Rueda: "Leclerc in gara con gomme soft troppo fredde"

Nell'ormai abituale appuntamento del dopo gara, il capo degli strateghi della Ferrari, Iñaki Rueda ci spiega come una SF1000 brillante nelle qualifiche del sabato è andata subito in crisi nel passo gara domenica. Leclerc non è riuscito a mandare in temperatura le gomme soffrendo il graining che ha reso la Rossa scivolosa e difficile da guidare.

Rueda: "Leclerc in gara con gomme soft troppo fredde"

Due gradi in meno di temperatura sull’asfalto fra le qualifiche del sabato e la gara dell’Eifel possono cambiare il comportamento di una moderna F1? A giudicare da quanto è accaduto a Charles Leclerc, quarto in prova e settimo al traguardo, viene da pensare di sì. Sabato c'erano 9 gradi nell'aria come la domenica, ma sulla pista se n'erano registrati 17, contro i 15 della corsa.

La Ferrari ha sofferto al Nurburgring fin dal primo giro del GP dell’Eifel con Charles Leclerc che ha cercato di difendere strenuamente il quarto posto, quando è parso chiaro a tutti che la SF1000 non avesse il passo per contendere la posizione a chi lo inseguiva a causa delle gomme che non sono andate in temperatura.

Per spiegare cosa è successo ecco il parere di Iñaki Rueda, Head of Race Strategy Ferrari…
“Le basse temperature di domenica hanno reso la mescola più soffice delle tre disponibili piuttosto fragile a causa del graining, un fenomeno che si manifesta quando non si riesce a far funzionare le gomme nella finestra d’esercizio ideale”.

“Gli pneumatici sono progettati per rendere al meglio quando la loro temperatura si mantiene di poco sopra ai 100 °C, visto l’alto livello di carico aerodinamico delle vetture. Di solito, si corre con temperature dell’asfalto fra i 30 e i 40 °C, anche se le Pirelli sopportano bene fino ai 60 °C, temperatura che si trova ad esempio in Bahrain, ed è piuttosto inusuale correre con valori come i 15 C° che abbiamo avuto in Germania”.

“Quando si supera in alto il limite di resistenza della gomma si generano delle bolle – in inglese “blisters” – mentre quando non si riesce a raggiungere il limite più basso si formano sulla superficie dei riccioli di gomma che non soltanto danno al pilota la sensazione di guidare su una pista scivolosissima, quasi come se con una macchina stradale guidassimo con le gomme da neve in piena estate, ma accelerano vistosamente anche il consumo del battistrada”.

“È proprio questo quello che è successo a Charles al Nürburgring domenica, ma anche all’Hungaroring nel luglio scorso, quando aveva montato le Soft con la pista ancora umida”.

Come si può ovviare a questo problema?
“Le squadre hanno diversi strumenti a disposizione, fra cui cercare di definire un assetto che minimizzi questo rischio, operare sul raffreddamento dei freni e lavorare con il pilota per adeguare lo stile di guida a queste circostanze”.

“In Germania diversi concorrenti hanno sofferto per il graining, ma alcuni altri no, come ad esempio è stato il caso di Sebastian nell’ultimo stint con le Soft. Bisogna trovare – come spesso accade – il miglior compromesso”.

Che conseguenze ha avuto il graining sulla gara di Charles?
“Subito si è visto che non aveva un buon passo, non soltanto rispetto ai primi tre ma anche nei confronti dei rivali che gli partivano alle spalle. Era riuscito a tenerseli dietro alla partenza ma al giro 9 ha dovuto lasciare strada a Daniel Ricciardo, una volta che le gomme anteriori erano in piena fase di graining”.

“A quel punto era troppo presto per fare una sola sosta – la nostra opzione preferita – ma anche piuttosto al limite per una strategia su due: abbiamo dovuto minimizzare i danni e farlo rientrare al giro successivo per montare un set di Medie”.

E come si è evoluta la sua gara da quel momento in avanti?
“Nella parte centrale Charles si è trovato molto più a suo agio ed è riuscito a superare sia Nico Hülkenberg che Pierre Gasly – entrambi su strategia a una sosta – sui quali a quel punto facevamo la nostra corsa”.

“Al giro 35 si è fermato per la seconda sosta montando un altro set di Medie e rientrando in pista davanti sia al pilota tedesco che a quello francese. Al giro 44 c’è stata la neutralizzazione causata da Norris: a quel punto potevamo scegliere di fermarci per montare un altro set di Soft – le Hard non erano un’opzione e di Medie non ne avevamo più a disposizione – perdendo così la posizione nei confronti di entrambi ma, dopo averne discusso via radio con Charles, abbiamo scelto di restare in pista, proprio alla luce di quello che si era visto nella prima parte della gara. Sia Gasly che Hülkenberg sono rientrati ai box per montare le Soft ma se il primo dei due è riuscito a superare in pista il nostro pilota, non di altrettanto è stato capace il secondo”.

condivisioni
commenti
Vettel: "Rispetto Hamilton, ma Schumacher resta il migliore"
Articolo precedente

Vettel: "Rispetto Hamilton, ma Schumacher resta il migliore"

Prossimo Articolo

Marko cerca Hulkenberg, ma per quale ruolo?

Marko cerca Hulkenberg, ma per quale ruolo?
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021