F1: Hamilton re di Spagna per la quinta volta

Quarta vittoria di fila nel GP di Spagna di Lewis Hamilton: l'esa-campione si aggiudica l'88esima vittoria dopo una netta supremazia. Max Verstappen, secondo con la Red Bull, ha dovuto cedere il passo alla Mercedes, ma si è tolto il gusto di mettersi dietro Valtteri Bottas. Fuori dal podio le due Racing Point con Stroll, quarto, e Perez, quinto. Vettel finisce settimo con una strategia di una sosta e porta punti importanti per il suo morale. Leclerc unico ritirato.

F1: Hamilton re di Spagna per la quinta volta

Lewis Hamilton conquista la quinta vittoria nel GP di Spagna e dà un'impronta chiara al mondiale 2020 che è giunto al sesto appuntamento a Barcellona. Conquista la pole e coglie l'88esimo successo che lo porta a sole tre lunghezze dal record di Michael Schumacher, infilando come il tedesco la quarta vittoria di fila al Montmelò.

L'esa-campione dimostra che è lui il maestro nella gestione delle gomme piegando la resistenza di Max Verstappen che si è messo in caccia della freccia nera dal primo giro, ma Barcellona non è Silverstone e la Mercedes non accusa il caldo iberico per cui Lewis incrementa il suo vantaggio nel mondiale piloti che lo porta a 132 punti con 37 lunghezze sull'olandese che mantiene la piazza d'onore davanti a Valtteri Bottas, il vero sconfitto di questo appuntamento.

Valtteri è partito male e si è trovato quarto al primo giro infilato da Verstappen e anche da Stroll, poi ha cercato di rimettere le cose in fila, ma il finlandese ha pagato la scelta delle gomme Soft al secondo pit stop quando la Red Bull dell'olandese non sembrava lontana. Si è preso il giro più veloce in 1'18"183, facendo un dispetto al compagno di squadra che puntava al Gran Chelem, e batte il record in gara che era di Daniel Ricciardo e durava dal 2018.

Hamilton non commette la minima sbavatura sul cammino del settimo titolo mondiale, mentre Bottas si relega al ruolo di scudierao da solo: è molto consistente in qualifica, ma si scioglie in gara pagando un grande distacco dal britannico.

Max Verstappen ha fatto il mastino finché ha potuto, poi ha tirato i remi in barca perché la Red Bull non è la Mercedes e l'olandese è stato costretto ad alzare il passo al 40esimo giro per un calo di potenza registrato anche dalla telemetria (Max ha corso con la power unit n.1 che è stata rispolverata per questo appuntamento) e ha concluso con 24 secondi di ritardo da Lewis.

La Mercedes, insomma, non ha un punto debole e la Red Bull è costretta a inseguire, ma la vettura di Verstappen è anche l'unica che non è stata doppiata oltre alle frecce nere, visto che solo i primi tre hanno concluso a pieni giri!

Questa è la dimostrazione lampante di come i primi due top team siano oggi in grado di fare una grande selezione, relegando tutti gli altri lontano, lontanissimo. Fuori dal podio c'è il rientrante Sergio Perez con la Force India: il messicano si è preso una penalizzazione di 5 secondi per non aver rispettato le bandiere blu, md è finito dietro al compagno di squadra Lance Stroll. Sergio ha mostrato una buona forma dopo il Covid-19 ed è stato uno dei tre piloti che hanno concluso il GP con un solo cambio gomme, ma una ingenuità gli è costata un piazzamento.

Il canadese si è messo in evidenza alla partenza portandosi al terzo posto, prima di scivolare al posto che gli compete: la Racing Point capitalizza punti importanti con la Merecedes rosa.

La sesta piazza è di ottimo Carlos Sainz con la McLaren che proprio nel finale ha arpionato la posizione sulla Ferrari di Sebastian Vettel. Lo spagnolo ha sentito l'aria di casa e ha regalato punti dimostrando che con una MCL35 senza problemi è in grado di esprimersi al meglio (finalmente gli hanno risolto i surriscaldamenti che lo hanno afflitto a Silverstone).

