Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Prove Libere
Formula 1 GP di Gran Bretagna

F1 | Silverstone, Libere 3: spunta Leclerc, Verstappen si nasconde

Il monegasco, che ieri ha saltato la FP2 ieri per un problema elettrico, è stato il più veloce nella terza sessione di prove libere del GP di Gran Bretagna: Charles ha trovato una SF-23 competitiva nel giro secco, prima che la pioggia scombinasse i piani di tutti. Dietro alla rossa c'è Albon con la Williams davanti ad Alonso (Aston Martin), Gasly (Alpine) e Hamilton (Mercedes) che lascia mezzo secondo. Sainz è settimo davanti a Sargeant e Verstappen. Max non ha montato gomme soft, lavorando per la gara.

Charles Leclerc, Ferrari SF-23

Charles Leclerc aveva bisogno di una sessione sull'asciutto per recuperare il tempo perso ieri per un problema elettrico che gli aveva impedito di girare con la SF-23. Il monegasco ha avuto la conferma che la riparazione ai cablaggi è stata perfetta perché Charles, montate le gomme soft, ha centrato il miglior tempo in 1'27"419, risultando il più veloce nei tre intermedi della pista. La pioggia, poi arrivata puntualmente, non ha permesso alla Scuderia di raccogliere utili informazioni per i long run. Leclerc ha effettuato anche un paio di tornate con le slick sull'asfalto viscido per prendere dimestichezza con il fondo viscido dopo le difficoltà accusate in Austria.Un lungo ha poi consigliato Leclerc a rientrare ai box evitando di prendere inutili rischi.

Non ci dobbiamo stupire perché Max Verstappen e Sergio Perez non hanno mai montato la gomma soft dedicandosi alla media per raccogliere dei dati che potranno essere utili per la gara, visto che la qualifica verosimilmente sarà bagnata, per cui la Red Bull non ha cercato il giro secco. Il messicano è rimasto anonimo con le medie finendo solo 14esimo.

E così alle spalle della Ferrari c'è l'incredibile Williams di Alexander Albon: l'anglo thailandese si è portato a 173 millesimi dalla rossa con un ottimo 1'27"592 a conferma che l'ultimo aggiornamento tecnico ha permesso alla squadra diretta da James Vowles di fare un importante salto di qualità. La conferma è arrivata da Logan Sargeant che ha portato la sua FW45 in settima posizione subito a ridosso di Carlos Sainz, sesto con l'altra Ferrari.

In terza piazza si è inserito Fernando Alonso con l'Aston Martin capace di 1'27784 per stare davanti a Pierre Gasly (Alpine) e Lewis Hamilton (Mercedes). La Stella sta deludendo, per cui anche la notte di lavoro di Mick Schumacher al simulatore è servita a poco: la W14 soffre Silverstone e George Russell è addirittura nono.

La top 10 è chiusa da Yuki Tsunoda che ha cominciato a capirci qualcosa con l'AlphaTauri rivista e corretta: il giapponese ha limitato il distacco da Leclerc a 918 millesimi, subito incalzato dal compagno di squadra Nyck De Vries, finalmente a suo agio con la AT04.

Non ha brillato la McLaren: Lando Norris è finito sotto investigazione perché a inizio turno, mentre stava uscendo dalla pitlane, è stato bloccato via radio perché aveva un elemento per il raffreddamento non tolto. Un meccanico è corso per levare il soffiatore, ma è andato oltre la linea che autorizza lo staff del team ad agire, per cui l'inglese rischia una sanzione. Lando ha chiuso 12esimo, mentre Oscar Piastri con la MCL60 finalmente aggiornata anche per lui è 17esimo.

Non impressiona la Haas con Kevin Magnussen, 15esimo, più pimpante di Nico Hulkenberg. Male l'Alfa Romeo nonostante il nuovo pacchetto di novità: Valtteri Bottas è 18esimo con la C43, mentre Guanyu Zhou non ha chiuso un tempo. Il cinese ha dovuto fare i conti con un problema alla MGU-H della power unit Ferrari. A ogni appuntamento c'è un problema sullo 066/7 dei clienti del Cavallino: l'affidabilità resta un allarme per Maranello.

Sul bagnato ha dato una lezione di guida Max Verstappen, nettamente il più veloce con le intermedie, mentre Charles Leclerc ha sofferto per un innocuo testacoda che gli fa perdere quella confidenza che andava a cercare. Non ha ancora trovato il feeling sul posteriore...

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Monaco Charles Leclerc Ferrari 24 1'27.419     242.597
2 Thailand Alexander Albon Williams 14 1'27.592 0.173 0.173 242.118
3 Spain Fernando Alonso Aston Martin 17 1'27.784 0.365 0.192 241.588
4 France Pierre Gasly Alpine 19 1'27.893 0.474 0.109 241.288
5 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 16 1'27.948 0.529 0.055 241.137
6 Spain Carlos Sainz Jr. Ferrari 21 1'27.964 0.545 0.016 241.094
7 United States Logan Sargeant Williams 16 1'28.151 0.732 0.187 240.582
8 Netherlands Max Verstappen Red Bull 19 1'28.266 0.847 0.115 240.269
9 United Kingdom George Russell Mercedes 17 1'28.284 0.865 0.018 240.220
10 Japan Yuki Tsunoda AlphaTauri 21 1'28.337 0.918 0.053 240.076
11 Netherlands Nyck De Vries AlphaTauri 20 1'28.504 1.085 0.167 239.623
12 United Kingdom Lando Norris McLaren 18 1'28.563 1.144 0.059 239.463
13 Canada Lance Stroll Aston Martin 15 1'28.620 1.201 0.057 239.309
14 Mexico Sergio Perez Red Bull 19 1'28.904 1.485 0.284 238.544
15 Denmark Kevin Magnussen Haas 13 1'29.207 1.788 0.303 237.734
16 France Esteban Ocon Alpine 22 1'29.233 1.814 0.026 237.665
17 Australia Oscar Piastri McLaren 20 1'29.437 2.018 0.204 237.123
18 Finland Valtteri Bottas Alfa Romeo 15 1'29.586 2.167 0.149 236.728
19 Germany Nico Hulkenberg Haas 13 1'33.590 6.171 4.004 226.601
20 China Guan Yu Zhou Alfa Romeo 2        

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente LIVE Formula 1 | Gran Premio di Gran Bretagna, Libere 3
Prossimo Articolo F1 | McLaren: la nuova ala anteriore è in stile Mercedes

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia