F1, Sochi, Libere 1: Bottas poi Ricciardo e Verstappen

Valtteri è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP di Russia con un tempo più lento dello scorso anno di mezzo secondo. La pista è molto scivolosa e hanno sbattutto Sainz e Latifi. Per questo Hamilton non ha cercato il tempo e ha lavorato per la gara finendo solo 19esimo. Dietro alla Mercedes ci sono Ricciardo e Verstappen. Bene le Racing Point, le Ferrari sono staccate con Vettel, nono, che precede Leclerc di mezzo secondo.

F1, Sochi, Libere 1: Bottas poi Ricciardo e Verstappen

La F1 approda a Sochi dando il via al girone di ritorno della stagione 2020 con il decimo appuntamento in calendario. Quella russa è una pista che nelle sei edizioni precedenti è stata terreno di conquista della Mercedes che ha vinto sempre, per cui non può stupire il fatto che Valtteri Bottas sia stato il più veloce nella prima sessione di prove libere.

Il finlandese con le gomme Soft (è la mescola C5, la più morbida della fornitura Pirelli) è arrivato a 1'34"923, un tempo che è mezzo secondo più lento rispetto alla prestazione 2019 di Charles Leclerc con la Ferrari SF90 nel 2019. Il tracciato, mai usato, è parso molto scivoloso e con pochissimo grip che non ha risparmiato i piloti con frequenti errori.

Carlos Sainz ha sbattuto la sua McLaren alla curva 7: lo spagnolo è finito largo sul cordolo e ha perso il retrotreno andando in testacoda a causa del basso grip della pista in una fase di transizione fra il passsaggio dal pedale del freno e l'acceleratore. Carlos è finito con il posteriore contro le barriere a bassa velocità, ma si è schiacciata l'ala posteriore. L'iberico è ripartito alla volta dei box con i piloni reclinati indietro mentre era stata decisa l'introdizione della VSC: procedendo lentamente è riuscito a rientrare senza poter riprendere la sessione.

Nello stesso punto ha perso la sua Williams Nicholas Latifi: l'impatto del canadese è stato più violento perché avvenuto ad una velocità maggiore con una dinamica molto simile. La direzione gara ha dovuto esporre la bandiera rossa perché la FW43, dopo aver urtato le protezioni con il retrotreno, si è accartocciata alle barriere dove è rimasta prima di essere recuperata dai mezzi di soccorso. Pilota ovviamente incolume che ha dovuto interrompere il suo programma di lavoro mentre era 16esimo nella tabella dei tempi.

L'ha scampata Romain Grosjean che si è solo girato con la Haas potendo ripartire senza danni.

E, allora, in queste condizioni non deve sorprendere il fatto che Lewis Hamilton sia solo 19esimo nella tabella dei tempi: l'inglese dopo un paio di bloccaggi in frenata con le gomme Hard ha preferito lavorare in funzione della gara, non cercando un giro lanciato.

Dietro a Bottas, che ha svolto il long run con le Medie, (è la C5 è spuntato un ottimo Daniel Ricciardo che testimonia la crescita della Renault. L'australiano con le Soft è arrivato a 507 millesimi dalla freccia nera, seguito a mezzo decimo da Max Verstappen con la Red Bull.

Positiva la prestazione di Sergio Perez quarto con la Racing Point in versione standard: il messicano è stato molto efficace soprattutto nella simulazione di gara, togliendosi il gusto di tenersi dietro il compagno Lance Stroll che dispone della RP20 evoluta, con un pacchetto aerodinamico (e non solo!) che dovrebbe valere due o tre decimi.

In sesta piazza c'è Esteban Ocon con la seconda R.S.20 ma il francese cede oltre mezzo secondo a Ricciardo a parità di gomma, ma con piani di lavoro diversi.

Positiva anche la prestazione di Daniil Kvyat che sente odore di casa sull'AlphaTauri e si colloca settimo, davanti ad Alexander Albon con la Red Bull RB16.

La Ferrari è nona con Sebastian Vettel con una SF1000 leggermente rivista: la Rossa lascia quasi due secondi dalla Mercedes, ma la squadra di Maranello ha lavorato per capire il comportamento della vettura, più che cercare le prestazioni. L'aspetto insolito, infatti, è che Charles Leclerc è solo 11esimo risultando cinque decimi più lento del compagno tedesco.

La top 10 è completata da Pierre Gasly con l'AlphaTauri. Le due McLaren di Sainz e Lando Norris sono rispettivamente 12esimo e 13esimo. Dello spagnolo abbiamo già detto: ha coperto solo 8 giri prima del botto, mentre l'inglese è sceso in pista con l'ala anteriore nuova vista al Mugello: se darà esito positivo potrebbe essere utilizzata per il resto del weekend.

Antonio Giovinazzi è davanti a Kimi Raikkonen nel derby Alfa Romeo: i due sono separati di appena 29 millesimi di secondo: importante è che l'italiano preceda il finlandese per confermarsi il posto per il 2021.

Kevin Magnussen con la Haas è 16esimo, mentre Romain Grosjean è 18esimo: in mezzo si è infilato George Russell con la Williams.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Finland Valtteri Bottas Mercedes 13 1'34.923     221.788
2 Australia Daniel Ricciardo Renault 22 1'35.430 0.507 0.507 220.609
3 Netherlands Max Verstappen Red Bull 22 1'35.577 0.654 0.147 220.270
4 Mexico Sergio Perez Racing Point 23 1'35.796 0.873 0.219 219.767
5 Canada Lance Stroll Racing Point 21 1'35.965 1.042 0.169 219.379
6 France Esteban Ocon Renault 23 1'36.061 1.138 0.096 219.160
7 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 22 1'36.230 1.307 0.169 218.775
8 Thailand Alexander Albon Red Bull 24 1'36.254 1.331 0.024 218.721
9 Germany Sebastian Vettel Ferrari 23 1'36.323 1.400 0.069 218.564
10 France Pierre Gasly AlphaTauri 25 1'36.706 1.783 0.383 217.699
11 Monaco Charles Leclerc Ferrari 23 1'36.896 1.973 0.190 217.272
12 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 8 1'36.970 2.047 0.074 217.106
13 United Kingdom Lando Norris McLaren 28 1'37.110 2.187 0.140 216.793
14 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 17 1'37.201 2.278 0.091 216.590
15 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 23 1'37.230 2.307 0.029 216.525
16 Denmark Kevin Magnussen Haas 22 1'37.430 2.507 0.200 216.081
17 United Kingdom George Russell Williams 24 1'37.595 2.672 0.165 215.715
18 France Romain Grosjean Haas 24 1'37.649 2.726 0.054 215.596
19 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 18 1'37.716 2.793 0.067 215.448
20 Canada Nicholas Latifi Williams 11 1'37.784 2.861 0.068 215.299
condivisioni
commenti
F1: Aston Martin nel 2021 avrà una livrea verde british e rosa!

Articolo precedente

F1: Aston Martin nel 2021 avrà una livrea verde british e rosa!

Prossimo Articolo

Alfa Romeo: cambiate le frange della paratia laterale

Alfa Romeo: cambiate le frange della paratia laterale
Carica commenti
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021