotreno della Rossa. L’attenzione degli aerodinamici si è concentrata in particolare su ala anteriore e turning vanes con un mix di soluzioni interessanti che vanno da alcune anticipazioni per il 2019 a concetti dello scorso anno che sono stati ripresi dalla Red Bull.

Ferrari SF71H, ala anteriore del GP di Russia e nuovi turning vanes

Ferrari SF71H, ala anteriore del GP di Russia e nuovi turning vanes

Photo by: Giorgio Piola

L’ala anteriore, la terza della stagione, era stata sperimentata nei test estivi in Ungheria che hanno preceduto la sosta estiva e ha fatto il suo debutto nei GP solo a Sochi. Il primo aspetto che è balzato all’occhio all’esterno della paratia laterale è la comparsa di un piccolo soffiaggio che si collega alla bavetta ricurva caratterizzata dal bordo d’entrata rialzato e che poi si inclina poi verso il basso (1).

Nel disegno, sotto, è possibile confrontare la nuova soluzione Ferrari con quella che Adrian Newey aveva adottato sull’evoluzione della Red Bull RB13 dello scorso anno: il concetto è praticamente lo stesso, con l’ala anteriore che è stata pensata quando la monoposto sfrutta al massimo l’assetto Rake, abbassando l’avantreno e alzando sensibilmente il posteriore.

Confronto tra il flap sulla paratia dell'ala anteriore della Red Bull Racing RB13 e quello della Ferrari SF71H

Confronto tra il flap sulla paratia dell'ala anteriore della Red Bull Racing RB13 e quello della Ferrari SF71H

Photo by: Giorgio Piola

Non solo, ma all’aumentare della velocità l’endplate è in grado di flettersi verso il basso, facendo scendere anche il profilo principale (3) che contribuisce così all’aumento del carico generato nell’anteriore della Rossa, lavorando sulla flessibilità degli elementi che compongono l’ala.

Diciamo subito, prima che si inneschino inutili polemiche, che l’ala anteriore Ferrari (come era quella Red Bull) è perfettamente legale, dal momento che supera brillantemente i test statici di flessione che la FIA effettua regolarmente durante i weekend di GP.

È possibile, invece, che la mancanza di bilanciamento della Rossa vista in Russia in prove libere e in qualifica possa essere stata dovuta alla mancanza di dati di messa a punto di questa soluzione, mentre con il carico di benzina in gara l’effetto è stato meno palese, per cui il gap di Vettel dalle W09 di testa è sceso da sei a due decimi di secondo al giro.

Il profilo principale ha perso il ricciolo che caratterizzava la realizzazione precedente, mentre a separare la paratia laterale dai flap supplementari ci sono due deviatori di flusso (4) utili a deviare l’aria all’esterno della ruota anteriore e sono alimentati da due piccoli flap orizzontali che creano uno slop (in giallo).

Per adeguare l’ala alle caratteristiche della pista russa erano stati ridisegnata anche la parte superiore dei flap che mostravano una maggiore corda (6), mentre poco più sotto c’era anche uno slot aggiuntivo (5).

La Ferrari, inoltre, ha provato a Sochi anche alcuni concetti pensati per il 2019 quando cambierà l’ala anteriore per limitare la perdita di carico quando una macchina è in scia a quella che la precede.

Ferrari SF71H, i nuovi turning vanes che sono anticipazione di concetti 2019

Ferrari SF71H, i nuovi turning vanes che sono anticipazione di concetti 2019

Photo by: Giorgio Piola

Molto interessante, infatti, l’introduzione dei nuovi turning vanes (2) che, se nella versione precedente potevano essere considerati dei semplici deviatori di flusso, ora si sono trasformati in veri e propri generatori di vortice con il compito di ripulire la scia turbolenta della ruota anteriore per energizzare il flusso che viene portato verso il diffusore posteriore, migliorando sensibilmente l'efficienza della monoposto nella parte inferiore.

Prossimo articolo Formula 1
L'appello della Haas contro la squalifica di Monza è stato fissato per l'1 novembre

Articolo precedente

L'appello della Haas contro la squalifica di Monza è stato fissato per l'1 novembre

Prossimo Articolo

Ferrari: Philip Morris ha lanciato a Suzuka la nuova livrea Mission Winnow

Ferrari: Philip Morris ha lanciato a Suzuka la nuova livrea Mission Winnow
Carica commenti