Ferrari: Camilleri lascia il ruolo di amministratore delegato

L’amministratore delegato del Cavallino lascia Maranello con effetto immediato a due anni e mezzo dalla sua nomina. Il ruolo di AD passa, ad interim, al Presidente John Elkann.

Ferrari: Camilleri lascia il ruolo di amministratore delegato

Louis Camilleri lascia la carica di amministratore delegato della Ferrari. L’addio di Camilleri coglie di sorpresa non solo i tifosi della Scuderia, ma anche molti addetti ai lavori, poiché il sessantacinquenne manager non aveva mai manifestato (almeno pubblicamente) l’intenzione di concludere la sua avventura a Maranello.

Camilleri ha deciso di concludere la sua vita lavorativa, e la conferma arriva anche da un comunicato emesso dalla Philip Morris, che conferma il ritiro del manager dal suo ruolo nel consiglio di Amministrazione con effetto immediato.

Louis Camilleri ha comunicato la decisione, "per motivi personali", di rassegnare le sue
dimissioni "con effetto immediato" dal ruolo di amministratore delegato e membro del Cda di Ferrari. 

Il presidente esecutivo John Elkann, "prendendo atto con dispiacere di tale decisione, ha annunciato che assumerà la carica di amministratore delegato ad interim, mentre il
consiglio di amministrazione della Ferrari gestirà il processo già avviato di identificazione del successore del dottor Camilleri".
 

L’annuncio di Camilleri ha colto di sorpresa e a sorpresa fu anche il suo annuncio ufficiale nel ruolo di Amministratore Delegato della Ferrari, datato il 21 luglio 2018, un sabato che vide Sebastian Vettel conquistare la pole position nel Gran Premio di Germania.

Una nomina emessa in una riunione urgente del consiglio d’amministrazione della Ferrari, convocata subito dopo la notizia delle condizioni irreversibili in cui versava Sergio Marchionne.

I due anni e mezzo di Camilleri al timone della Ferrari sono stati contraddistinti da un buon successo commerciale, considerando l’onda d’urto Covid che ha messo a dura prova tutti i Costruttori. Nel giorno del suo insediamento il titolo Ferrari quotava 113 euro, un valore aumentato di più del 50% nel corso dell’ultimo biennio, toccando il massimo storico in questi giorni a 179 euro.

A mancare sono state le soddisfazioni in pista, visto che l’arrivo di Camilleri coincise con il crollo delle speranze Mondiali di Vettel e della Ferrari nel Mondiale 2018.

Nell’ultima parte di quella stagione arrivarono le vittorie a Spa (Vettel) e Austin (Raikkonen), poi nel 2019 il mese da sogno con il doppio successo di Charles Leclerc a Spa e Monza, e la vittoria di Vettel (che resta l’ultima al momento conquistata dal tedesco e dalla Ferrari) nel Gran Premio di Singapore. Il 2020 non ha aggiunto molto al ciclo Camilleri, visto che la Scuderia sembra destinata a terminare il Mondiale 2020 al sesto posto nella classifica Costruttori.

I prossimi giorni si preannunciano ‘caldi’ sull’asse Maranello-Torino, dove sarà valutato il nome del nuovo Amministratore Delegato.

condivisioni
commenti
Hamilton negativo al COVID-19: corre ad Abu Dhabi

Articolo precedente

Hamilton negativo al COVID-19: corre ad Abu Dhabi

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1, Gran Premio di Abu Dhabi: Libere 1

LIVE Formula 1, Gran Premio di Abu Dhabi: Libere 1
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Sebastian Vettel , Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Roberto Chinchero
Alonso, torero dalla spada spuntata Prime

Alonso, torero dalla spada spuntata

Fernando Alonso ha chiuso il GP di Spagna di Formula 1 in diciassettesima posizione, doppiato e ben lontano dalla zona punti. L'asturiano è apparso in difficoltà per tutto il fine settimana, dove è stato regolarmente "suonato" dal compagno di team Esteban Ocon. L'augurio è che, da Monaco in avanti, Alonso possa invertire la china

Podcast, Bobbi: "Verstappen e Red Bull, occasione sprecata" Prime

Podcast, Bobbi: "Verstappen e Red Bull, occasione sprecata"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Spagna di Formula 1 vinto da Lewis Hamilton insieme a Marco Congiu e Matteo Bobbi. A deludere le aspettative su una pista che sulla carta si presentava a suo vantaggio è la Red Bull, che lascia Barcellona con il secondo posto di Verstappen

Formula 1
10 mag 2021
Minardi: "Verstappen ha dato tutto, manca la Red Bull" Prime

Minardi: "Verstappen ha dato tutto, manca la Red Bull"

In compagnia del Direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, e dell'ex Team Principal di Formula 1, Gian Carlo Minardi, andiamo a dare i voti al Gran Premio di Spagna di F1.

Formula 1
10 mag 2021
GP Spagna: l'animazione grafica della gara Prime

GP Spagna: l'animazione grafica della gara

Andiamo a rivivere le emozioni del GP di Spagna di F1 in questa nostra animazione grafica, dove ripercorriamo l'andamento in classifica dei vari piloti

Formula 1
10 mag 2021
Podcast F1: Chinchero analizza il GP di Spagna Prime

Podcast F1: Chinchero analizza il GP di Spagna

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast il Gran Premio di Spagna, quarto appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Formula 1
9 mag 2021
GP di Spagna: la griglia di partenza Prime

GP di Spagna: la griglia di partenza

Andiamo a scoprire insieme la griglia di partenza del Gran Premio di Spagna, quarta prova del Mondiale 2021 di Formula 1

Formula 1
9 mag 2021
Piola: "La Red Bull ha preso l'azzardo di scaricare l'ala" Prime

Piola: "La Red Bull ha preso l'azzardo di scaricare l'ala"

Continuano le novità tecniche mostrate dalle monoposto nel fine settimana spagnolo. Andiamo ad analizzare, in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola, quali sono state le mosse sei team. Sotto la lente d'ingrandimento, la Red Bull, che ha optato per l'ala scarica...

Formula 1
8 mag 2021
Podcast F1: Chinchero analizza le Qualifiche del GP di Spagna Prime

Podcast F1: Chinchero analizza le Qualifiche del GP di Spagna

Roberto Chinchero e Giacomo Rauli analizzano nel podcast le Qualifiche del Gran Premio di Spagna, quarto appuntamento del Mondiale 2021 di Formula 1. Buon ascolto!

Formula 1
8 mag 2021