McLaren: il roll hoop MCL35 simile a quello Alfa!

La squadra di Woking presenterà la MCL35 il 13 febbraio: la prima monoposto che sarà firmata da James Key avrà il roll bar a vela come sulla C38 di Hinwil. Scopriamo come mai la McLaren va incontro a questa soluzione lanciata dalla Mercedes nel 2010.

McLaren: il roll hoop MCL35 simile a quello Alfa!

La McLaren MCL35 è destinata a cambiare faccia: la monoposto che nel 2019 ha riportato con Carlos Sainz e Lando Norris il team di Woking al ruolo di quarta forza nel mondiale Costruttori, sarà abbastanza diversa da quella che scopriremo il prossimo 13 febbraio.

Anche se il regolamento tecnico non ha subito grande cambiamenti, e saranno molte le macchine che saranno solo una evoluzione della monoposto 2019, la McLaren potrebbe essere sostanzialmente diversa perché è cambiato il capo progettista.

Non c’è più Pat Fry che ha firmato la MCL35 (l’inglese si è accordato con la Renault ma diventerà operativo a Enstone solo nella seconda parte dell’anno, quando avrà completato il periodo di gardening), perché la conduzione tecnica è passata nelle mani di James Key.

James Key, direttore tecnico McLaren

James Key, direttore tecnico McLaren

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Con Andreas Seidl, stimatissimo team principal tedesco, la McLaren ha cancellato il suo organigramma tecnico a matrice, tornando a un sistema più gerarchico e la riorganizzazione completata con successo da Andrea Stella ha certamente contribuito a rilanciare le quotazioni del team che ha in Zak Brown l’Executive Director.

Osservando con cura l’immagine twitter che Carlos Sainz ha postato sui social il giorno in cui è andato a fare il sedile nel moke-up della MCL35 non ci è sfuggito il fatto che il roll hoop avrà un disegno molto simile a quello dell’Alfa Romeo C38.

 

Vale a dire con il roll-bar in un unico elemento centrale che sarà contornato dalle prese d’aria che alimenteranno l’airscope del motore e i radiatori dell’ERS e del cambio.

McLaren MCL34: ecco la presa dinamica ovoidale del 2019

McLaren MCL34: ecco la presa dinamica ovoidale del 2019

Photo by: Giorgio Piola

L’anno scorso la MCL34 disponeva di una grande presa dinamica di disegno ovoidale in stile Renault che tendeva a coprire una sezione importante della parte centrale dell’alettone posteriore, per cui per migliorare l’efficienza aerodinamica è corretto seguire l’orientamento Alfa Romeo introdotto da Luca Furbatto, anche se l’idea originale resta della Mercedes e fu introdotta nel 2010 sull’evoluzione della MGP W01.

Mercedes MGP W01 con il roll bar a vela apparso nel 2010

Mercedes MGP W01 con il roll bar a vela apparso nel 2010

Photo by: Giorgio Piola

In realtà la scelta può essere il frutto anche di un’altra indicazione: la Renault può aver spostato più in alto alcuni elementi del raffreddamento della power unit e questa soluzione dovrebbe consentire di avere condotti di alimentazione dell’aria più corti e, quindi, pance più profilate e meno resistenti.

condivisioni
commenti
Kubica: “Williams disastrosa, Pirelli non ha colpe”

Articolo precedente

Kubica: “Williams disastrosa, Pirelli non ha colpe”

Prossimo Articolo

Haas: superati i crash test, omologato il telaio 2020

Haas: superati i crash test, omologato il telaio 2020
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021