F1, Sochi, Libere 1: Bottas poi Ricciardo e Verstappen

Valtteri è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP di Russia con un tempo più lento dello scorso anno di mezzo secondo. La pista è molto scivolosa e hanno sbattutto Sainz e Latifi. Per questo Hamilton non ha cercato il tempo e ha lavorato per la gara finendo solo 19esimo. Dietro alla Mercedes ci sono Ricciardo e Verstappen. Bene le Racing Point, le Ferrari sono staccate con Vettel, nono, che precede Leclerc di mezzo secondo.

F1, Sochi, Libere 1: Bottas poi Ricciardo e Verstappen

La F1 approda a Sochi dando il via al girone di ritorno della stagione 2020 con il decimo appuntamento in calendario. Quella russa è una pista che nelle sei edizioni precedenti è stata terreno di conquista della Mercedes che ha vinto sempre, per cui non può stupire il fatto che Valtteri Bottas sia stato il più veloce nella prima sessione di prove libere.

Il finlandese con le gomme Soft (è la mescola C5, la più morbida della fornitura Pirelli) è arrivato a 1'34"923, un tempo che è mezzo secondo più lento rispetto alla prestazione 2019 di Charles Leclerc con la Ferrari SF90 nel 2019. Il tracciato, mai usato, è parso molto scivoloso e con pochissimo grip che non ha risparmiato i piloti con frequenti errori.

Carlos Sainz ha sbattuto la sua McLaren alla curva 7: lo spagnolo è finito largo sul cordolo e ha perso il retrotreno andando in testacoda a causa del basso grip della pista in una fase di transizione fra il passsaggio dal pedale del freno e l'acceleratore. Carlos è finito con il posteriore contro le barriere a bassa velocità, ma si è schiacciata l'ala posteriore. L'iberico è ripartito alla volta dei box con i piloni reclinati indietro mentre era stata decisa l'introdizione della VSC: procedendo lentamente è riuscito a rientrare senza poter riprendere la sessione.

Nello stesso punto ha perso la sua Williams Nicholas Latifi: l'impatto del canadese è stato più violento perché avvenuto ad una velocità maggiore con una dinamica molto simile. La direzione gara ha dovuto esporre la bandiera rossa perché la FW43, dopo aver urtato le protezioni con il retrotreno, si è accartocciata alle barriere dove è rimasta prima di essere recuperata dai mezzi di soccorso. Pilota ovviamente incolume che ha dovuto interrompere il suo programma di lavoro mentre era 16esimo nella tabella dei tempi.

L'ha scampata Romain Grosjean che si è solo girato con la Haas potendo ripartire senza danni.

E, allora, in queste condizioni non deve sorprendere il fatto che Lewis Hamilton sia solo 19esimo nella tabella dei tempi: l'inglese dopo un paio di bloccaggi in frenata con le gomme Hard ha preferito lavorare in funzione della gara, non cercando un giro lanciato.

Dietro a Bottas, che ha svolto il long run con le Medie, (è la C5 è spuntato un ottimo Daniel Ricciardo che testimonia la crescita della Renault. L'australiano con le Soft è arrivato a 507 millesimi dalla freccia nera, seguito a mezzo decimo da Max Verstappen con la Red Bull.

Positiva la prestazione di Sergio Perez quarto con la Racing Point in versione standard: il messicano è stato molto efficace soprattutto nella simulazione di gara, togliendosi il gusto di tenersi dietro il compagno Lance Stroll che dispone della RP20 evoluta, con un pacchetto aerodinamico (e non solo!) che dovrebbe valere due o tre decimi.

In sesta piazza c'è Esteban Ocon con la seconda R.S.20 ma il francese cede oltre mezzo secondo a Ricciardo a parità di gomma, ma con piani di lavoro diversi.

Positiva anche la prestazione di Daniil Kvyat che sente odore di casa sull'AlphaTauri e si colloca settimo, davanti ad Alexander Albon con la Red Bull RB16.

La Ferrari è nona con Sebastian Vettel con una SF1000 leggermente rivista: la Rossa lascia quasi due secondi dalla Mercedes, ma la squadra di Maranello ha lavorato per capire il comportamento della vettura, più che cercare le prestazioni. L'aspetto insolito, infatti, è che Charles Leclerc è solo 11esimo risultando cinque decimi più lento del compagno tedesco.

La top 10 è completata da Pierre Gasly con l'AlphaTauri. Le due McLaren di Sainz e Lando Norris sono rispettivamente 12esimo e 13esimo. Dello spagnolo abbiamo già detto: ha coperto solo 8 giri prima del botto, mentre l'inglese è sceso in pista con l'ala anteriore nuova vista al Mugello: se darà esito positivo potrebbe essere utilizzata per il resto del weekend.

Antonio Giovinazzi è davanti a Kimi Raikkonen nel derby Alfa Romeo: i due sono separati di appena 29 millesimi di secondo: importante è che l'italiano preceda il finlandese per confermarsi il posto per il 2021.

Kevin Magnussen con la Haas è 16esimo, mentre Romain Grosjean è 18esimo: in mezzo si è infilato George Russell con la Williams.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Finland Valtteri Bottas Mercedes 13 1'34.923     221.788
2 Australia Daniel Ricciardo Renault 22 1'35.430 0.507 0.507 220.609
3 Netherlands Max Verstappen Red Bull 22 1'35.577 0.654 0.147 220.270
4 Mexico Sergio Perez Racing Point 23 1'35.796 0.873 0.219 219.767
5 Canada Lance Stroll Racing Point 21 1'35.965 1.042 0.169 219.379
6 France Esteban Ocon Renault 23 1'36.061 1.138 0.096 219.160
7 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 22 1'36.230 1.307 0.169 218.775
8 Thailand Alexander Albon Red Bull 24 1'36.254 1.331 0.024 218.721
9 Germany Sebastian Vettel Ferrari 23 1'36.323 1.400 0.069 218.564
10 France Pierre Gasly AlphaTauri 25 1'36.706 1.783 0.383 217.699
11 Monaco Charles Leclerc Ferrari 23 1'36.896 1.973 0.190 217.272
12 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 8 1'36.970 2.047 0.074 217.106
13 United Kingdom Lando Norris McLaren 28 1'37.110 2.187 0.140 216.793
14 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 17 1'37.201 2.278 0.091 216.590
15 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 23 1'37.230 2.307 0.029 216.525
16 Denmark Kevin Magnussen Haas 22 1'37.430 2.507 0.200 216.081
17 United Kingdom George Russell Williams 24 1'37.595 2.672 0.165 215.715
18 France Romain Grosjean Haas 24 1'37.649 2.726 0.054 215.596
19 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 18 1'37.716 2.793 0.067 215.448
20 Canada Nicholas Latifi Williams 11 1'37.784 2.861 0.068 215.299
condivisioni
commenti
F1: Aston Martin nel 2021 avrà una livrea verde british e rosa!
Articolo precedente

F1: Aston Martin nel 2021 avrà una livrea verde british e rosa!

Prossimo Articolo

Alfa Romeo: cambiate le frange della paratia laterale

Alfa Romeo: cambiate le frange della paratia laterale
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021