Mercedes: Hamilton scava un solco nel mondiale

Lewis corre da solo e si porta a casa dal Belgio la quinta vittoria su sette gara disputate: Bottas non è in grado di reggere il passo dell'esa-campione, tanto che ha chiesto via radio di poter usare la mappatura sorpasso convinto che il compagno ne stesse facendolargo uso, mentre stava solo sfruttando il piede destro.

Mercedes: Hamilton scava un solco nel mondiale

Dopo sette gare il cammino di Lewis Hamilton e della Mercedes ha già tutto per assomigliare ad un countdown. Non che ci fossero molti dubbi sulla possibilità che il tandem iridato potesse mettere le mani sui titoli Mondiali 2020, ma ad inizio stagione non c’è mai la certezza se si andrà ad assistere ad un dominio assoluto (come nel 2019, 2014, 2015, 2016) o ad un campionato più o meno combattuto, come è stato nel 2017 e 2018.

Ormai il copione è abbastanza chiaro, sta prendendo forma una stagione in cui Lewis Hamilton, nonostante il numero ridotto di gare, ha tutto per chiudere a doppia cifra il numero dei suoi successi e ovviamente raggiungere quota ‘sette’ alla voce titoli Mondiali in un palmares straordinario.

Ieri Toto Wolff ha definito la pole position di Lewis come l’exploit di chi partecipa ad un campionato tutto suo, ed i quarantaquattro giri completati oggi sul circuito di Spa sono stati il logico epilogo di un fine settimana trionfale.

I quarantasette punti di vantaggio su Max Verstappen (eroico secondo nella classifica del Mondiale) sono il massimo vantaggio mai avuto da Hamilton alla settima gara stagionale, ed è un esercizio ai limiti dell’impossibile provare a immaginare scenari diversi da quelli di un Mondiale indirizzato verso Brackley.

Ci ha provato Valtteri Bottas a restare attaccato al suo compagno di squadra, poi al quinto giro Lewis ha subito messo le cose in chiaro: 1’49”470 per Hamilton, 1’50”001 per il finlandese.

È arrivata la safety car ad azzerare i margini, ma alla ripartenza la musica è stata la stessa, ovvero Lewis ha proseguito una corsa a parte, limitando la sua performance solo per evitare rischi inutili sul fronte gomme, l’unico vero timore in vista della bandiera a scacchi.

A fine gara, una volta sceso dalla monoposto, Hamilton ha accarezzato le gomme anteriori, un mix tra una valutazione tecnica e un grazie a quegli pneumatici che lo hanno accompagnato sul traguardo dopo un pit-stop forzato che ha anticipato di dieci giri la sosta programmata.

“Abbiamo la stessa macchina – ha commentato Bottas a fine gara parlando del compagno di squadra – e quando Lewis guida così non è che si possa fare molto”.

In una giornata molto lineare per la Mercedes, c’è stato solo un piccolo giallo che ha riguardato il finlandese. Quando ha visto il compagno di squadra prendere il volo, Bottas ha chiesto via-radio se potesse ‘tirare’, lasciando intendere che il compagno di squadra fosse al corrente di qualcosa a lui non comunicata, ma tutto è diventato chiaro dopo la corsa.

“Non ci sono regole in vigore tra i due piloti – ha chiarito dopo la corsa Toto Wolff- sono liberi di correre. In mattinata abbiamo concordato che non avrebbero dovuto utilizzare la modalità sorpasso qualora si fossero trovati a duellare tra loro, visto che è un numero di chilometri limitato ed è meglio conservare questo ‘bonus’ qualora ci fosse stato da lottare con Max. La domanda di Valtteri era in merito a questo aspetto, e credo ci sia stato un problema di comunicazione tra lui e alcuni dei ragazzi ai box”.

Bottas ha avuto il sospetto che Hamilton stesse usando mappe ‘proibite’, invece era solo Lewis ad aver tarato diversamente il piede destro.

Al netto di questa incomprensione, il resto della domenica per la Mercedes è stata una lunga passerella verso la bandiera a scacchi, con buona pace di uno scatenato Verstappen che ha dato l’anima per evitare almeno di vedere Hamilton e Bottas poter effettuare un secondo pit-stop senza il rischio di tornare in pista alle sue spalle.

Il verdetto di Spa è chiarissimo, poi ci saranno anche delle giornate i cui Max e la Red Bull potranno ambire a successi di tappa, ma non molto di più. Tutto è già scritto, ed è una storia già vista, a cambiare sarà l’altezza a cui volerà Lewis Hamilton, la più alta in assoluto nella storia di questo sport.

Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia sul podio con il trofeo
Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia sul podio con il trofeo
1/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
2/13

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, si congratula con Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, per la pole
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, si congratula con Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, per la pole
3/13

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1 ° posto, con il trofeo sul podio
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1 ° posto, con il trofeo sul podio
4/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 primo posto, festeggia sul podio
Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 primo posto, festeggia sul podio
5/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia sul podio con il trofeo
Il vincitore Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia sul podio con il trofeo
6/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
7/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
8/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Race Winner Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia nel parco chiuso con il team
Race Winner Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1 festeggia nel parco chiuso con il team
9/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, 1° posto, festeggia con il suo team nel parco chiuso
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, 1° posto, festeggia con il suo team nel parco chiuso
10/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
11/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, primo posto, festeggia sul podio
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, primo posto, festeggia sul podio
12/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, 3° posto, Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1° posto,e Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1, 2° posto, festeggiano con lo champagne
Max Verstappen, Red Bull Racing, 3° posto, Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, 1° posto,e Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1, 2° posto, festeggiano con lo champagne
13/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Grave errore di Giovinazzi: Antonio ha chiesto scusa

Articolo precedente

Grave errore di Giovinazzi: Antonio ha chiesto scusa

Prossimo Articolo

Ferrari ha fatto appello contro la reprimenda Racing Point

Ferrari ha fatto appello contro la reprimenda Racing Point
Carica commenti
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021