Buona la settima posizione di Sebastian Vettel che era partito 11esimo con le gomme medie. Il tedesco si è imposto sulla squadra che lo voleva chiamare al secondo pit e, invece, è riuscito a concludere la corsa con le Soft, difendendosi egregiamente da un gruppo di inseguitori come dovrebbe fare un quattro volte campione del mondo.

Il tedesco questa volta ha avuto ragione e porta a casa dei punti molto importanti per il suo morale, visto che si stavano moltiplicando le voci di una possibile sostituzione, nonostante le parole rassicuranti di Mattia Binotto.

L'unico ritirato è Charles Leclerc che era davanti al compagno di squadra quando la sua SF100o si è spenta nell'ingresso dell'ultima chicane al 36esimo giro. Un black out elettrico ha bloccato il giovane del Cavallino che ha insistito a rimettere in moto la Rossa e a ripartire percorrendo un paio di giri prima di rientrare in pit lane. Charles si era slacciato le cinture quando la SF1000 si è ammutolita e ha sperato che i meccanici potessero rilegarlo, ma l'operazione è stata più lunga del previsto per cui il team ha deciso di fermarlo, anche per evitare un possibile provvedimento...

La Ferrari doppiata è una desolazione, ma questo è ciò che passa il convento di Maranello. La Rossa lascia la Spagna come quinta forza a Barcellona, a dimostrazione che se non arriveranno presto delle novità sarà difficile riagguantare il terzo posto nel mondiale Costruttori.

Ottavo Alexander Albon che ha provato a montare sulla Red Bull le gomme Hard al primo pit: una scelta che si è rivelata sbagliata, tant'è che l'anglo thailandese è stato costretto a una seconda sosta. Alexander ha comcluso con l'AlphaTauri di Pierre Gasly alle calcagna.

La top ten è stata completata da Lando Norris con la McLaren, mentre è rimasta fuori dai punti la Renault 11esima con Daniel Ricciardo e 13esima con Esteban Ocon.

Kimi Raikkonen ha fatto fruttare l'esperienza per portare l'Alfa Romeo al 14esimo posto davanti alla Haas di Kevin Magnussen e Antonio Giovinazzi. Le Williams rivelano i loro limiti: sono le uniche due monoposto che vengono doppiate due volte. Che disastro!

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 66 1:31'45.279       25
2 Netherlands Max Verstappen Red Bull 66 1:32'09.456 24.177 24.177   18
3 Finland Valtteri Bottas Mercedes 66 1:32'30.031 44.752 20.575   16
4 Canada Lance Stroll Racing Point 65 1 lap       12
5 Mexico Sergio Perez Racing Point 65 1 lap       10
6 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 65 1 lap       8
7 Germany Sebastian Vettel Ferrari 65 1 lap       6
8 Thailand Alexander Albon Red Bull 65 1 lap       4
9 France Pierre Gasly AlphaTauri 65 1 lap       2
10 United Kingdom Lando Norris McLaren 65 1 lap       1
11 Australia Daniel Ricciardo Renault 65 1 lap        
12 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 65 1 lap        
13 France Esteban Ocon Renault 65 1 lap        
14 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 65 1 lap        
15 Denmark Kevin Magnussen Haas 65 1 lap        
16 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 65 1 lap        
17 United Kingdom George Russell Williams 65 1 lap        
18 Canada Nicholas Latifi Williams 64 2 laps        
19 France Romain Grosjean Haas 64 2 laps        
  Monaco Charles Leclerc Ferrari 38          
condivisioni
commenti
LIVE Formula 1, GP di Spagna: la Gara
Articolo precedente

LIVE Formula 1, GP di Spagna: la Gara

Prossimo Articolo

Leclerc amaro: "Ritiro? Il punto è che siamo lenti in tutto!"

Leclerc amaro: "Ritiro? Il punto è che siamo lenti in tutto!"
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021