Brown: "Vorrei una Formula 1 competitiva come la IndyCar"

Zak Brown ha detto che la Formula 1 dovrebbe divenire competitiva come la IndyCar in futuro, con molti più risultati a sorpresa e vincitori inaspettati.

Brown: "Vorrei una Formula 1 competitiva come la IndyCar"

Il circus si augura di ridurre i distacchi in termini di prestazioni sfruttando il nuovo regolamento tecnico che verrà introdotto nel 2022, assieme all'aiuto sulla riduzione del budget cap per il prossimo anno.

Negli ultimi sei campionati, solo Mercedes, Ferrari e Red Bull si sono aggiudicati almeno un Gran Premio e l'ultimo a riuscirci "degli altri" fu la Lotus nel 2013 in Australia. Che confrontato con gli 11 team vittoriosi in IndyCar nello stesso periodo è chiaramente tutt'altra cosa.

Parlando in esclusiva con Motorsport.com per il ciclo di interviste #thinkingforward, Brown ha quindi affermato di diventare come la serie statunitense.

"Penso che il prodotto IndyCar in pista sia quello che vogliamo vedere in Formula 1 - ha dichiarato l'AD di McLaren, che con l'azienda segue anche la Schmidt Peterson come McLaren Arrow SP negli Stati Uniti - Non parlo di specifiche tecniche, la Formula 1 è la Formula 1, la IndyCar resta la IndyCar. Quello che voglio dire è che su 17 gare i più grandi vincono i titoli, ma nell'arco dell'anno tre o quattro sorprese ci sono".

"Quando vai al Detroit Grand Prix, ti puoi fare un'idea di chi vincerà, ma almeno in 10 ne hanno possibilità, non solo 4-5. Questa cosa non succede mai in F1, sinceramente non ricordo quando uno è arrivato primo a sorpresa. I più grandi continueranno a vincere, ma vorrei che ci fosse più competizione serrata. Non voglio che si crei del caos, possono verificarsi pit-stop sbagliati, problemi o incidenti, ma non desidero che siano questi a darci sorprese".

La pandemia di Coronavirus ha fatto slittare l'introduzione del nuovo regolamento di F1 dal 2021 al 2022, con Ross Brawn che ha confermato non ci saranno ulteriori rinvii in merito, con l'intenzione comunque di arrivare ad una maggiore sostenibilità.

"Un buon team di centro gruppo potrebbe andare sul podio o vincere e guadagnare qualcosa, cosa che se accadesse ci darebbe più sostenibilità per il futuro - ha affermato Brawn a Sky Sports F1 - Con le vetture che abbiamo oggi è molto complicato, più si spende e più vai forte, quindi dobbiamo livellare il tutto".

"Bisogna mantenere l'integrità della F1, è uno sport e i migliori vincono, chiaramente. Ma penso che con i nuovi regolamenti, in futuro le gare saranno più equilibrate. Abbiamo rimandato di un anno, ma nel 2022 partiremo sicuramente".

 
condivisioni
commenti
Formula 1: anche con un positivo il GP non si fermerà
Articolo precedente

Formula 1: anche con un positivo il GP non si fermerà

Prossimo Articolo

Ferrari e Vettel lontani: ora guardano i piani B

Ferrari e Vettel lontani: ora guardano i piani B
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021