Ferrari e Vettel lontani: ora guardano i piani B

Dopo sei stagioni in Rosso, pensare ad una conclusione del rapporto tra Seb e la Scuderia non è fantascienza ma uno scenario possibile. Per il rinnovo serve un passo indietro del tedesco, ma le indiscrezioni non sembrano confermarne l’intenzione.

Ferrari e Vettel lontani: ora guardano i piani B

La storia sportive hanno sempre un inizio ed una fine. Esserne consapevoli non esclude però lo stupore che sorge spontaneamente davanti ad accordi ed addii ‘shock’, passaggi di cui è piena anche la storia della Formula 1.

Gli ingredienti per storie di questo tipo sono sempre gli stessi: piloti dal curriculum pesante e top-team, legami che nascono o si concludono, senza grande preavviso. E a proposito di storie, quella del momento è il rinnovo contrattuale tra Sebastian Vettel e la Ferrari.

Quando lo scorso 21 febbraio è stata presentata la SF1000, il secondo rinnovo di Seb con la Scuderia sembrava un passaggio scontato, magari da definire in alcuni dettagli (durata e compenso), ma in generale era considerato una formalità che in tempi relativamente brevi sarebbe stata ufficializzata con un comunicato ufficiale di poche righe. Tre mesi dopo il quadro appare invece molto meno scontato.

Posizioni rigide, trattative bloccate

Secondo le ultime indiscrezioni sul tavolo delle trattative le cose starebbero andando diversamente, con punti critici di non semplice soluzione. Uno su tutti sembra particolarmente cruciale, ed è quello relativo alla durata del contratto. La Ferrari ha proposto un anno, Vettel ne vuole due. Se le posizioni si irrigidiscono, non è difficile immaginare le conseguenze: si arriva ad uno stallo, ed è ciò che si sussurra nelle ultime settimane.

La Scuderia ha un punto fermo di valore assoluto (Charles Leclerc) e può permettersi di restare ferma sulla sua posizione, mentre Vettel (per la prima volta nella sua carriera) si trova in una posizione scomoda.

Quando a fine 2014 si prospettava per lui una situazione simile nei confronti della Red Bull (Daniel Ricciardo concluse la sua prima stagione con un bilancio di tre successi a zero nei confronti del compagno di squadra) Seb cambiò aria accettando l’offerta della Ferrari. Problema risolto brillantemente, sotto tutti i punti di vista.

Corsi e ricorsi

La situazione che Seb sta vivendo oggi a Maranello non è poi così diversa rispetto a quella di sei anni fa. Non deve essere stato facile per Vettel vedere sul tavolo un’offerta inferiore alle sue aspettative (sia sotto il profilo economico che su quello della durata del contratto) ma gli equilibri in un ambiente sportivo vengono determinati da classifiche e prospettive, e non potrebbe essere altrimenti. Quando alla vigilia del Gran Premio d’Italia 2018 la Ferrari concluse il suo rapporto di collaborazione con Kimi Raikkonen giocando la carta Leclerc, mise da parte sentimentalismi e fece la scelta migliore per un’azienda che è sempre stata chiamata a guardare avanti. Dodici mesi dopo, anche i più irriducibili sostenitori di Iceman lo hanno capito.

La situazione attuale di Vettel non è ovviamente come quella di Raikkonen di un anno e mezzo fa, ma Seb non può mettere sul piatto gli stessi risultati del 2017, quando ottenne un rinnovo triennale e ben pagato dall’allora presidente Sergio Marchionne.

Oggi i numeri dicono altro e come è nella logica delle cose, anche l’offerta di rinnovo è differente. Ecco perché oggi non è più fantascienza pensare che la storia tra Vettel e la Ferrari potrebbe giungere ai titoli di coda: questione di numeri ed orgoglio.

A Maranello, come è noto da tempo, non mancano le alternative, considerazione valida anche per Seb, ma il mercato oggi non sembra offrire opportunità in grado di garantirgli un contratto con il profilo di quello in scadenza con la Ferrari. Può essere un buon motivo per un passo indietro in extremis? Forse, ma il tempo stringe perché anche i piani “B” hanno delle scadenze.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
2/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari nel garage
Sebastian Vettel, Ferrari nel garage
3/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
4/20

Foto di: Franco Nugnes

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari
6/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pit board per Sebastian Vettel, Ferrari
Pit board per Sebastian Vettel, Ferrari
7/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista
9/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 fermo in pista
10/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Pierre Galsy, AlphaTauri, Daniel Kvyat, AlphaTauri, Lando Norris, McLaren, Carlos Sainz, McLaren, Sebastien Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari
Pierre Galsy, AlphaTauri, Daniel Kvyat, AlphaTauri, Lando Norris, McLaren, Carlos Sainz, McLaren, Sebastien Vettel, Ferrari e Charles Leclerc, Ferrari
11/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel e Charles Leclerc con la Ferrari SF1000
Sebastian Vettel e Charles Leclerc con la Ferrari SF1000
12/20

Foto di: Ferrari

Sebastien Vettel, Ferrari
Sebastien Vettel, Ferrari
13/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
15/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
16/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000
17/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
Sebastien Vettel, Ferrari SF1000 nel garage
18/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
19/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
20/20

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Brown: "Vorrei una Formula 1 competitiva come la IndyCar"
Articolo precedente

Brown: "Vorrei una Formula 1 competitiva come la IndyCar"

Prossimo Articolo

Alonso: "Più o meno so cosa farò nel 2021. Voglio vincere titoli"

Alonso: "Più o meno so cosa farò nel 2021. Voglio vincere titoli"
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021