Ferrari e Vettel lontani: ora guardano i piani B

Dopo sei stagioni in Rosso, pensare ad una conclusione del rapporto tra Seb e la Scuderia non è fantascienza ma uno scenario possibile. Per il rinnovo serve un passo indietro del tedesco, ma le indiscrezioni non sembrano confermarne l’intenzione.

Ferrari e Vettel lontani: ora guardano i piani B

La storia sportive hanno sempre un inizio ed una fine. Esserne consapevoli non esclude però lo stupore che sorge spontaneamente davanti ad accordi ed addii ‘shock’, passaggi di cui è piena anche la storia della Formula 1.

Gli ingredienti per storie di questo tipo sono sempre gli stessi: piloti dal curriculum pesante e top-team, legami che nascono o si concludono, senza grande preavviso. E a proposito di storie, quella del momento è il rinnovo contrattuale tra Sebastian Vettel e la Ferrari.

Quando lo scorso 21 febbraio è stata presentata la SF1000, il secondo rinnovo di Seb con la Scuderia sembrava un passaggio scontato, magari da definire in alcuni dettagli (durata e compenso), ma in generale era considerato una formalità che in tempi relativamente brevi sarebbe stata ufficializzata con un comunicato ufficiale di poche righe. Tre mesi dopo il quadro appare invece molto meno scontato.

Posizioni rigide, trattative bloccate

Secondo le ultime indiscrezioni sul tavolo delle trattative le cose starebbero andando diversamente, con punti critici di non semplice soluzione. Uno su tutti sembra particolarmente cruciale, ed è quello relativo alla durata del contratto. La Ferrari ha proposto un anno, Vettel ne vuole due. Se le posizioni si irrigidiscono, non è difficile immaginare le conseguenze: si arriva ad uno stallo, ed è ciò che si sussurra nelle ultime settimane.

La Scuderia ha un punto fermo di valore assoluto (Charles Leclerc) e può permettersi di restare ferma sulla sua posizione, mentre Vettel (per la prima volta nella sua carriera) si trova in una posizione scomoda.

Quando a fine 2014 si prospettava per lui una situazione simile nei confronti della Red Bull (Daniel Ricciardo concluse la sua prima stagione con un bilancio di tre successi a zero nei confronti del compagno di squadra) Seb cambiò aria accettando l’offerta della Ferrari. Problema risolto brillantemente, sotto tutti i punti di vista.

Corsi e ricorsi

La situazione che Seb sta vivendo oggi a Maranello non è poi così diversa rispetto a quella di sei anni fa. Non deve essere stato facile per Vettel vedere sul tavolo un’offerta inferiore alle sue aspettative (sia sotto il profilo economico che su quello della durata del contratto) ma gli equilibri in un ambiente sportivo vengono determinati da classifiche e prospettive, e non potrebbe essere altrimenti. Quando alla vigilia del Gran Premio d’Italia 2018 la Ferrari concluse il suo rapporto di collaborazione con Kimi Raikkonen giocando la carta Leclerc, mise da parte sentimentalismi e fece la scelta migliore per un’azienda che è sempre stata chiamata a guardare avanti. Dodici mesi dopo, anche i più irriducibili sostenitori di Iceman lo hanno capito.

La situazione attuale di Vettel non è ovviamente come quella di Raikkonen di un anno e mezzo fa, ma Seb non può mettere sul piatto gli stessi risultati del 2017, quando ottenne un rinnovo triennale e ben pagato dall’allora presidente Sergio Marchionne.

Oggi i numeri dicono altro e come è nella logica delle cose, anche l’offerta di rinnovo è differente. Ecco perché oggi non è più fantascienza pensare che la storia tra Vettel e la Ferrari potrebbe giungere ai titoli di coda: questione di numeri ed orgoglio.

A Maranello, come è noto da tempo, non mancano le alternative, considerazione valida anche per Seb, ma il mercato oggi non sembra offrire opportunità in grado di garantirgli un contratto con il profilo di quello in scadenza con la Ferrari. Può essere un buon motivo per un passo indietro in extremis? Forse, ma il tempo stringe perché anche i piani “B” hanno delle scadenze.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
2/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari nel garage

Sebastian Vettel, Ferrari nel garage
3/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
4/20

Foto di: Franco Nugnes

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari
6/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pit board per Sebastian Vettel, Ferrari

Pit board per Sebastian Vettel, Ferrari
7/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista
9/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista
10/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Pierre Galsy, AlphaTauri, Daniel Kvyat, AlphaTauri, Lando Norris, McLaren, Carlos Sainz, McLaren, Sebastien Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari

Pierre Galsy, AlphaTauri, Daniel Kvyat, AlphaTauri, Lando Norris, McLaren, Carlos Sainz, McLaren, Sebastien Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari
11/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel e Charles Leclerc con la Ferrari SF1000

Sebastian Vettel e Charles Leclerc con la Ferrari SF1000
12/20

Foto di: Ferrari

Sebastien Vettel, Ferrari

Sebastien Vettel, Ferrari
13/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
15/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
16/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
17/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
18/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
19/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
20/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Brown: "Vorrei una Formula 1 competitiva come la IndyCar"

Articolo precedente

Brown: "Vorrei una Formula 1 competitiva come la IndyCar"

Prossimo Articolo

Alonso: "Più o meno so cosa farò nel 2021. Voglio vincere titoli"

Alonso: "Più o meno so cosa farò nel 2021. Voglio vincere titoli"
Carica commenti
F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021